The Medium per Xbox Series X è solo next gen perché impossibile sulle console attuali 119

The Medium, il nuovo horror per PC e Xbox Series X, è previsto solo su next gen perché non sarebbe stato possibile sulle console attuali a causa di una particolare meccanica.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   10/05/2020

The Medium è uno dei pochi giochi presentati al recente Inside Xbox dedicato a Xbox Series X che è stato annunciato come disponibile solo su next gen perché, come spiegato dagli autori, sarebbe risultato impossibile sulle console attuali.

Sviluppato da Bloober Team, The Medium è una sorta di horror psicologico, da quanto si è visto probabilmente in terza persona, che è emerso anche come uno dei progetti più interessanti tra quelli mostrati finora per Xbox Series X.

Insieme a Scorn, The Medium è un'esclusiva console Xbox Series X e disponibile solo su next gen: secondo il lead game designer Wojciech Piejko la scelta è emersa necessaria proprio in fase di progettazione del gioco, perché basato su caratteristiche che non sarebbero proponibili su Xbox One e PS4.

L'elemento principale di distinzione è dato dal passaggio tra i due mondi diversi che caratterizzano l'ambientazione del gioco: a quanto pare c'è una meccanica di gameplay specifica che non può ancora essere svelata ma che è risultata possibile solo con l'avvento della next gen.

A quanto pare, questa misteriosa meccanica di gameplay è una caratteristica distintiva di The Medium, che secondo quanto riferito da Piejko è anche brevettata e non sarebbe stata possibile sulle console di attuale generazione, cosa che ha portato alla necessità di rendere il gioco esclusivo su Xbox Series X.

"L'idea è emersa circa nel 2012, penso, almeno nella sua prima forma. Naturalmente il gioco poi è cambiato così come il nostro approccio, ma solo con l'arrivo della next gen è diventato possibile gestire la visione originaria. Quindi sì, in effetti abbiamo dovuto aspettare la nuova generazione per sviluppare questo gioco", ha spiegato il game designer.

"La meccanica di gameplay è costruita sui due mondi paralleli e non potrebbe essere realizzata sull'hardware di attuale generazione, questo è qualcosa che distinguerà The Medium da qualsiasi altro gioco, è anche brevettata. Dunque sì, il gioco semplicemente non poteva funzionare allo stesso modo sulle console di attuale generazione ed è per questo che l'abbiamo sviluppato su Xbox Series X, oltre al PC".

L'idea che emerge è che, oltre alle caratteristiche grafiche più avanzate, è possibile che anche l'innovativa gestione dei dati data dall'SSD e dall'Xbox Velocity Architecture possa consentire un passaggio immediato tra mondi decisamente diversi, forse in maniera dinamica e controllabile. Si tratta ovviamente di supposizioni ma meccaniche di questo tipo sono state immaginate con l'introduzione dei nuovi supporto a stato solido per Xbox Series X e PS5.

D'altra parte, Piejko ha parlato anche proprio dell'SSD e dell'hardware di Xbox Series X: "Per l'immersione che è cruciale nel gioco è la caratteristica migliore, in particolare quella fornita da Microsoft. Oltre naturalmente alla potenza bruta che è grande. In questo modo siamo riusciti a realizzare la nostra visione di The Medium per la prima volta proprio come l'avevamo immaginata". Per saperne di più, vi rimandiamo all'anteprima di The Medium, gioco in arrivo su Xbox Series X e PC su Xbox Game Pass al lancio e a cui ha collaborato anche il celebre compositore di Silent Hill, Akira Yamaoka.