Draghi next gen?

Crimson Dragon si prepara a completare il suo travagliato sviluppo come titolo di lancio per Xbox One

PROVATO di Umberto Moioli   —   19/09/2013
14

Ne abbiamo già parlato diverse volte, l'ultima dalla GamesCom di Colonia lo scorso agosto, ma vale la pena tornare su Crimson Dragon anche dopo il recente incontro avvenuto tra i padiglioni del Tokyo Games Show 2013. L'erede spirituale di Panzer Dragoon e Panzer Dragoon Orta, due capisaldi per gli amanti degli sparatutto su binari, è stato originariamente annunciato per Xbox 360 prima di venir più volte rimandato e quindi dirottato in formato unicamente digitale come titolo di lancio per Xbox One. Le ragioni di questo spostamento vanno cercate nella volontà di rifinire la qualità complessiva dell'opera ma anche di abbandonare l'idea iniziale di creare un'esperienza dedicata alla piattaforma Kinect, così da soddisfare i moltissimi appassionati che hanno richiesto a gran voce il supporto al controller. Come abbiamo potuto apprendere, comunque, le aggiunte non si limitano alla componente tecnica e ai controlli, coinvolgendo anche il versante contenutistico, grazie ad una serie di promettenti extra.

Crimson Dragon si prepara a completare il suo travagliato sviluppo come titolo di lancio per Xbox One

La libertà che mancava

Chi avesse seguito lo sviluppo di Crimson Dragon oppure giocato uno dei titoli a cui si ispira, saprà che le fondamenta ludiche sono piuttosto semplici: a bordo di potentissimi draghi si viene accompagnati, rigorosamente su binari, all'interno di livelli colmi di nemici da eliminare controllando il cursore che permette di indirizzare gli attacchi, far saltare per aria qualsiasi cosa si muove, quindi accumulare sempre più punti e ricevere la miglior valutazione possibile a fine schema.

Draghi next gen?

Proprio questa componente di ricerca del risultato è uno degli aspetti più interessanti dell'esperienza perché, unendo un sistema di combinazioni e una difficoltà da non sottovalutare, pena una rapida dipartita, gli sviluppatori contano di invogliare a tornare ancora e ancora su ciascuno dei venticinque livelli che compongono la campagna single player del gioco. Se connessi online, inoltre, tutte le missioni potranno essere completate anche in compagnia di tre amici, un'iniziativa che comporta un ulteriore aumento del tasso di complessità della sfida ma permette di acquisire potenziamenti unici, altrimenti impossibili da ottenere. La componente di crescita non si risolve infatti nell'acquisizione di punti esperienza, quindi di nuove abilità per ciascuno dei sette draghi inseriti. Ci sono anche oggetti speciali che se equipaggiati danno accesso a poteri altrimenti impossibili da ottenere. Tutti questi strati di profondità troveranno la loro massima espressione all'interno delle classifiche online, attraverso le quali confrontarsi e dove poter vedere ciascun giocatore quale configurazione di poteri e oggetti ha utilizzato per raggiungere il suo scopo. Ma non solo, infatti spendendo una certa quantità di monete di gioco si potranno noleggiare i draghi altrui così da testare configurazioni diffidenti da quelle a propria disposizione.

Draghi next gen?

Un'idea semplice ma molto accattivante che andrà sicuramente provata a fondo. Il nostro test non è stato giocoforza così dettagliato, limitando al completamento di un livello, boss incluso. Il gameplay è quello già descritto nelle precedenti anteprime e non potrà che piacere agli amanti del genere. Novità, d'altra parte, non se ne contano in grande numero se non per una gustosa aggiunta al level design: in determinati punti i binari scompaiono e si acquisisce la possibilità di muoversi liberamente, pur all'interno di ambienti delimitati. Una variante che a quanto pare è stata resa possibile dal tempo di sviluppo extra guadagnato passando da Xbox 360 a Xbox One. Passaggio che invece è poco evidente osservando la componente tecnica, non certo all'altezza delle aspettative di chi si prepara ad acquistare una cosiddetta console next gen. Lo stile grafico, inoltre, è particolare e fedele al retaggio del titolo ma non piacerà a tutti. La quantità di opzioni, modalità e ore di gioco contenute in Crimson Dragon potrebbe far dimenticare i limiti tecnici e valere i venti dollari richiesti, ovviamente a patto che la qualità dell'offerta sia costante attraverso tutta la durata della campagna. L'uscita, prevista per il lancio di Xbox One, è oramai prossima quindi queste tutte le domande avranno presto risposta.

CERTEZZE

  • Fedele allo spirito di Panzer Dragoon
  • Sembra offrire parecchi motivi di rigiocabilità
DUBBI
  • Tecnicamente "old gen"
  • I fan appassionati del genere sono quantomai esigenti