Asus, le schede madri X570 e la Prime X299 Edition 30 0

Il Computex 2019 è stata l'occasione per Asus per mostrare al mondo le ultime novità sul fronte ROG ma non solo. Tra le tante spicca la Prime X299 Edition 30 per il trentesimo anniversario dell'azienda.

SPECIALE di Umberto Moioli   —   27/05/2019

Quest'anno Asus festeggia 30 anni: il business delle schede madri, magari un po' meno appariscente nel 2019 rispetto al passato, è stato per anni quello che ha spinto la crescita del brand (e delle esportazioni di Taiwan, in generale). Un retaggio importante che va celebrato a dovere con una linea di nuovi prodotti che mescolano quanto necessario per soddisfare le richieste del mercato e poi una serie di iniziative speciali. Siamo stati ad una presentazione dedicata dove abbiamo scoperto tutte le novità dell'anno, dalle X570 per piattaforma AMD fino alla Prime X299 Edition 30.

X570 Chipset

Il piatto forte dell'intera presentazione è stato il set di schede madri basate su chipset X570: l'annuncio non è ovviamente casuale, dato che arriva nel giorno in cui l'azienda americana ha annunciato la terza generazione di processori Ryzen. Il focus su core e thread della linea AMD andrà questa volta di pari passo con il supporto all'interfaccia PCIe 4.0 che promette migliori performance e connettività per tutti i dispositivi compatibili. Ovviamente le linee delle nuove schede madri saranno quelle note, da ROG Crosshair a ROG Strix, da TUF Gaming a Prime fino a quelle professionali, meno interessanti per il pubblico di giocatori. Le modifiche fatte alle nuove linee sono più o meno sostanziose, di certo interessano un largo numero di possibili utenti e utilizzi a seconda della fascia di prezzo scelta: si passa dai Pro Cool Connector fino a un nuovo sistema di dissipazione.

20190527 140324

L'Aura Sync è stato aggiornato per essere compatibile con un numero maggiore di periferiche, sempre con un'attenzione speciale per il modding. C'è anche la compatibilità con Node, che vedrà l'uscita di un numero crescente di dispositivi pronti a supportarlo. Tutti i prodotti montano ethernet Intel mentre i modelli di fascia più alta avranno anche il software Game First. Le opzioni in vendita saranno come al solito moltissime ma alcuni fanno più rumore di altri. Era un po', ad esempio, che non si vedeva una scheda madre della linea Formula per AMD: la ROG Crosshair VIII Formula è un ritorno che i fan apprezzeranno, ha un heatsink molto grande pronto anche per il liquido, 12 USB sul retro e 9 di fronte. Per la prima volta c'è anche il supporto al formato Mini-DTX con una mobo dedicata, più grande del Mini-ATX e che però permette di montare heatsink più performanti con due ventole attive. Ci sono diverse piccole e grandi aggiunte, come il Supreme FX Impact per l'audio. Sempre nella linea di fascia altissima c'è la ROG Crosshair VIII Hero. Nella strategia di Asus per i giocatori segnaliamo anche le proposte della linea TUF Gaming: il brand è sinonimo di qualità a prezzi accessibili, ma soprattutto di un ecosistema di prodotti compatibili (memorie, ventole e così via) create dai partner di Asus. La TUF Gaming X570 Plus (e la sua variante wi-fi) avranno quindi quanto necessario per giocare più alcune opzioni, legate soprattutto al raffreddamento, che danno modo agli appassionati di investire in ulteriori customizzazioni.

20190527 140439

Asus Prime X299 Edition 30

L'opportunità dei 30 anni è stata colta per mostrare al mondo due novità diverse. La prima è un concept che vuole tracciare la linea per gli anni a venire. La necessità di unire memorie, storage e schede video sempre più veloci richiede un ambiente più performante e la Prime Utopia parte dal presupposto del raffreddamento, anche a liquido, come punto di partenza. Mette la PCIe sul retro, ad esempio, proprio per ottimizzare la gestione delle temperature. Gli Hydra Cortex Fan Header permettono maggiore flessibilità nel posizionalmento delle ventole, anche in base a quelle che sono le specifiche del case. Ci saranno ventole che potranno essere gestite, via software o firmare, in modo indipendente una per una in ciascun modulo. La connettività sarà invece customizzabile al massimo: ethernet, USB e tutti gli altri ingressi saranno completamente personalizzati a seconda delle esigenze dell'utente.

20190527 140044
20190527 140024

La parte più appariscente del progetto resta comunque il pannello 7 pollici Oled: da lì sarà possibile gestire ogni singola opzione, un vezzo che ovviamente sarà giustificato solo nel caso di configurazioni spinte e con tutto questo ben di Dio in bella vista. L'altro annuncio per i 30 anni è Prime X299 Edition 30, scheda che come il nome suggerisce monta il chipset X299 e si rivolge a chi vuole una scheda ultra premium. Ha dei VRM fan da 40mm già montati, heatsink customizzati, supporto al Wi-Fi 6, due Thunderbolt 3 e Aquantia 5G Lan. Con la scheda verrà fornita anche l'Asus Smart Control Console, dispositivo che fa da webcam, integra gli assistenti personali come Alexa e Google Home e monta un piccolo schermo LCD personalizzabile. Un prodotto, anche in questo caso, non per tutti ma che i fan del brand probabilmente apprezzeranno per la la completezza della build.

20190527 134613