I televisori da comprare per godersi al massimo il 4k di PlayStation 4 Pro e Xbox One X  169

Quattro consigli per andare incontro a tutti i gusti e le esigenze dei videogiocatori: da 5000 a 650 euro

SPECIALE di Pierpaolo Greco   —   11/08/2017

Ciclicamente qui su Multiplayer.it ci ritroviamo a parlare di 4k, di televisori e di risoluzioni perché da veri appassionati di tecnologia quali siamo cerchiamo sempre dei pretesti per dire la nostra sull'evoluzione di questa componente dell'intrattenimento. E così se nei mesi passati ci siamo ritrovati a darvi alcune valutazioni sui display più interessanti mostrati al CES di Las Vegas mentre lo scorso anno siamo entrati nello specifico con dei veri e propri consigli sui TV più interessanti da comprare, ora è giunto il momento di aggiornare questi suggerimenti approfittando del classico relax estivo che anticipa le spese folli autunnali. Tra l'altro c'è da considerare che ormai PlayStation 4 Pro ha raggiunto una sua maturità e una discreta presenza sul mercato mentre all'uscita di Xbox One X mancano davvero pochissimi mesi e siamo convinti che questo Natale sarà particolarmente frizzante sul fronte delle scontistiche e delle disponibilità di tecnologia in tutti i negozi di tecnologia online e su strada.

Di seguito, attraverso questo corposo speciale, troverete quindi i quattro televisori che, a nostro parere, offrono le migliori prestazioni e un ottimo rapporto qualità/prezzo per andare incontro a gran parte delle vostre esigenze. In particolare abbiamo deciso di concentrarci su un TV OLED costoso ma semplicemente perfetto per chi non ha problemi di budget, su due soluzioni LED di ottimo livello che si fronteggiano in funzione di piccoli ma importanti dettagli e, per finire, su un display estremamente economico ma che può riservare qualche piacevole sorpresa per chi non ha un portafoglio particolarmente sostanzioso o non apprezza spendere soldi su tecnologia che, solitamente, nell'arco di due anni è già vetusta. Tenete poi a mente che tutti i TV segnalati sono difficilissimi da recuperare sul nostro territorio al momento della stesura di questo articolo ma tra settembre e ottobre la situazione cambierà e il nostro obiettivo è offrire un contenuto che abbia un minimo di vita. Considerate infine che questa è soltanto la punta di un iceberg di speciali che andremo a dedicare all'argomento tecnologia e console di metà generazione, visto che nelle prossime settimane vi daremo qualche suggerimento anche sugli impianti audio da affiancare a queste piattaforme e su tutti gli accessori che possono rendere migliore la vostra esperienza videoludica.

Il 4k di Infinity

Comprare un televisore di questo tipo e utilizzarlo esclusivamente per giocare è una scelta che non possiamo ovviamente criticare ma che appare comunque audace ed è in qualche modo anche uno spreco visto il potenziale di questi display. Considerato che pochi giorni fa abbiamo dedicato un lungo speciale sull'offerta filmica di Infinity che può sicuramente essere apprezzata anche dai videogiocatori, e visto che questa piattaforma digitale ha un'ottima offerta anche per quanto riguarda i film in 4k (o Ultra HD) con HDR, il nostro consiglio è di recuperare quello speciale e poi fare un salto sul sito ufficiale di Infinity per registrarsi e sfruttare il mese gratuito per dare un'occhiata alle pellicole più interessanti degli ultimi anni. Vi garantiamo che non ve ne pentirete.

Come scegliere?

Solitamente sono moltissime le variabili in gioco nel momento in cui si decide di acquistare un nuovo televisore. Il consiglio di base, che ci sentiamo di dare in ogni occasione e che vale allo stesso identico modo anche quando si vuole acquistare un impianto audio, è di recarsi in un negozio ben fornito e, con il contributo di un commesso, cercare di affiancare le due o tre proposte preferite e sparare in contemporanea lo stesso identico segnale video possibilmente con i settaggi impostati in modo similare. Esattamente come le orecchie, ogni occhio (e cervello) umano ha le sue preferenze e c'è magari chi gode davanti a colori più saturi oppure più freddi o percepisce in modo differente la fluidità garantita dai vari processori di interpolazione dei movimenti. E ovviamente dovete tenere conto anche della destinazione d'uso del TV: quando e come lo utilizzerete per gran parte del tempo. Le specifiche tecniche infatti valgono fino a un certo punto e la soddisfazione del gusto personale è solitamente il valore che bisognerebbe cercare di appagare in primis. Considerata poi la natura dello speciale ci sono una manciata di variabili che eliminiamo immediatamente.

Deve essere un TV in grado di raggiungere un output di 4k, 3840x2160 o 2160p e con un polliciaggio abbondante visto che al di sotto dei 60'', a meno che non ci si sieda a meno di due metri dal televisore, non si può apprezzare l'aumento dei dettagli garantito dal numero di pixel. Deve supportare l'HDR possibilmente con un pannello a 10 bit, idealmente con codifica HDR10 che, insieme al Dolby Vision, sono i due protocolli che si fronteggiano in attesa che si raggiunga uno standard definitivo; attenzione su questo fronte perché ogni produttore ha la sua nomenclatura e non è mai semplicissimo capire quale dei due è concretamente supportato. Infine ci sono da considerare gli hertz (bisognerebbe puntare ad almeno 120 nativi che, come al solito, sono "affogati" dalle varie tecnologie di interpolazione e accelerazione hardware dei vari produttori) e, soprattutto l'input lag, l'unica vera variabile cruciale per il giocatore. Stare al di sopra dei 50 millisecondi può essere molto pericoloso e, game mode permettendo, l'ideale sarebbe un valore compreso tra i 20 e i 30 ms. Se volete approfondire maggiormente questa fase valutativa, vi consigliamo di dare un'occhiata al nostro speciale che abbiamo dedicato alle variabili da tenere in considerazione quando si vuole acquistare un TV 4k.

Il top di gamma: LG OLED65C7P

Partiamo con il massimo che il mercato può offrire a un prezzo che si possa considerare abbordabile dai comuni mortali. La serie C7 è la più economica della nuovissima famiglia di OLED firmati LG, al momento ancora l'unico produttore mondiale di pannelli video di grandi dimensioni e in grandi volumi realizzati con questa tecnologia. Ci sono soltanto due tagli disponibili, quello da 55'' e quello da 65 pollici che vi consigliamo in questo articolo. Il prezzo che dovrebbe avere al momento del lancio, visto che al momento ancora non si trova nei negozi italiani (attenzione a non farvi "fregare" con il modello C6P, quello distribuito ben due anni fa), è di 4999€ mentre quello da 55 pollici dovrebbe essere lanciato a 3299€. Ci sentiamo però di dire con grande tranquillità che, tra ottobre e novembre, è possibile che qualche fortunato riesca a portarselo a casa anche a meno di 3000€ con le varie scontistiche delle solite catene di elettronica, visto che LG dovrà realizzare un volume di vendita enorme entro la fine dell'anno per soddisfare i suoi investitori. Entrando nel dettaglio, si tratta di un TV con una qualità d'immagine semplicemente eccezionale: neri perfetti, contrasto elevatissimo, gamut dei colori completo e supporto al Dolby Vision di ultimissima generazione con HDR attivo che consente al pannello di adattarsi in automatico al volo in base al segnale trasmesso e alla codifica utilizzata. In più, come se tutto questo non bastasse, l'input lag è di 21 millisecondi, un valore assolutamente incredibile considerate tutte le tecnologie che entrano in gioco quando si imposta questo TV al massimo del suo potenziale. Costa tanto, è indubbio, ma le prestazioni ad oggi, non hanno eguali.

La fascia media: Sony KD-65XE9005

Nel momento in cui si decide di "scendere" verso i pannelli LED, la scelta migliore che si può fare è senza ombra di dubbio questo TV di Sony. Disponibile in quattro tagli differenti, 49'', 55'', 65'' e 75'' l'XE90 è un televisore dalle prestazione eccellenti, con un'ottima resa dei colori e con il supporto pieno all'HDR a oggetti che evita all'utilizzatore, esattamente come avviene con gli OLED di LG, di dover smanettare con le singole impostazioni ogni volta che si cambia sorgente video o il segnale ha una codifica differente. Tutto merito del nuovissimo processore X1 installato da Sony proprio nei televisori in uscita quest'anno. L'input lag misurato è di appena 34 millisecondi con tutte le feature attive: anche in questo caso ci troviamo davanti a un valore assolutamente eccellente. Il produttore, tra l'altro, ha un unico grande concorrente: se stesso con la serie XE93 che monta la stessa identica CPU ma in una versione potenziata. Tuttavia ha un costo superiore quasi del 50% a parità di grandezza del display e, alla prova dei fatti, le differenze di prestazioni e qualità non sono praticamente percepibili ad eccezione di una manciata di sorgenti video ad altissima resa. Il modello che ci sentiamo di consigliarvi è quindi il 65 pollici della serie XE90 che viene venduto con il prezzo di listino di 2599€. Siamo assolutamente convinti che sarà possibile trovarlo anche al di sotto dei 1500€ nel consueto periodo di scontistiche folli pre-natalizie.

La fascia media, l’alternativa: Samsung UN65MU8000

Ci sentiamo obbligati a inserire un'alternativa a Sony anche se davvero sono pochissimi i motivi che vi dovrebbero far propendere per questo TV LED Samsung invece che per l'X900E. Se infatti è vero che l'MU8000 offre un input lag nettamente più basso del display Sony, visto che si attesta su un valore di appena 24 millisecondi, in termini di gamut dei colori visualizzati ha una resa decisamente inferiore. E soprattutto il modello da 65 pollici costa di listino 200 dollari in più rispetto all'X900E, parte cioè da 2199$. In questo caso specifico più che mai vale il discorso fatto in apertura di speciale: quale dei due televisori scegliere dipende moltissimo dal vostro gusto personale e dalla destinazione d'uso. È scontato infatti che se il vostro obiettivo è di utilizzare questo TV esclusivamente per videogiocare, l'input lag ridotto potrebbe essere un elemento cardine nella propensione all'acquisto. Ma se il display che contate di acquistare sarà il classico televisore da piazzare in salotto per vedere i film più recenti, qualche partita di calcio e anche giocare, allora l'offerta di Sony è sicuramente superiore perché più completa e ottimizzata.

Il TV economico: TCL 55P607

TCL è un produttore di elettronica decisamente poco conosciuto in Italia ma che nell'ultimo decennio sta scalando lentamente ma inesorabilmente ogni classifica relativa all'elettronica di consumo. La diffusione dei suoi prodotti è ancora molto limitata sul nostro territorio ma considerato che nel 2012 ha raggiunto il quarto posto come produttore di TV, alle spalle di Samsung, LG e Sony, è chiaro che la reperibilità dei suoi prodotti tenderà rapidamente ad aumentare anche nella nostra penisola. Detto questo ci sentiamo quindi tranquilli nel consigliare il P607 come TV da acquistare se si vuole assolutamente giocare in 4k con HDR ma si vuole rimanere al di sotto della soglia dei 1000€ di spesa. La linea è disponibile soltanto in due tagli: il 55'' e il 65 pollici con un 50 pollici in arrivo nei prossimi mesi. Purtroppo il 65'' è praticamente introvabile anche all'estero e per questo motivo il nostro consiglio è di puntare al 55 pollici che viene venduto all'incredibile cifra di 649$. Quello che vi porterete a casa è un display con degli ottimi neri, un contrasto più che accettabile grazie a una gestione molto intelligente della retroilluminazione del pannello e soprattutto con il pieno supporto all'HDR e un input lag assolutamente incredibile di appena 14 millisecondi. È ovvio che il rovescio della medaglia può essere pesante - il pannello ha una visione laterale molto limitata e soprattutto è l'unico TV tra quelli segnalati con un pannello a 8 bit e quindi un numero di colori mostrati inferiore rispetto alla concorrenza - ma a quel prezzo è praticamente impossibile trovare un'offerta migliore e il compromesso è tranquillamente accettabile.