Avatar: Reckoning, tutto quello che sappiamo

Avatar: Reckoning è il nuovo free to play basato sul film di Avatar e arriverà a data da destinarsi su tutti i dispositivi mobile: analizziamolo in questo speciale.

SPECIALE di Claudio Camboni   —   03/07/2022
5

Il produttore cinese Tencent ha mostrato il suo nuovo gioco per smartphone chiamato Avatar: Reckoning. Si tratta, ovviamente, del gioco nato a partire dall'omonimo film hollywoodiano di James Cameron. Inizialmente annunciato a gennaio, si tratta di uno shooter con forti meccaniche MMORPG in uscita sui sistemi iOS e Android durante il corso del 2023. Il secondo film della serie arriverà nelle sale cinematografiche di tutto il mondo a dicembre di quest'anno, periodo durante il quale era previsto il lancio originario del gioco, ma che evidentemente non è stato possibile rispettare.

Andiamo a scoprire tutto quello che sappiamo di Avatar: Reckoning.

Uno spettacolare trailer ricco d'azione

Un fotogramma tratto dal filmato di presentazione
Un fotogramma tratto dal filmato di presentazione

Con un trailer a sorpresa è stato mostrato un breve filmato di circa un minuto dove viene concentrata tanta azione all'interno del mondo di gioco, ovviamente il pianeta di Pandora. Nei panni di una guerriera Na'vi (ma presumibilmente il personaggio sarà completamente da costruire tramite editor) dobbiamo difendere il nostro territorio dall'attacco dei potenti robot e truppe della RDA, l'organizzazione interessata alla predazione di materie prime e risorse del posto.

Quello che pare subito evidente dal video mostrato è la natura stessa del titolo, un gioco di ruolo a metà strada tra lo sparatutto e il massive multiplayer online, con ambientazione aperta e decisamente vasta (lo si deduce soprattutto dagli scorci panoramici dall'orizzonte quasi infinito). Le modalità disponibili saranno in realtà due: single player e multiplayer online con PvP o cooperativo.

Oltre alle varie modalità e al genere stesso in cui poter inserire Avatar: Reckoning, il trailer presentato dallo sviluppatore Archosaur Games ci lascia presumere quali possano essere le meccaniche di gameplay che rappresenteranno l'ossatura del gioco. Il team dietro al gioco è d'altronde molto esperto in MMORPG, avendone già pubblicati molti (Dragon Raja, World of Kings e Loong Craft per esempio). Durante il minuto di presentazione viene posta molta enfasi su tre aspetti fondamentali: combattimenti, creature e ambientazione.

Analizzando il breve video notiamo innanzitutto una grande varietà di scontri. Ci sono fasi d'azione melee, con armi (frecce e fucili mitragliatori in primis), ma anche combattimenti aerei tra velivoli RDA e i banshee Na'Vi chiamati Ikran, predatori alati nativi di Pandora usati principalmente per gli spostamenti e per la difesa. Esattamente come avviene nella prima pellicola, quindi, ci possiamo aspettare una grande varietà di tipologie di scontro e battaglie, probabilmente con l'aggiunta dell'elemento acquatico vista l'ambientazione del secondo film. Nella presentazione si vede chiaramente la protagonista nascondersi dietro alcuni ripari (con un sistema di coperture che rimanda fortemente a quello che ha fatto scuola di Gears of War), contrattaccare, saltare e utilizzare armi da lancio.

La forza delle sue ambientazioni

L'immagine di copertina di Avatar: Reckoning
L'immagine di copertina di Avatar: Reckoning

Uno degli elementi migliori di Avatar pare essere stato sfruttato appieno in questo gioco. Ci riferiamo ovviamente alle bellissime ambientazioni del pianeta Pandora. Scorci evocativi e onirici che rimandano fortemente alla pellicola, anche se ci aspettiamo di scoprire nuovi luoghi da esplorare all'interno del suo territorio, probabilmente e magari diversi da quelli già conosciuti.

Il terzo fattore che viene sottolineato dal filmato è la presenza massiccia di creature. Si vedono sia gli Ikran volanti sia i predatori carnivori della foresta apparsi nel primo Avatar, ma anche i possenti Hammerhead e i "cavalli" chiamati Pa'li dai nativi di Pandora, cavalcati in alcuni tratti del video di presentazione. Questi ultimi saranno probabilmente utilizzati per gli spostamenti più lunghi o per arrivare nelle zone di combattimento all'interno del gioco.

Una fase shooter del gioco, con le tipiche bestioline di Pandora
Una fase shooter del gioco, con le tipiche bestioline di Pandora

Avatar: Reckoning è un titolo molto promettente sotto tutti i punti di vista, anche quello prettamente tecnico. Con l'utilizzo del motore grafico Unreal Engine 4 gli sviluppatori sono riusciti a mantenere uno standard qualitativo altissimo anche su dispositivi mobile. La presentazione, ovviamente ottimizzata e preparata ad hoc, è altamente spettacolare non solo nei momenti di pura CGI, che non fa testo, ma anche nelle scene di (presunto) gameplay. Non ci resta che aspettare nuovi aggiornamenti, sperando che lo sviluppo continui rispettando tutte le promesse mostrate dalla presentazione.

Avatar: Reckoning si presenta come un videogioco che sicuramente ha tutte le carte in regola per avere successo e andare oltre il film a cui si ispira. Qualcuno potrebbe storcere il naso davanti a un gioco mobile, per di più free to play (forma di distribuzione che ha molte sfaccettature, sia positive sia negative). Noi, però, analizziamo solo quello che abbiamo visto, e c'è piaciuto. Ambientazioni bellissime, combattimenti adrenalinici e tutta la flora e fauna di Pandora possono rappresentare tanti buoni motivi per scaricarlo e provarlo, quando uscirà.

CERTEZZE

  • Background di gioco fortemente evocativo
  • Combattimenti vari e adrenalinici
  • Realizzazione tecnica pare di prim'ordine
DUBBI
  • La formula free to play funzionerà?
  • Non si sono viste fasi di gioco in-game