Chi vincerà l'Independent Games Festival 2015?

Scopriamo tutti i finalisti e cerchiamo di capire che possibilità hanno

SPECIALE di Simone Tagliaferri   —   27/02/2015
11
Il logo ufficiale dell'Independent Games Festival
Il logo ufficiale dell'Independent Games Festival

Uno degli eventi collaterali che caratterizzano da anni la Game Developers Conference di San Francisco è l'Independent Games Festival, abbreviabile in IGF. Si tratta di una manifestazione nata nel 1998 con lo scopo di fare per il mondo dei videogiochi quello che il Sundance Festival ha fatto per il mondo del cinema, ossia scoprire e supportare i maggiori talenti della scena videoludica indipendente mondiale. Ormai arrivata alla diciassettesima edizione, l'IGF è cresciuta d'importanza anno dopo anno, grazie anche alla maggiore attenzione che l'industria tradizionale e il grande pubblico hanno iniziato a dare ai videogiochi indipendenti. Durante la cerimonia di premiazione, chiamata IGF Awards, vengono assegnati sette riconoscimenti (il numero tra parentesi è l'ammontare del premio assegnato al vincitore):

Seumas McNally Grand Prize (30.000$)
Excellence In Visual Art (3.000$)
Excellence In Audio (3.000$)
Excellence in Design (3.000$)
Excellence in Narrative (3.000$)
Nuovo Award (5.000$)
Audience Award (3.000$)

Ovviamente non esamineremo il premio del pubblico, perché viene assegnato secondo criteri diversi dagli altri, e non includeremo i premiati tra gli studenti di università e corsi dedicati allo sviluppo dei videogiochi, che elencheremo in un box a parte.
Adesso non ci resta che esaminare le nomination premio per premio, cercando di fare qualche previsione sui possibili vincitori.

Vediamo i finalisti dell'Independent Games Festiva 2015, come ogni anno parte della GDC. Chi vincerà?

Excellence in Narrative

Vincitore della passata edizione: Papers, Please

L'Excellence in Narrative fa esattamente quello che promette: premia il titolo con il lato narrativo più curato. Fate attenzione, perché quando si parla di narrazione non si fa riferimento soltanto alla storia raccontata tramite strumenti classici come testi o filmati, ma a tutti quegli elementi che concorrono a comporre il racconto implicito ed esplicito veicolato dal gameplay. I titoli in gara quest'anno offrono un ventaglio amplissimo di stili narrativi differenti, con soluzioni sperimentali e temi solitamente esclusi dai videogiochi tradizionali. Nell'elenco ci sono titoli famosi anche tra il grande pubblico come 80 Days e This War of Mine, che hanno avuto successo proprio per le loro particolarità narrative. Più peculiari quanto sconosciuti sono Coming Out Simulator 2014, dedicato alla difficoltà di un omosessuale di confessarsi a una famiglia all'antica, PRY, interessante riflessione sulla guerra e sulla distanza che crea e Three Fourths Home, titolo dallo stile visivo minimalista che promette di intrigare con una storia raccontata in modo non convenzionale.

In lizza per l'edizione 2015:

- 80 DAYS
- Coming Out Simulator 2014
- Ice-Bound: A Novel of Reconfiguration
- PRY
- This War of Mine
- Three Fourths Home

La nostra previsione: PRY

PRY trailer - iPad/iPhone App Novella from Tender Claws on Vimeo.

Excellence in Audio

Vincitore della passata edizione: DEVICE 6

L'Excellence in Audio non premia solo la bellezza della colonna sonora dei titoli in gara, ma anche la funzione della stessa nel gameplay, ossia di come la colonna sonora è integrata con le altre meccaniche di gioco. Si tratta di una categoria molto difficile, perché deve tenere conto di fattori diversi tra loro. Ad esempio sarebbe più giusto premiare titoli come Ephemerid: A Musical Adventure, Phonopath o Thumper che basano l'intero gameplay intorno ai suoni? Oppure è da preferirgli Shovel Knight con la sua colonna sonora capace di evocare in modo perfetto gli anni '80, pur senza innovare? E perché non puntare all'uso narrativo della colonna sonora scegliendo The Vanishing of Ethan Carter o The Sailor's Dream? Capite quanto è difficile fare parte di una giuria?

In lizza per l'edizione 2015:

- Ephemerid: A Musical Adventure
- Phonopath
- Shovel Knight
- The Sailor's Dream
- The Vanishing of Ethan Carter
- Thumper

La nostra previsione: The Sailor's Dream

Excellence in Design

Vincitore della passata edizione: Papers, Please

Qui la sfida si fa davvero accesa. Alcuni dei nomi presenti nell'elenco dei potenziali premiati dell'Excellence in Design sono davvero grossi. In effetti sono talmente grossi che ci si chiede perché debbano essere in lizza per un premio all'Independent Games Festival, visto che tra l'altro il pur splendido The Talos Principle ha un publisher. Anche Invisible, Inc. di Klei, data la fama dello sviluppatore, poteva essere escluso dalla corsa (Klei ormai è un nome più da giuria che da concorso). Riguardo gli altri, facile riconoscere il gioco dell'anno secondo Hideo Kojima, cioè FRAMED, e il già menzionato 80 DAYS, che ritornerà per la terza volta nel Seumas McNally. Riusciranno i meno noti, ma altrettanto interessanti Killer Queen e Outer Wilds a farsi strada in mezzo a questi colossi? Il primo è un miscuglio tra un coin op anni 80 e uno strategico, mentre il secondo è un gioco d'esplorazione spaziale roguelike con ogni partita che può durare massimo venti minuti.

In lizza per l'edizione 2015:

- 80 DAYS
- FRAMED
- Invisible, Inc.
- Killer Queen
- Outer Wilds
- The Talos Principle

La nostra previsione: Outer Wilds

I vincitori dello Student Showcase

Museum of Simulation Technology (Albert Shih - Carnegie Mellon University, Entertainment Technology Center)
Engare (Mahdi Bahrami & Moslem Rasouli - NHTV University of Applied Science)
Risk of Rain (Hopoo Games - University of Washington)
Symmetrain (Philipp Beau & Daniel Goffin - University of Amsterdam / University Kassel)
Westerado (Ostrich Banditos - HKU)
Rhythm Doctor (Hafiz Azman & Winston Lee - University of Cambridge)
Foiled (Unblanched Peanuts - NYU)
Cyber Heist (Hack n' Hide - University of Utah)

Excellence in Visual Arts

Vincitore della passata edizione: Gorogoa

Il premio Excellence in Visual Arts, che ha completamente soppiantato l'anacronistico premio per la grafica, non si occupa di giudicare soltanto le qualità tecniche dei concorrenti, ma anche lo stile e la capacità dimostrata di proporre idee visive originali. Prevarrà la scelta cartoon pixellosa di else Heart.Break(), oppure lo stile più asciutto di Donut County? Colpirà di più la bellezza dei dettagli di Lumino City o le astrazioni surreali di Memory of a Broken Dimension? Prevarrà il minimalismo delicato di Metamorphabet o il disegno bianco e nero di Oquonie? Anche in questo caso per la giuria sarà fondamentale capire se gli stili scelti sono fini a se stessi, oppure se sono legati al gameplay, cercando anche di valutare l'impatto che hanno sull'esperienza di gioco.

In lizza per l'edizione 2015:

- Donut County
- else Heart.Break()
- Lumino City
- Memory of a Broken Dimension
- Metamorphabet
- Oquonie

La nostra previsione: Memory of a Broken Dimension

Nuovo Award

Vincitore della passata edizione: Luxuria Superbia

Se l'oggetto dei premi esaminati finora era piuttosto chiaro, con in Nuovo Award si entra nell'iperuranio videoludico. Tutti i titoli dell'elenco hanno elementi fortemente innovativi o interessanti che li caratterizzano e meriterebbero di essere approfonditi singolarmente a prescindere dal risultato della premiazione. Anche se è difficile valutarli senza averli giocati a fondo, alcuni hanno attirato la nostra attenzione solo per il tema che affrontano. Ad esempio how do you Do It? con il suo voler esplorare la scoperta del sesso fatta da una undicenne cui i genitori non hanno mai parlato dell'argomento; oppure Elegy for a Dead World che fornisce spunti ai giocatori per raccontare le loro storie; o ancora Rooftop Cop che allegorizza in cinque mini-giochi alcuni aspetti della politica americana, richiamando le recenti violenze della polizia su cittadini di colore. Che dire poi di Tetrageddon Games, un'immensa parodia pop della vita online? E dell'allucinante Plug & Play, in cui si fanno accoppiare delle creature con delle prese al posto della testa? Come non amare Bounden, che trasforma l'intero corpo in una periferica di gioco? Infine, come considerare l'asciutto Desert Golfing che ci trasforma in macchine da golf?

In lizza per l'edizione 2015:

- Bounden
- Desert Golfing
- Elegy for a Dead World
- how do you Do It?
- Plug & Play
- Rooftop Cop
- Tetrageddon Games

La nostra previsione: Rooftop Cop

ROOFTOP COP Trailer (July 2014) from stephen clark on Vimeo.

Seumas McNally Grand Prize

Vincitore della passata edizione: Papers, Please

Seumas McNally era uno sviluppatore independente, fondatore, presidente e capo programmatore di Longbow Digital Arts. Morì nel 2000, più precisamente il 21 marzo, per colpa di un linfoma di Hodgkin, poco dopo aver vinto l'Independent Games Festival Grand Prize. La notizia sconvolse talmente tanto l'organizzazione e il mondo degli sviluppatori indie che dall'anno successivo in poi si decise di dare il suo nome al premio che egli stesso aveva ottenuto, il più importante dell'IGF. Abbiamo incontrato i titoli in lizza per il Seumas McNally Grand Prize già nelle altre categorie. A loro modo sono tutti meritevoli di vittoria, vuoi per l'originalità (Outer Wilds, Metamorphabet), vuoi per la profondità (80 DAYS, This War of Mine, The Talos Principle), vuoi per le loro meccaniche di gioco ultra rifinite (Invisible, Inc.). Di nostro terremmo fuori dai potenziali vincitori titoli grossi come The Talos Principle e Invisibile, Inc. perché appartenenti a una sfera diversa dagli altri. E poi studi affermati come Klei e Croteam che se ne fanno dei trentamila dollari del premio?

In lizza per l'edizione 2015:

- 80 DAYS
- Invisible, Inc.
- Metamorphabet
- Outer Wilds
- The Talos Principle
- This War of Mine

La nostra previsione: Outer Wilds