POCO F4 GT, la recensione del gaming phone Android dal prezzo aggressivo e dalle ottime prestazioni

La recensione di POCO F4 GT, smartphone Android orientato al gaming che però non si scorda di fare anche il telefonino

RECENSIONE di Fabio Palmisano   —   26/04/2022
30

Chiunque segua anche solo limitatamente il mondo degli smartphone Android sarà a conoscenza del fatto che esiste una nicchia di mercato dedicata ai prodotti indirizzati ai videogiocatori: dispositivi come il celebre ROG Phone 5S o il recente REDMAGIC 7 Pro sono fra gli esponenti di spicco di questo segmento, e sono entrambi caratterizzati dal fatto di scendere poco a compromessi, offrendo tutto ciò che serve per giocare al top delle possibilità ma sacrificando la parte più strettamente "telefonica" e ponendosi in una fascia di prezzo non esattamente abbordabile.

POCO F4 GT è uno smartphone con una forte propensione al gaming
POCO F4 GT è uno smartphone con una forte propensione al gaming

In questa recensione di POCO F4 GT parliamo invece di un device che, pur essendo in tutto e per tutto un gaming phone, tenta di percorrere una strada alternativa rispetto a quella descritta poco sopra. L'intenzione del produttore cinese è infatti quella di offrire uno smartphone capace sì di soddisfare le esigenze dei videogiocatori, ma senza per questo rinunciare all'ambizione di essere anche una scelta appetibile per chi cerca un dispositivo Android con una dotazione tecnica notevole a un prezzo interessante: POCO F4 GT esce infatti sul mercato con un listino di 599,90 Euro nella versione 8/128 GB e 699,90 Euro per il taglio da 12/256 GB, senza contare la promozione Early Bird valida fino al 29 Aprile che abbassa i prezzi di ulteriori cento Euro.

Caratteristiche hardware

POCO F4 GT nella sua confezione
POCO F4 GT nella sua confezione

Che POCO F4 GT faccia sul serio lo si capisce subito dando uno sguardo a una scheda tecnica che poco o nulla ha da invidiare a quella di un top di gamma fatto e finito. Il processore è infatti il fiammante Snapdragon 8 Gen 1 con processo produttivo a 4 nanometri utilizzato da tutti i migliori smartphone Android del momento, e lo stesso discorso vale per la GPU che è la Adreno 730 che campeggia stabilmente su tutti i flagship di questo inizio 2022. A completare il quadro troviamo 8 o 12 GB di RAM LPDDR5 a 3200 MHz che si abbinano a 128 o 256 GB di memoria di archiviazione (non espandibile) di tipo UFS 3.1.

Lato connettività c'è tutto ciò che serve, ovvero supporto alle reti 5G oltre a Wi-Fi, GPS, Bluetooth e NFC, anche se i puristi del gaming potrebbero storcere il naso per l'assenza del jack da 3,5 mm per le cuffie che di solito in dispositivi di questo tipo non manca mai. Incluso nella confezione, tuttavia, si trova un connettore per collegare gli auricolari tramite porta USB, assieme al cavo di ricarica, a una cover trasparente in silicone e al massiccio alimentatore da 120 Watt.

Scheda tecnica POCO F4 GT

  • Display: AMOLED FHD+ da 6,67" con refresh rate a 120 Hz
  • SoC: Qualcomm Snapdragon 8 Gen1 con Adreno 730
  • RAM: 8 o 12 GB LPDDR5 a 3200 MHz
  • Fotocamere posteriori:
    • Wide da 64 MP con f/1,7
    • Grandangolare da 8 MP con f/2,2 e FOV 120°
    • Macro da 2 MP con f/2,4
  • Fotocamera frontale:
    • Wide da 20 MP con f/2,5
  • Connettività Wi-Fi: 802.11 a/b/g/n/ac/6e
  • Bluetooth: 5.2 con A2DP/LE
  • Sensori: Accelerometro, Giroscopio, Bussola elettronica, Prossimità, Impronta Digitale
  • Colori:
    • Stealth Black
    • Knight Silver
    • Cyber Yellow
  • Batteria: 4700 mAh
  • Dimensioni: 162.5 x 76.7 x 8.5 mm
  • Peso: 210 grammi
  • Memoria e prezzo:
    • 8 GB RAM + 128 GB | 599,90€
    • 12 GB RAM + 256 GB | 699,90€

Design

Il design di POCO F4 GT non è "esagerato" come quello di  altri gaming phone
Il design di POCO F4 GT non è "esagerato" come quello di altri gaming phone

I gaming phone ci hanno abituato a design aggressivi e ipertecnologici (per non dire proprio tamarri), ed è quindi con piacere che accogliamo la decisione di POCO F4 GT di andare in decisa controtendenza, sfoggiando un look da smartphone quasi "normale". Sia chiaro, sobrietà ed eleganza magari non sono proprio le pietre angolari di questo dispositivo, ma quando lo si estrae dalla tasca perlomeno non si ha la sensazione di avere per le mani un'astronave.

La cover posteriore è realizzata in vetro, divisa da una linea verticale lucida e da due triangoli che dai lati convergono verso il centro: dettagli che danno una certa personalità a POCO F4 GT senza apparire per questo eccessivi. Il modulo delle fotocamere occupa l'angolo in alto a sinistra della scocca, condividendone il tema dei triangoli laterali e presentando alcuni gradevoli tocchi di stile come il flash a forma di fulmine e due LED RGB che si attivano per segnalare le notifiche.

I grilletti magnetici e i relativi slider sul lato destro di POCO F4 GT
I grilletti magnetici e i relativi slider sul lato destro di POCO F4 GT

Lo schermo da 6,67" è protetto da Gorilla Glass Victus, con un piccolo punch hole al centro che ospita la fotocamera frontale. La cornice in alluminio merita invece un po' più di attenzione del solito in quanto contiene sulla destra una delle maggiori peculiarità di POCO F4 GT, ovvero i due grilletti a scomparsa (attivabili dagli slider disposti sullo stesso lato) che possono essere sfruttati a piacere nei videogiochi ma fungono anche da scorciatoie per determinate funzioni del telefono. In mezzo ad essi c'è il tasto di accensione che integra anche il sensore per le impronte digitali, sulla sinistra l'alloggiamento per due nanoSIM, il bilanciere del volume e un microfono, in alto la porta a infrarossi, un ulteriore microfono e lo speaker secondario, mentre in basso abbiamo l'altoparlante e il microfono principali assieme alla porta USB-C.

In merito a dimensioni e peso, POCO F4 GT riesce poi a limitare i danni, con misure pari a 162.5 x 76.7 x 8.5 mm per 210 grammi che lo rendono meno voluminoso di altri illustri colleghi e utilizza un form factor da 20:9 che lo snellisce quel poco che basta per non farlo sembrare un "padellone" come tanti.

Display

Il display di POCO F4 GT è un AMOLED di ottima qualità
Il display di POCO F4 GT è un AMOLED di ottima qualità

POCO F4 GT monta un display AMOLED da 6,67" con risoluzione FHD+ 1080 x 2400 pixel: i freddi numeri ci dicono che esistono in commercio smartphone Android con schermi di qualità globalmente superiore, ma anche sotto questo aspetto l'azienda cinese si è focalizzata sulle caratteristiche più strettamente legate al gaming.

Ecco dunque che la luminosità raggiunge il notevole valore di 800 nit, che tradotto in termini pratici significa avere tra le mani un pannello ben leggibile anche sotto la luce del sole, per buona pace di tutti coloro che vogliono abbinare le proprie sessioni videoludiche a un po' di attività all'aria aperta. È però tradizionalmente negli ambiti di fluidità e reattività che i display dei gaming phone si giocano le loro carte migliori, e in questo senso POCO F4 GT non delude affatto: il refresh rate arriva a un massimo di 120 Hz e il touch sampling si assesta sui 480 Hz, cifre che non rappresentano dei record assoluti ma che sono garanzie solidissime per ottenere le prestazioni migliori dai propri videogiochi preferiti.

Detto questo, lo schermo di POCO F4 GT si comporta molto bene anche in tutti gli altri usi dello smartphone, in primis la riproduzione di contenuti in streaming tramite piattaforme quali Netflix, Prime Video o Disney+: contrasto elevato, buon bilanciamento dei colori e supporto al formato HDR10+ sono tutti elementi che concorrono a rendere il dispositivo un valido partner per vedere qualche puntata di serie TV tra una partita e l'altra.

Videogiochi

I giochi vanno alla grande su POCO F4 GT e i grilletti fanno la differenza
I giochi vanno alla grande su POCO F4 GT e i grilletti fanno la differenza

E arriviamo finalmente al piatto forte dell'offerta di POCO F4 GT, ovvero al suo comportamento in ambito gaming. Da uno smartphone dichiaratamente rivolto ad un pubblico di videogiocatori non ci si può che aspettare prestazioni di assoluta eccellenza con i titoli più pesanti come Asphalt 9, Call of Duty Mobile, PUBG o Genshin Impact, e infatti così è: la potenza combinata del processore Snapdragon 8 Gen 1 e della GPU Adreno 730 fanno viaggiare tutti i giochi al massimo dei dettagli e del frame rate, con performance che non hanno assolutamente nulla da invidiare ai top di gamma più costosi.

Ovviamente la predisposizione ludica di POCO F4 GT non si esaurisce certo qua, e anzi si esalta con lo sfruttamento dei due trigger magnetici attivabili agendo sugli appositi slider: parliamo a tutti gli effetti di due tasti fisici in più, che garantiscono un feedback molto più soddisfacente dei pulsanti touch visti in altri gaming phone e che specialmente negli sparatutto possono migliorare tantissimo l'esperienza di gioco. La loro configurazione poi è estremamente intuitiva: basta richiamare l'apposito menu e trascinare le icone del grilletto destro e di quello sinistro sui tasti virtuali del gioco in esecuzione che si desidera mappare.

Non manca poi la modalità Game Turbo dedicata ai videogiochi che consente di raccogliere tutti i titoli installati in un hub principale, canalizzare le risorse del dispositivo nell'esecuzione dei titoli, gestire le notifiche e fare delle modifiche al volo da un menu a tendina visualizzabile con un semplice swipe sul bordo dello schermo.

Molto convincente anche il motore per la vibrazione e il suono stereo riprodotto dagli speaker certificati Dolby Atmos (anche se la qualità di buone cuffie, come sempre, non si batte) mentre un pizzico di delusione deriva dalla performance del sistema di raffreddamento, che pure si vanta di essere tra i più evoluti della categoria: nella nostra esperienza, POCO F4 GT tendeva a riscaldarsi abbastanza con sessioni particolarmente intense e prolungate: non proprio un buon segno in vista dell'estate.

Fotocamere

Un dettaglio del modulo fotocamere posteriore di POCO F4 GT
Un dettaglio del modulo fotocamere posteriore di POCO F4 GT

Quello delle fotocamere è tradizionalmente l'elemento che i gaming phone tengono meno in considerazione, con il risultato di trovarsi per le mani dispositivi che sfiorano i mille Euro e che offrono performance fotografiche appena accettabili. Non è fortunatamente questo però il caso di POCO F4 GT, che riesce ad offrire un setup non certo sbalorditivo ma comunque discreto.

Il modulo posteriore è composto da una principale da 64 MP con apertura f/1,7, una grandangolare da 8 MP f/2,2 e FOV 120° e una macro da 2 MP f/2,4. Si tratta sostanzialmente del tipico allestimento medio degli smartphone Xiaomi (proprietaria di POCO), con pregi e difetti ben noti a chi ha già esperienze con i dispositivi di questa provenienza. La macro dunque è utile solo ad aggiungere una stringa in più nella scheda tecnica, ma la principale è capace di realizzare scatti apprezzabili, contraddistinti da una buona definizione e da un convincente bilanciamento dei colori. La messa a fuoco è valida, l'app fotografica proprietaria è iper collaudata e anche di notte i risultati sono più che decorosi, per un sensore che fa il suo dovere in ogni condizione. Non eccezionale ma nemmeno inferiore alla media del segmento la grandangolare, con la quale si possono scattare discrete foto in buone condizioni di luce senza però aspettarsi una grandissima definizione (specialmente sui bordi).

L'obiettivo frontale da 20 MP e apertura focale f/2,5 vanta infine una qualità più che adeguata per le esigenze medie di selfie, con tutto il corredo di filtri e opzioni grafiche pronte per la condivisione sui social. Per quanto riguarda le riprese video, POCO F4 GT riesce a toccare i 4K a 60 FPS, ma i risultati migliori si ottengono sicuramente abbassando le pretese alla risoluzione Full HD a 60 FPS con la quale si può godere di un'ottima stabilizzazione elettronica: in ogni caso i filmati sono più che buoni, a completamento di un quadro senza dubbio positivo.

Uno scatto eseguito con la wide 64 MP di POCO F4 GT
Uno scatto eseguito con la wide 64 MP di POCO F4 GT
Uno scatto eseguito con la grandangolare 8 MP di POCO F4 GT
Uno scatto eseguito con la grandangolare 8 MP di POCO F4 GT
Uno scatto eseguito con la macro 2 MP di POCO F4 GT
Uno scatto eseguito con la macro 2 MP di POCO F4 GT

Batteria

L'autonomia di POCO F4 GT non è da record, ma la ricarica è fulminea
L'autonomia di POCO F4 GT non è da record, ma la ricarica è fulminea

La batteria di POCO F4 GT è costituita da un modulo da 4700 mAh che non fa della pura capienza il suo cavallo di battaglia. L'autonomia non è infatti da primato, cosa che non si nota più di tanto utilizzando le normali funzioni dello smartphone, mentre sfruttandolo per intense sessioni di gioco è inevitabile vederla calare anche molto rapidamente.

Ci sono però due elementi fondamentali che vanno a contrasto di quella che a una prima occhiata potrebbe apparire come una debolezza del dispositivo: il primo è il cavo di ricarica a forma di L che consente di giocare o guardare contenuti video in landscape rimanendo collegati alla corrente senza avere ingombri in mezzo alle dita. Il secondo, e più importante, è l'alimentatore da ben 120 Watt incluso nella confezione che può portare l'indicatore della batteria da 0 a 100 in appena 17 minuti dichiarati (anche se nel nostro test ci è voluto un pochino di più): una feature eccellente che permette di resuscitare lo smartphone in men che non si dica.

Prestazioni

POCO F4 GT offre prestazioni di primo livello
POCO F4 GT offre prestazioni di primo livello

Non è certo questa la prima volta in cui l'azienda cinese presenta un suo dispositivo come "flagship killer", ma andando ad osservare le performance di POCO F4 GT c'è da dire che questo claim non va troppo lontano dalla realtà. Riuscendo a mantenersi a un prezzo decisamente inferiore rispetto a quello dei competitor di fascia alta, il dispositivo nei benchmark da noi effettuati ha registrato valori molto vicini a quelli dei primi della classe: un risultato che peraltro è evidente anche semplicemente utilizzando il telefono, che si dimostra rapido in esecuzione e capace di gestire senza patemi anche carichi di lavoro notevoli.

Esperienza d’uso

POCO F4 GT si comporta bene anche al di là del gaming
POCO F4 GT si comporta bene anche al di là del gaming

Siamo talmente abituati a vedere gaming phone dalle dimensioni mastodontiche che un dispositivo normale come POCO F4 GT appare quasi come un mezzo miracolo. L'ergonomia è dunque molto più vicina a quella dei competitor più blasonati che a quella dei famigerati "padelloni", con alcuni distinguo: il formato 20:9 garantisce una buona usabilità anche solo con una mano, ma d'altro canto la peculiare finitura del vetro posteriore rende la scocca abbastanza scivolosa. Insomma, pregi e difetti che si sono già visti altrove, ma che nel particolare contesto dei gaming phone fanno decisamente pendere la bilancia verso gli aspetti positivi.

Lo stesso discorso si può estendere alla componente telefonica - con qualità dell'audio e ricezione che non hanno nulla da invidiare alla concorrenza media - e al sensore per le impronte digitali, affogato nel tasto di accensione e che nel nostro test si è sempre dimostrato reattivo ed efficiente.

Lato software non c'è invece nulla di particolare da segnalare, ma non in senso negativo: la MIUI 13 basata su Android 12 è un'interfaccia utente tra le più collaudate dell'intero settore e si presenta qui in tutta la sua proverbiale completezza ed affidabilità: certo, forse si poteva fare qualche sforzo in più per offrire qualche feature esclusiva dedicata al gaming come è stato fatto su altri lidi, ma è un sacrificio che si fa volentieri sull'altare della versatilità.

Commento

Prezzo 599,90 € / 699,90 €

Multiplayer.it

8.7

Anche se è la definizione che abbiamo usato noi stessi nel corso di questa recensione, riferirsi a POCO F4 GT come gaming phone è quasi limitante per un dispositivo che si comporta molto bene come telefonino a tutto tondo: giocarci è un piacere grazie agli ottimi grilletti magnetici, ma una scheda tecnica di primissimo profilo e un design curato quanto basta, lo rendono uno smartphone potente e versatile, oltretutto disponibile a prezzi davvero intriganti. Magari non conterà su feature rivoluzionarie e su caratteristiche da primatista assoluto, ma POCO F4 GT è uno smartphone ben concepito e realizzato che merita senz'altro di essere preso in considerazione, che si sia o meno appassionati di mobile gaming.

PRO

  • I grilletti magnetici fanno la differenza nel gaming
  • Ottimo come smartphone a tutto tondo
  • Ricarica rapidissima
CONTRO
  • Non eccelle in nessun ambito particolare
  • Fotocamere e display buoni ma non strepitosi
  • Qualche dubbio sul sistema di raffreddamento