Mura di sabbia

Finalmente potrete fare castelli in aria... ma solidi come quelli di carte!

RECENSIONE di Simone Marcocchi —   06/10/2014
37

Capita nella vita di tornare a guardare un film o di rileggere un libro, dopo molti anni, e di accorgersi che non era esattamente come ce lo ricordavamo. La memoria a volte gioca brutti scherzi, aggiungendo dettagli o sfumature inesistenti.

Mura di sabbia
Mura di sabbia

Nel mondo dei videogame, soprattutto nel retrogaming, questa compensazione è essenziale, ma ci sono serie che sarebbe meglio riposino in pace. I ragazzi di Firefly Studios ci riportano nel vivo della battaglia: questa volta gli occidentali dovranno vedersela per forza di cose contro i terribili guerrieri del Saladino e le sue truppe armate. Una volta incontrati capirete subito che i temibili guerrieri a cavallo saranno davvero tosti e che per affrontare un nemico grande... ci vuole un castello grande! Anche in questo capitolo, è sempre funzionale e accattivante il momento in cui alzerete le mura di cinta a tutela dei vostri possedimenti. Sia che circondiate una barriera naturale come le montagne o il mare, sia che scegliate di proteggere le zone naturali come le oasi, dovrete procurarvi non pochi beni, dati i costi ingenti. Ed è proprio qui che inizia il gioco. Per entrare maggiormente nel dettaglio avrete quindi: un ricco tutorial in cui conoscere le basi, che riguarda il posizionamento del primo magazzino fino alla resistenza dagli attacchi nemici, la campagna in cui rappresenterete l'esercito cristiano, con tutti i richiami estetici e gestionali dei classici castelli occidentali e il momento in cui dovrete lottare spalla a spalla con Saladino. Salvo i tutorial la difficoltà non è mai ai massimi livelli. Il ripetersi delle stesse poche azioni per avere a disposizione rapidamente le risorse per creare un esercito è un elemento che gioca in favore dell'immediatezza all'azione della battaglia, la quale vedrà quasi sempre due schieramenti che si scontrano frontalmente (fino all'attacco finale al castello), per questo le strategie da apprendere sono quasi sempre piuttosto basilari. Nonostante ciò passerà del tempo prima che l'esito anche di piccole schermaglie possa volgere in vostro favore e che ciò risulti così naturale e semplice da amministrare come in realtà è.

Stronghold Crusader II è un ritorno che si rivolge principalmente ai suoi vecchi fan

Prenderci per... mano

Nonostante si possa essere poco avvezzi ai tutorial, nei titoli strategici è essenziale prendere dimestichezza con tutti quegli elementi, indispensabili all'economia del gioco, che vi permettono di assumere il controllo delle fonti di sostentamento primarie, giacimenti ed elementi naturali da sfruttare, per poi impiegarla al meglio durante la partita. Nel caso specifico di Stronghold Crusader 2 questa è una delle parti che ancora oggi funziona a meraviglia, come in passato.

Mura di sabbia
Mura di sabbia

Gli obiettivi semplici ed essenziali tenteranno di stuzzicare in voi la scelta ottimale nell'impiego dell'adeguato numero di artigiani o di soldati, sfruttando le risorse a disposizione. In queste prime effettive missioni è essenziale provare ad andare oltre ciò che vi viene imposto nelle missioni, anche per capire al meglio come muoversi sul territorio. Il fatto che dobbiate costruire un castello su un terreno sabbioso impone che dobbiate per forza di cose disperdere i vostri uomini su un'area molto vasta e per questo potrebbero subire attacchi sia dai nemici che dalle fiere pronte a sbranare i poveri malcapitati. Il ritmo di gioco è sempre molto serrato e non ci saranno molti momenti noiosi, per questo è meglio predisporre in modo rapido, e fin da subito, i vostri artigiani e le truppe a difesa della zona. Una volta che sarete riusciti ad incamerare abbastanza mezzi sarà il momento di erigere le vostre agognate mura. Una volta selezionata la tipologia vi basterà collocarle sulla zona designata, a patto che non ci siano sulla traiettoria immaginaria "barriere" naturali come alberi o piccole radure che ne impediscano la costruzione. Qualora non vogliate realizzare perfetti quadrati, vi sarà data la possibilità di congiungere le linee del perimetro, con un agganciamento magnetico, che forma delle diagonali nelle varie congiunzioni, così che anche esteticamente, oltre che tecnicamente, possiate sbizzarrirvi in opere di ingegneria. L'aspetto però più importante è quello di poter "arredare" le vostre strutture con un sistema verticalizzato e molto versatile. Qualora infatti siate abbastanza ricchi potrete ad esempio creare un primo cerchio di mura, arricchirlo in seguito di camminatoi e collegare le varie strutture tra loro, magari sfruttando le utili torri. Queste ultime sono fondamentali in quanto gli arcieri sono decisamente letali, riuscire ad offrire loro una pratica e comoda zona di tiro vi eviterà di impedire che l'avversario possa avvicinarsi troppo alla vostra fortificazione ed iniziare a "rosicchiare" le vostre difese murarie.

Quando manca l'intelligenza

L'intelligenza artificiale è spesso quanto di meno logico e divertente ci sia, per questo spesso anche la parte più difficile da programmare. Tutti i combattenti in Stronghold Crusader 2 accetteranno di buon grado la selva di frecce che piomberà sulle loro teste, senza nemmeno battere ciglio nel momento in cui i loro primi sventurati compagni d'armi cadranno a pochi metri da loro. Con una catapulta potrete sventrare i possenti muri di pietra dei castelli (o subire la stessa sorta), osservando con piacere gli effetti del motore Havok che anima la caduta delle pietre.

Mura di sabbia

In quest'ultimo caso l'imperturbabilità dei "combattenti perfetti" farà si che nulla cambi nella loro disposizione, fino a quando il colpo di grazia e la visita del "tristo mietitore" li traghetterà all'altro mondo. Nel momento in cui non agirete direttamente sulle truppe con compiti specifici, nella speranza che facciano quello che volete voi e non decidano di ignorare i vostri ordini, queste sceglieranno di girare per la zona nemica come se si trovassero a Disney World. Subiranno infatti danni da ogni dove e senza provare a raccogliersi intorno ad un singolo nemico alla volta per abbatterlo ma, all'esatto opposto, potrebbe capitare che uno solo di loro possa decimare un manipolo dei vostri uomini. Non dimentichiamoci della parte multiplayer, la vera chicca che appassiona da sempre molti giocatori: la possibilità di dimostrare agli avversari umani che le nostre competenze belliche sono migliori delle loro esiste ancora e funziona bene. Da soli o in compagnia di qualcuno, meglio se un amico con il quale abbiamo studiato a tavolino ogni mossa, potrebbe essere la spinta che vi guiderà all'acquisto, fermo restando che i difetti tecnici riscontrati appena sopra permangono, considerando che in alcuni casi avrete in partita anche l'intelligenza artificiale ad arricchire, si fa per dire, il piatto.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova

  • La redazione usa il Personal Computer ASUS CG8250
  • Processore Intel Core i7 3770K
  • 16 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX 680
  • Sistema operativo Windows 7

Requisiti minimi

  • Processore Intel Core2 Duo 2Ghz o equivalente
  • 2 GB RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce 8800GT 512MB o AMD Radeon HD 2900XT 512MB o migliori
  • 4 GB di spazio su disco

Requisiti consigliati

  • Processore Intel Core i5
  • 8 GB RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX 460 1GB o AMD Radeon HD 5830 1GB

Commento

Digital Delivery
Steam
Prezzo
34,99 €
Multiplayer.it

7.0

Lettori (23)

7.9

Il tuo voto

Stronghold Crusader 2 è un prodotto costruito e impacchettato per quei fan che, dopo dodici anni, sono disposti a tutto pur di poter giocare nuovamente a questa serie. Alcune scelte, che ai suoi predecessori si potevano perdonare, in nome di una maggiore "spensieratezza" e divertimento immediato, ora mostrano il fianco al trascorrere ineluttabile del tempo. Non si può escludere a priori che diverta ancora, ma il prezzo a cui viene proposto è di certo troppo alto per una produzione di questo tipo, mentre ad una cifra più simile a quella dei suoi fratelli "in alta risoluzione", accenderebbe qualche interesse in più.

PRO

  • Non richiede grandi configurazioni per girare
  • I tutorial sono sempre divertenti, la strategia però è tutta del giocatore
  • Battaglie in multiplayer
  • Release fatta per gli aficionados...
CONTRO
  • ...che non incontrerà il favore di nuovi utenti
  • Meccaniche a tratti semplicistiche
  • Intelligenza artificiale rivedibile