Cosa vi siete persi? - 8/2013 11

Ok, c'è PlayStation 4. E il resto?

RUBRICA di Matteo Santicchia   —   24/02/2013

Questa è stata la settimana di PlayStation 4. Mercoledì notte un pò tutti siamo stati svegli fino a tardi per seguire la conferenza di New York.

Smaltita però la sbornia da next gen c'è da dire che questi sette giorni hanno visto la pubblicazione di due recensioni molto attese, ovvero Crysis 3 e Metal Gear Rising: Revengeance, senza dimenticare il nostro giudizio sul corposo DLC per Assassin's Creed 3, La Tirannia di Re Washington. Non sono quindi mancate le videorecensioni a corredo e le Superdirette dedicate, e proprio tra queste segnialiamo quella fiume notturna dedicata alla nuova console Sony. Insomma una settimana davvero "impegnativa", ma senza dubbio da ricordare.

Cosa vi siete persi? - 8/2013

Con Crysis 3 Crytek firma il suo miglior lavoro sotto diversi punti di vista, dal comparto tecnico al gameplay, all'arco narrativo. Persino il multiplayer, ora forte di una modalità caratteristica come Hunter, riesce a configurarsi come valida alternativa alle offerte dei "giganti" Halo e CoD, sebbene meno vasto e privo della stessa presa sul lungo periodo. La cosa migliore del titolo è la grande libertà di approccio data al giocatore, che esalta la rinnovata componente stealth del titolo, grazie all'inserimento dell'arco come strumento di caccia imprescindibile. Non sarà lunghissimo e non avrà una intelligenza artificiale infallibile (ma comunque migliore di quella vista nel secondo capitolo), ma in definitiva Crysis 3 è una bella sorpresa e un degno coronamento del lavoro di Crytek di questi ultimi anni.

DLC a episodi, Assassin's Creed 3: La Tirannia di Re Washington ci porta direttamente in una ucronia fatta e finita, ovvero l'offerta fatta a George Washington di essere incoronato Re dei neonati Stati Uniti d'America, in questo caso accettata. Invece di espandere o proseguire la storia, questo DLC episodico "riavvolge" gli eventi della trama del gioco originale da un certo punto in avanti, facendo tornare il giocatore agli inizi delle imprese di Connor. Questo setting diverso rispetto a quello "realistico" della saga ha permesso a Ubisoft di dare a Connor diverse abilità speciali, come rendersi invisibile per un breve tempo, oppure richiamare a sé tre lupi-fantasma in grado di attaccare automaticamente i nemici, andando quindi ad espandere le meccaniche di gioco. Sebbene la svolta "soprannaturale" potrebbe non piacere a tutti, senza dimenticare che i bizzarri risvolti della trama rimangono al momento inspiegati, le due ore abbondanti di gioco ci hanno divertito e convinto. Piaceranno senza dubbio a chi ha apprezzato il gioco originale e, dato l'avvicendarsi molto rapido delle missioni e degli avvenimenti, potrebbero convincere maggiormente anche qualche detrattore.

Prima sequel, poi titolo a rischio cancellazione ed infine spin off. Questo in sintesi il travagliato percorso dall'annuncio all'uscita di Metal Gear Rising: Revengeance. Nelle sapienti mani di Platinum Games, Rising è quindi diventato un titolo action a tutto tondo, veloce e frenetico, di quelli in cui si riconosce immediatamente la mano di chi lo ha realizzato, ma non senza difetti però. Ci saremmo aspettati molto di più nel bilanciamento e nella "perfezione" del sistema di controllo e combattimento, elementi che invece erano ai massimi livelli in Bayonetta. Senza contare poi che la "sostanza" e il comparto tecnico potrebbero essere sicuramente di migliore fattura. Un buon titolo, non senza caratteristiche peculiari notevoli e che rende giustizia al "lore" della saga, ma che non riesce a raggiungere il massimo dei voti. Ai fan di Metal Gear Solid piacerà? No, se sono bacchettoni integralisti; gli altri, insieme agli estimatori del genere action, troveranno un titolo godibile e con diversi spunti, anche narrativi, interessanti. Chiudiamo quindi con PlayStation 4. Da New York Antonio Fucito ci ha raccontato per filo e per segno cosa Sony ha detto e mostrato, realizzando una serie di articoli ricchi di informazioni e con tutti i video e le immagini a corredo. Ecco quindi uno di seguito all'altro l'estesa copertura del nostro Antonio.

PlayStation 4: le nostre impressioni.
PlayStation 4: i giochi.
PlayStation 4: l'hardware.

Cosa vi siete persi? - 8/2013

Inutile dirlo. La colonna destra delle notizie è stata monopolizzata da PlayStation 4, con rumor continui fino a mercoledì e ovviamente con tutti gli approfondimenti a partire da giovedì mattina. In tal senso è impossibile pensare di fare una scelta ponderata delle innumerevoli news rilasciate, quindi vi rimandiamo al link diretto a tutto il materiale uscito sinora.

Per il resto quali sono state le notizie più importanti della settimana? Volete conoscere il perché del ritardo di The Last of Us? Ce lo dicono i boss di Naughty Dog in persona, tanto per mettere in chiaro le cose. Per un gioco che è in (lieve) ritardo, uno che dopo essere stato rimandato più volte è finalmente pronto ad essere rilasciato. Stiamo parlando di BioShock: Infinite. Da un titolo tripla A ad un'indie che pian pian ha raggiunto lo status di titolo di culto. Sembra proprio che lo stiloso e violentissimo Hotline Miami arriverà anche su PlayStation 3 e PlayStation Vita questa primavera dopo aver "sconvolto" l'utenza PC. Non vediamo l'ora. In conclusione vogliamo ringraziarvi per lo strepitoso successo della nostra diretta fiume per il reveal di PlayStation 4. I dati parlano da soli, grazie ancora!

Cosa vi siete persi? - 8/2013

Tre videorecensioni hanno impazzato nell'area video questa settimana, e non sono mancate le Superdirette, "normali" o extra. Di seguito quindi proveremo ad inserire il meglio delle nostre produzioni, con un'occhio di riguardo su tutto il materiale uscito a corollario del PlayStation Meeting di New York. Iniziamo quindi con le nostre produzioni con due titoli di peso, Crysis 3 e Metal Gear Rising: Revengeance.

Se poi volete (ri)vedere i primi vagiti della next gen di PlayStation 4 ecco un piccolo "sunto" del meglio dalla conferenza di mercoledì.