Arcane, la recensione della serie evento di League of Legends

La recensione di Arcane, la serie evento di Netflix e Riot Games ispirata dall'universo di League of Legends, Runeterra e TeamFight Tactics.

RECENSIONE di Luca Forte   —   20/11/2021
66

Non sappiamo se fosse finta modestia, pretattica o se davvero Riot Games pensava che Arcane, la prima serie televisiva dedicata all'universo di League of Legends, non sarebbe stata accolta con favore dai fan del celebre MOBA. Dopo aver visto i primi 9 episodi che compongono la prima stagione, disponibile in esclusiva su Netflix, non solo siamo convinti che Arcane meriti un nuovo ciclo di puntate, ma speriamo vivamente che Riot Games, Fortiche Productions e Netflix continuino con la loro proficua collaborazione anche in altri modi.

La recensione di Arcane, la serie evento di League of Legends si potrebbe chiudere con una singola parola: guardatela. Amate LoL e i personaggi che popolano i videogiochi ambientati in questo universo? In Arcane scoprirete tanti dettagli sulle loro origini. Amate le serie animate? Queste prime puntate sono un tripudio di stile e colori. Vi piacciono semplicemente le belle storie? L'epopea di Vi e Jinx vi terrà incollati allo schermo.

Evoluzione

La locandina di Arcane
La locandina di Arcane

La prima stagione di Arcane serve, da una parte a raccontare le origini di alcuni degli eroi più amati di League of Legends. Non solo Vi e Jinx: sullo schermo di alterneranno anche Catylin, Viktor e Jayce, solo per citare i personaggi centrali dei questo primo ciclo di puntate. Dall'altra serve a introdurre il mondo Valoran, i rapporti di forza tra Piltover e Zaun e la nascita dell'Hextech, la tecnologia che consente a tutti di ottenere poteri sovrannaturali.

Per farlo gli sceneggiatori hanno diviso la storia in tre diverse ere nelle quali progressivamente si formano gli eroi che milioni di persone sono abituati a conoscere. Jinx passa dall'essere una simpatica ragazzina a una sorta di Joker dalle lunghe trecce blu. Jayce parte come uno studioso idealista e pieno di entusiasmo, per diventare un politico scafato e un imponente guerriero. Cat troverà la forza per farsi notare dai suoi genitori, mentre Viktor combatterà una guerra contro il tempo.

Tutte queste storie si intrecciano in maniera convincente, senza mai rallentare il ritmo e riservando anche qualche bel colpo di scena. Quello che, però, stupisce più di tutti è il vedere come Arcane sia già un prodotto maturo e pienamente consapevole di sé. Lo si vede dal modo col quale tratta l'amore, la violenza, il sesso o il tradimento, ovvero sempre senza esagerazioni, in maniera naturale, senza ostentazioni.

In questo modo è vero che ci si muove n un mondo nel quale regna la magie e si possono incontrare piccoli esseri batuffolosi, ma i sentimenti sono reali e può nascere un forte legame anche tra un boss della malavita e una scheggia impazzita.

Tecnologia

Jinx è uno dei personaggi migliori di Arcane
Jinx è uno dei personaggi migliori di Arcane

Uno degli altri motivi che potrebbero spingervi a vedere Arcane è che è semplicemente molto piacevole da vedere e da sentire. È questo, probabilmente, l'aspetto che più ci ha sorpreso di tutta l'operazione. Non che i valori produttivi dietro ad Arcane non facessero presagire una qualità superiore, Fortiche Productions, oltretutto, aveva già dimostrato il suo talento nei video dei Gorillaz o nelle precedenti collaborazioni con Riot, ma era la prima volta che tutte le parti coinvolte (tranne Netflix, ovviamente) erano alle prese con un progetto dal respiro così ampio. Il rischio di fallire, indispettendo i fan della serie come hanno fatto decine di produzioni prima di Arcane, era presente. Così come era possibile creare semplicemente un buon prodotto.

Andare oltre, creando una delle serie animate più belle degli ultimi tempi era -forse- imprevisto. Eppure, per tutta la prima stagione non c'è un'animazioni fuori posto, una canzone sfruttata male, un'inquadratura goffa. Grazie a una splendida e oculata scelta delle tinte e dei colori e a un character design molto ispirato, ogni immagine di Arcane sembra un artwork in movimento. Ce ne si accorge quando, per qualche motivo, la scena di ferma, per sottolineare un istante di particolare intensità. Quella che si vede sullo schermo sembra un'immagine promozionale della serie che poi, quasi per magia, comincia ad animarsi.

A impreziosire il tutto c'è anche un cast di doppiatori eccezionale. Per la versione inglese si sono scelti talenti provenienti direttamente da Hollywood (Katie Leung è Caitlyn, Hailee Steinfeld è Vi, Kevin Alejandro interpreta Jayce, Ella Purnell è una splendida Jinx), ma anche l'edizione italiana si difende egregiamente, con voci ben calate nella parte e in grado di offrire un'interpretazione di livello.

Gli Imagine Dragons hanno firmato la sigla iniziale di Arcane
Gli Imagine Dragons hanno firmato la sigla iniziale di Arcane

Finiamo con una colonna sonora che è finita direttamente su Spotify, tanto è ricca di nomi di richiamo del panorama musicale mondiale. Non solo questi brani sono stati inseriti all'interno di Arcane, ma sono entrati a far parte del tessuto narrativo delle scene, con i momenti topici di ogni puntata scritti e disegnati proprio con quelle parole o quei ritmi in testa.

Come dicevamo, quello che stupisce è il livello di maturità che un'opera di debutto come Arcane mostra sin dal primo episodio. Un inizio che fa ben sperare per le prossime stagioni (ci saranno, vero?) e per un'espansione ancora più fragorosa dell'universo di League of Legends (e con lui di Riot Games e Tencent) nel mondo dell'intrattenimento.

Commento

Multiplayer.it

9.0

Arcane è un'opera matura, sorprendente e bellissima. Una serie animata che va vista sia che siate fan di League of Legends, sia che siate semplicemente alla ricerca di una storia piacevole, senza momenti morti e impressionante dal punto audio-visivo. Dimenticatevi le pur gradevoli serie di Castlevania, Dota 2 o Resident Evil: Arcane è un'opera di tutt'altro livello, sia per valori produttivi, sia per come si amalgama col resto della produzione di Riot Games.

PRO

  • Stiliscamente eccezionale
  • Valori produttivi alle stelle
  • Un prodotto maturo
CONTRO
  • Quando arriva la prossima stagione?