Una leggenda su One 53

Nel turbinio di annunci della conferenza Microsoft, ecco che arriva Fable

ANTEPRIMA di Antonio Jodice —   21/08/2013

Indice

Se ne parlava da mesi della possibilità che il nuovo Fable fosse un gioco online. S'era vagheggiato di un MMORPG, addirittura con una fuga di notizie risalente a prima dell'uscita di Fable: The Journey. Durante il relativo press tour provammo a chiedere conferma all'allora presidente di Lionhead e fummo fulminati con un no comment. Dopo che qualche giorno fa era trapelata l'avvenuta registrazione del dominio Fable Legends da parte di Microsoft, oggi alla Gamescom, durante il pre evento della fiera, Lionhead ha finalmente rivelato questo nuovo episodio che sarà un MMO, giocabile anche in single player e offline, ma che consentirà a quattro giocatori di cooperare nell'avventura e a un quinto di fare il cattivo, persino. Non si sa ancora quando Fable Legends uscirà nei negozi per Xbox One, si parla di non prima delle vacanze di natale del 2014, ma qui a Colonia abbiamo assistito a una primissima presentazione da parte di David Eckelberry, game director del gioco, con un passato in Turbine, LucasArts ed Electronic Arts.

Fable Legends si mostra all'improvviso nella conferenza di Xbox One!

Il mio nome è prealpha

Oltre a mostrarci una serie di artwork di questo nuovo episodio, è già stato il momento di far girare una serie di sequenze in game per far capire il livello di sviluppo del codice, che ci è stato ripetuto a più riprese essere solamente quello di una prealpha. Basato sull'Unreal Engine 4, a conferma dell'ormai probabile abbandono del motore proprietario da parte di Lionhead, Fable Legends s'è mostrato unicamente con i quattro personaggi, quelli del trailer in computer grafica pubblicato oggi e replicati in maniera fedelissima in game, in una semplice ambientazione che ricorda il primo Fable, tra prati fioriti, scalinate rocciose e gole in cui hobbe e orchi partivano all'attacco dei nostri eroi, dei nostri quattro eroi per l'esattezza.

La struttura ricorderà quella di titoli come Phantasy Star Online (Dreamcast) o del primo Guild Wars, con un villaggio centrale che farà da hub in cui interagire con i personaggi non giocanti (sarà possibile sedurli e intrattenere relazioni anche amorose), comprare e vendere oggetti, prendere parte a dei minigiochi e mestieri come il fabbro o il falegname dei precedenti capitoli per intenderci e, soprattutto, attivare quest e sotto quest da affrontare da soli, con tre personaggi mossi da Xbox One o con tre amici via Xbox Live. Il gameplay sembra essere quello classico di Fable con combo che alternano magie, colpi di armi da lancio e fendenti e quattro classi ben differenziate tra loro a seconda delle abilità che si decida di prediligere. Tutte comunque ben impiantate nell'immaginario di Fable. Legends sarà ambientato prima del primo capitolo della saga e racconterà le vicende di questi eroi, che ancora non sono radunati in una gilda, alla ricerca di un magico artefatto in grado di realizzare i sogni di chi lo possiede. L'altra novità è che a vestire le parti del cattivo potrà essere un giocatore in carne ed ossa, che avrà una visuale in isometrica dall'alto della mappa e che potrà decidere quali nemici far spuntare contro i giocatori, come farli attaccare e su quali tra loro concentrare la loro forza di fuoco o magica. Sia giocando come Eroi che come cattivi, si accumuleranno danaro (da spendere nel villaggio centrale, anche se ancora non è stato deciso se sarà possibile comprarsi e arredare casa) e punti esperienza che saranno però incanalati in due percorsi distinti tra l'esperienza guadagnata come Eroe o come cattivo, e che andranno seguiti indipendentemente per crescere le proprie abilità nelle due differenti carriere.

Infine!

La storia sarà raccontata da eventi in gioco e da lunghe scene d'intermezzo e dovrebbe avere il dettaglio dei migliori capitoli della saga. Si tratta di un gioco importante e che avrà tantissimi contenuti, come i più riusciti della serie, cercando di fare tesoro di quanto imparato negli anni.

Già in questo stadio le animazioni ci sono sembrate ottime così come i dettagli che disegnano le armature e i gadget indossati dai quattro eroi, che parleranno condendo con battute e ironia le diverse fasi del gameplay. Kinect avrà un ruolo ben preciso ma collegato soltanto ai comandi vocali e altre feature che però non avranno a che fare con i gesti, visto che Fable Legends non avrà nessun tipo di controllo di movimento. La parte del cattivo, come detto, la si potrà vestire anche gestendo le truppe grazie all'uso di un tablet o di un cellulare tramite Smartglass, mentre ancora non si sa se sarà possibile giocare in cooperativa in locale sulla stessa Xbox One. Come detto, manca ancora tantissimo tempo, la build era già piuttosto gradevole e con uno stile ben delineato, oltre al fatto che finalmente i fondali sono interattivi e, quando serve, vanno in mille pezzi sotto i colpi di orchi ed eroi. Un ottimo inizio e tanta esperienza per vedere come e quanto i Lionhead vorranno riprendere la strada interrotta da Molyneux con la saga ai tempi del terzo episodio. Ovviamente, continueremo a seguire il gioco con grande interesse.

CERTEZZE

  • Una bella svolta per la saga
  • Un modo interessante di fare i cattivi
  • La direzione artistica non è cambiata rispetto al passato

DUBBI

  • Manca ancora tanto tempo e tanti dettagli