Neverwinter Nights: Enhanced Edition, la recensione per PlayStation 4 36

La nostra recensione di Neverwinter Nights: Enhanced Edition per PlayStation 4, torna un classico di Dungeons & Dragons

RECENSIONE di Simone Pettine   —   11/12/2019

Indice

Con gioia di tutti gli amanti dei GDR e del mondo di Dungeons & Dragons in particolare, oggi possiamo offrirvi la nostra recensione di Neverwinter Nights: Enhanced Edition su PlayStation 4. Sì, lo sappiamo, se siete amanti di quest'avventura particolare dal lontano 2002 probabilmente di recente l'avrete già rivista alla ribalta: la versione di cui vi parliamo oggi non è altro che la Diamond Edition arricchita da ulteriori contenuti e miglioramenti, fino ad offrire tutto ciò che un vero fan potrebbe desiderare dall'opera. Impossibile quindi pensare ad un'edizione più "definitiva" di questa, anche se la conversione su console (su PC arrivò nella primavera del 2018) viene proposta ad un prezzo decisamente discutibile. Vediamo dunque tutti i dettagli della conversione, i contenuti e riflettiamo su alcune considerazioni importanti.

Contenuti

Neverwinter Nights è l'RPG in terza persona sviluppato da BioWare, basato sulla terza edizione di Dungeons & Dragons e in particolare ambientato nei Forgotten Realms. I contenuti della Neverwinter Nights: Enhanced Edition offrono un quantitativo di ore di gioco inimmaginabile: annotiamo la presenza di oltre 100 ore garantite solo dai DLC, con dieci avventure stand alone ambientate nel mondo di Dungeons & Dragons, e in particolare sono presenti tutte le espansioni che potreste aspettarvi, come Shadows of Undrentide, Hordes of the Underdark, e le modalità Wyvern Crown of Cormyr e Pirates of the Sword Coast. Tutto ciò, del resto, era già presente nella Diamond Edition, cui abbiamo in precedenza fatto riferimento.

Dalla Diamond Edition si è passati poi alla Neverwinter Nights: Enhanced Edition. I miglioramenti specifici di questa versione sono soprattutto incentrati su rifiniture per l'interfaccia utente e sulla correzione di diversi bug secondari, nonché sull'aggiunta dei 4K/1080; il tutto mantenendo il supporto a mod e alla vastità del materiale di partenza originale (principalmente su PC). Il tentativo di Beamdog è stato quello di un lavoro di restauro il più completo e rispettoso possibile, senza trascurare la possibilità di attirare nuovi giocatori, che di certo avrebbero storto più volte il naso alla vista della "vecchia" grafica di gioco.

Sia chiaro: Neverwinter Nights: Enhanced Edition è sempre lo stesso, soprattutto nella struttura di base e nei modelli poligonali, e non potrebbe essere altrimenti trattandosi di una remaster: gli anni sulle sue spalle si vedono tutti quanti. Quest'ultimo dettaglio, a seconda del punto vista, potrebbe essere considerato un pregio oppure un difetto: c'era bisogno ancora di una nuova versione a pagamento, invece di introdurre i miglioramenti grafici tramite aggiornamento sulla Diamond Edition?

Al momento di avviare la vostra prima campagna su Neverwinter Nights: Enhanced Edition potrete scegliere se puntare all'avventura principale oppure ad una delle due espansioni incluse; in alternativa ad attendervi ci sono i moduli premium. Ancora, il titolo è fruibile completamente in modalità , ma supporta anche il multigiocatore online cooperativo.

Trofei PlayStation 4

Neverwinter Nights: Enhanced Edition arriva su PlayStation 4 con uno scintillante Trofeo di Platino, ma aggiudicarselo non sarà semplice dato che dovrete completare l'intero gioco alla difficoltà più elevata; e anche se ormai potreste conoscerlo come le vostre tasche, avrete comunque bisogno di moltissime ore a disposizione. Resta sicuramente un Platino di cui potersi vantare con gli amici.

La conversione su PlayStation 4

Chiariti i contenuti e l'operazione alla base di Neverwinter Nights: Enhanced Edition, passiamo alla vera questione di fondo: la conversione su PlayStation 4. I giocatori su PC che per qualche motivo vorranno passare a godersi le avventure nei Forgotten Realms su PlayStation 4 andranno in contro ad un trauma senza precedenti: non perché la mappatura dei comandi sia stata effettuata senza intelligenza, ma semplicemente perché, pur con un adattamento pregevole e probabilmente non migliorabile ulteriormente, resta scomoda.

Quasi ogni azione e interazione con personaggi e mondo circostante è affidata ad un menù radiale, richiamabile con i tasti dorsali; la navigazione è invece affidata agli stick analogici. Il tutto risulta macchinoso e anche decisamente lento, perché ogni singolo menù si articola in un'infinità di sottomenù. Serviranno ore ed ore per memorizzare il "percorso" verso determinate azioni e rende il procedimento agevole.

Ad ogni modo, con un Dualshock 4 a disposizione e in generale con i gamepad, di meglio non era probabilmente possibile fare, a meno che non si preferisca collegare direttamente tastiera e mouse alla PlayStation 4: e a quel punto tante vale avviare un PC. Del resto anche i modelli datati reggono ormai perfettamente Neverwinter Nights: Enhanced Edition, anche grazie al lavoro di ottimizzazione degli sviluppatori realizzato negli ultimi anni.

Per quanto riguarda il comparto grafico e tecnico, tutti i pregi dell'alta definizione notati lo scorso anno su Personal Computer sono arrivati anche sulla console ammiraglia Sony: render, texture, ambienti interni ed esterni sono stati rivisti e migliorati, senza chiaramente la possibilità di eliminare la "spigolosità" di fondo dell'intera produzione. Discorso a parte meriterebbero le linee di dialogo, che seppur riviste contengono ancora degli errori grossolani; alcune volte, inoltre, dalla lingua italiana passano inspiegabilmente a quella inglese. Si tratta di difetti minimi, comunque, a fronte di una conversione ottima... che comunque vi costerà non meno di cinquanta euro.

Versione testata
PlayStation 4
Digital Delivery
PlayStation Store
Prezzo
54,99 €
Multiplayer.it

8.0

Lettori (6)

8.1

Il tuo voto

La Neverwinter Nights: Enhanced Edition potrebbe essere, a seconda della prospettiva, l'occasione perfetta per recuperare un titolo indimenticabile del vostro passato di videogiocatori, oppure una nuova operazione di restauro perfettamente evitabile. Ora, la conversione per PlayStation 4 è di pregevole fattura, anche se non mancano alcuni piccoli difetti (glitch occasionali, errori nelle linee di dialogo in italiano); il vero problema è l'adattamento dell'interfaccia di gioco al Dualshock 4, funzionale e intelligente ma comunque inevitabilmente scomodo. Se aggiungiamo anche un prezzo di lancio tendente verso l'alto, la domanda sorge spontanea: perché non recuperare Neverwinter Nights: Enhanced Edition su PC, a prezzo ridotto e con comandi molto più intuitivi?

PRO

  • Fedele al materiale di partenza
  • Notevoli miglioramenti grafici e tecnici
  • Buon adattamento dei comandi di gioco

CONTRO

  • Su console è meno intuitivo e pratico che su PC
  • Mostra comunque il peso dei suoi anni
  • Prezzo di lancio elevato