Bombastic Brothers, la recensione 1

Uno sparatutto dallo stile classico per piattaforme mobile, ecco Bombastic Brothers e la sua recensione.

RECENSIONE di Giorgio Melani   —   25/04/2019

C'è sempre voglia di un po' di azione in stile arcade classico, in particolare sui dispositivi mobile dove le partite veloci e immediate si associano perfettamente all'utilizzo videoludico di tali piattaforme. Abbiamo assistito a numerosi adattamenti di videogiochi classici su iOS e Android, magari ineccepibili tecnicamente ma spesso carenti dal punto di vista della giocabilità, principalmente a causa del sistema di controllo che, di default, su smartphone e tablet risulta sempre una forte limitazione. Al di là di soluzioni complicate come l'utilizzo di controller appositi, il modo migliore per assicurare la fruibilità nel contesto mobile è costruire i giochi mettendo il sistema di controllo al centro, dunque svilupparli intorno al touch screen, piuttosto che adattare quest'ultimo al gameplay classico. Bombastic Brothers, protagonista di questa recensione, cerca di trovare una via di mezzo tra le due diverse soluzioni, andando a ripescare dinamiche classiche ispirandosi a pietre miliari come Metal Slug, ma modificandone il gameplay in modo da accogliere al meglio il sistema di controllo dei dispositivi mobile.


Il risultato è piuttosto convincente, purché si tengano ben presenti le distanze dalle evidenti fonti d'ispirazione. Il capolavoro SNK resta molto lontano, così come molti sparatutto run and gun per arcade e console, ma nel contesto delle piattaforme mobile Bombastic Brothers riesce ad essere un gioco divertente e piacevole, pur nella semplificazione generale attuata ai principi classici del genere per venire incontro al sistema di controllo e al modo di giocare su smartphone. Si tratta, anche in questo caso, di controllare vari personaggi dotati di caratteristiche leggermente differenti all'interno di numerosi livelli, in una lotta senza quartiere contro un esercito di alieni bio-meccanici invasori. I riferimenti a Metal Slug sono evidenti dalla struttura fondamentale del gioco alle ambientazioni, fino a vari elementi di contorno: si tratta anche in questo caso di uno shooter con marginali sfumatureplatform a scorrimento orizzontale, che ci pone alle prese con orde di alieni vari con power-up da raccogliere e anche veicoli da utilizzare. A rimarcare i collegamenti con il classico SNK anche alcune piccolezze come i civili che fuggono impauriti e la stessa caratterizzazione di alcuni personaggi giocabili.

Sparatutto con elementi gestionali

Ad arricchire la struttura e distanziarla da quella dell'arcade classico, però, ci sono vari elementi aggiuntivi al gameplay di Bombastic Brothers che lo avvicinano chiaramente a certi canoni stabiliti per i videogiochi mobile. C'è una progressione costante dei personaggi, con tanto di livello di esperienza, abilità aggiuntive e armi ed equipaggiamenti sempre più potenti da applicare, quasi a infondere caratteristiche RPG allo shooter classico in 2D. C'è anche una nave-base con tanto di stanze da sbloccare e potenziare, dedicate all'addestramento dei personaggi, alla gestione delle armi, alle sfide giornaliere ed altro, in grado di aggiungere un ulteriore strato di strategia e gestione in grado di variare l'azione standard dei vari livelli. Ovviamente tutto questo rientra precisamente nella meccanica free-to-play del gioco, che si collega a doppio filo con il sistema di progressione generale: l'economia si basa sulla raccolta di gemme che possono essere utilizzate per ridurre le attese nella costruzione e potenziamento delle stanze della nave o nella possibilità di aprire le casse premio, oltre al fatto di poter acquistare piastrine e altre valute alternative che sono necessarie per far salire di livello i personaggi.


È abbastanza chiaro dove Bombastic Brothers voglia andare a parare con questa complessa sovrastruttura fatta di potenziamenti, esperienza e power-up: per giocare anche la modalità standard è richiesto un certo livello di esperienza per ogni scenario, che ben presto impone un po' di grinding per raggiungere i requisiti di accesso. In un modo o nell'altro, ci si trova a sbattere in certi casi nei paywall, che costringono a pagare qualche soldo oppure attendere per lo sblocco delle casse e per le ricompense aggiuntive. Non è un sistema particolarmente perverso, anche perché il ricorso alle sfide giornaliere e soluzioni simili aiuta sicuramente nel processo di evoluzione, ma è praticamente impossibile proseguire semplicemente di livello in livello nella modalità normale senza incappare in pause forzate. Per quanto riguarda la meccanica standard delle fasi shooter, Bombastic Brothers cerca di essere una via di mezzo tra uno sparatutto classico e un gioco mobile: i controlli sono affidati al classico pad virtuale su touch screen ma per semplificare la vita il sistema di mira e il lock-on sui nemici sono completamente automatizzati, cosa che funziona bene per chi vuole un gioco da affrontare a cuor leggero ma potrebbe essere aberrante per il cultore dello sparatutto vero. La componente grafica, al di là del solito effetto da "flash game" che spesso hanno i titoli 2D in alta definizione non pixellosi, si presenta curata e con una buona caratterizzazione.

Versione testata
iPad 1.0.63
Digital Delivery
App Store
Prezzo
Gratis
Multiplayer.it

7.2

Lettori

S.V.

Il tuo voto

Il paragone viene naturale, ma menzionare Metal Slug fa emergere aspettative fuori scala rispetto a quello che vuole essere Bombastic Brothers e che riesce effettivamente a proporre sullo schermo. Si tratta di uno sparatutto necessariamente semplificato, in quanto progettato per essere giocato in maniera ottimale su smartphone, riuscendo comunque a essere divertente e coinvolgente. La sovrastruttura gestionale ha tutta l'aria di essere un pretesto per le micro-transazioni, mentre la mira e il lock automatici possono dare fastidio, almeno fin quando non ci si rende conto che il gioco funziona semplicemente in maniera diversa rispetto a quello che ci si aspetta da un run and gun classico. Resta comunque un buon arcade mobile dall'atmosfera classica e particolarmente accessibile.

PRO

  • Immediato e divertente
  • Scenari e situazioni diverse
  • Sistema di controllo ben studiato per il touch screen

CONTRO

  • Un po' troppo semplificato come shooter classico
  • Qualche imprecisione nei controlli a causa degli automatismi
  • Il meccanismo di grinding e micro-transazioni si fa sentire