Asfalto infinito

Partendo dalla popolarità della serie Asphalt, Gameloft realizza un endless runner... che endless non è

RECENSIONE di Tommaso Pugliese   —   29/09/2014
13
Asfalto infinito

Diciamo le cose come stanno: gli endless runner, uno dei generi più inflazionati su App Store e Google Play, esistono più che altro perché è relativamente facile realizzarli. Non serve un budget enorme, non servono team formati da decine di persone: semplicemente, una volta creati gli asset, basta un engine che li "mescoli" in modo casuale, aumentando gradualmente la velocità dell'azione. Che poi questo tipo di produzioni abbia riscosso un successo stratosferico, vedi i vari Temple Run e Jetpack Joyride, è un altro paio di maniche. Ebbene, ultimamente stiamo assistendo a una sorta di inversione di tendenza da parte di una delle software house più prolifiche del panorama mobile, Gameloft. A solo pochi giorni di distanza dall'uscita dell'ottimo Spider-Man Unlimited, infatti, la casa francese ha pubblicato un titolo estremamente simile, il qui presente Asphalt Overdrive, facendosi di fatto concorrenza da sola. Cerchiamo dunque di capire di cosa stiamo parlando: sia l'appena citato tie-in dell'Uomo Ragno sia lo spin-off a base endless della serie Asphalt sono giochi che appartengono al medesimo genere ma che ne rivoluzionano per molti versi le meccaniche, puntando su di un sistema di progressione tradizionale, con missioni e livelli, piuttosto che sulla "partita secca" in cui l'unico obiettivo è coprire la maggior distanza possibile. Non si tratta, insomma, di endless runner propriamente detti, bensì di action game che condividono quel tipo di impostazione e di controlli, proiettando però tali contenuti nell'ottica di una struttura che non si esaurisce in un tentativo singolo. Nel caso di Asphalt Overdrive c'è sicuramente il forte richiamo del franchise corsistico, che in ambito arcade ha ben pochi concorrenti su iOS, Android e Windows Phone, ma è bene chiarire come qui l'esperienza sia profondamente diversa rispetto ai normali episodi della serie. La nostra vettura viene infatti controllata tramite semplici "swipe" del dito sullo schermo per cambiarne la traiettoria rispetto a due o tre "corsie" che spesso vengono invase da ostacoli che abbiamo il compito di evitare.

Asphalt Overdrive è un endless runner che endless non è, con tante missioni e modalità ma qualche limite

Bisogno di velocità

Asfalto infinito

Il controllo della vettura in Asphalt Overdrive è identico a quello dell'Arrampicamuri in Spider-Man Unlimited, anche se la reattività del cambio di direzione dipende probabilmente dal modello dell'auto che stiamo guidando e capita abbastanza spesso che la risposta agli input non sia puntuale come dovrebbe, creando situazioni piuttosto frustranti. Sì, perché la velocità è tutto nel gioco e bisogna cercare di non commettere alcun errore, pena lo speronamento da parte delle volanti della polizia che ci inseguono durante le partite in modalità standard. Anche nelle altre varianti, quelle in cui bisogna eseguire un tot di acrobazie o eliminare un certo numero di automobili lungo il percorso, il concetto di timer è ben presente e spinge parecchio l'acceleratore sui potenziamenti, che vanno acquistati utilizzando la valuta virtuale del gioco e che si sbloccano in maniera abbastanza rapida, quantomeno all'interno della prima delle cinque zone disponibili. Durante i nostri test abbiamo infatti notato due limiti riconducibili al carattere freemium dell'esperienza: il primo è rappresentato dagli ormai immancabili "punti azione", che si spendono ogni volta che tentiamo una missione e si ricaricano col passare del tempo (oppure ricorrendo alla valuta pregiata, i lingotti d'oro, che si ci può procurare in una certa quantità solo tramite in-app purchase); il secondo da un bilanciamento della difficoltà discutibile proprio per quanto riguarda le fasi finali di ogni zona, visto che diventa impossibile completare tutte le missioni usando la prima vettura che abbiamo acquistato e ciò costringe a effettuare un lungo e noioso grinding per potersi permettere un'altra auto con cui superare finalmente le prove che rimangono prima del salto verso la categoria successiva. A ciò si aggiunge una sistematica ripetitività delle situazioni, perché le tipologie di missioni alla fine sono sempre le solite. Pur risultando decisamente più appetibile e profondo di un normale endless runner, dotato com'è di un comparto tecnico di tutto rispetto per fluidità, dettaglio ed effettistica, Asphalt Overdrive non riesce insomma a offrire la stessa varietà di Spider-Man Unlimited e soffre a causa di un approccio freemium abbastanza limitante. Detto questo, il valore qualitativo del gioco è indiscutibile e andrebbe quantomeno provato.

Commento

Versione testata
iPhone (1.0.2)
Digital Delivery
App Store
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

7.0

Lettori (4)

4.4

Il tuo voto

Non c'è dubbio che la nuova generazione di endless runner realizzata da Gameloft, meno votata a un approccio "survival" quanto più a una struttura tradizionale con missioni e livelli, offra un intrattenimento più significativo rispetto alle "partite secche" di titoli che pure hanno riscosso uno straordinario successo in ambito mobile, come Temple Run e Jetpack Joyride. Asphalt Overdrive cerca peraltro di sfruttare la popolarità di un brand molto popolare per catapultarci all'interno di gare frenetiche e spettacolari, raggiungendo l'obiettivo ma mostrando il fianco a un paio di limitazioni abbastanza gravi, nelle fattispecie gli ormai immancabili "punti azione" e un bilanciamento della difficoltà discutibile. Al di là di questo, chi è alla ricerca di un endless "evoluto" e divertente ci faccia tranquillamente un giro.

PRO

  • Un "endless" con missioni, livelli e boss finali
  • Frenetico e spettacolare
  • Ottimo comparto tecnico...
CONTRO
  • ...anche se non ai livelli del "vero" Asphalt
  • Diventa abbastanza ripetitivo dopo la prima zona
  • Controlli touch spesso manchevoli