Cinque giochi per gli amanti dei mech 23

Dai mech personalizzabili di Daemon X Machina ai super robot della Banpresto, ecco cinque giochi imperdibili per gli amanti dei mech

SPECIALE di Christian Colli   —   04/10/2019

Indice

In questi giorni fa un po' strano accendere la TV e trovare in onda un film di Guillermo del Toro: gli appassionati come noi non possono fare a meno di pensare a Death Stranding e al ruolo che il talentuoso regista, già premio Oscar per La forma dell'acqua, avrà nel nuovo gioco di Hideo Kojima. I due sono amici, prima che colleghi, accomunati da hobby e interessi in cui è facile rispecchiarsi e che li rendono assurdamente normali. Uno di essi è l'animazione giapponese, specialmente quella robotica, e chi segue la filmografia di Del Toro probabilmente l'avrà capito quando il regista messicano ha diretto Pacific Rim, attualmente disponibile su Infinity, alcuni anni fa. In questo film, la resistenza umana affronta i Kaiju provenienti da un portale interdimensionale sottomarino con una schiera di giganteschi robot da combattimento: nonostante la trama pretestuosa e i dialoghi terrificanti - come dimenticare Idris Elba che vuole "cancellare" l'apocalisse? - Pacific Rim è un film divertentissimo che ha portato al cinema il sogno degli appassionati di animazione nipponica, mech e mostri giganti.

Tutto merito di Del Toro, la cui assenza dietro la macchina da presa si è decisamente notata nel pessimo Pacific Rim 2: La rivolta, un sequel praticamente girato intorno alla nuova star John Boyega che ha deluso le aspettative dei fan e chiuso temporaneamente le porte al futuro del franchise. I videogiochi in cui possiamo controllare mech giganteschi e combattere mostri o altri robot in battaglie mozzafiato sono moltissimi, anche se raramente escono bene come vorremmo e il più delle volte vengono confezionati senza troppa cura per cavalcare l'onda del successo di qualche anime. Abbiamo quindi pensato a cinque titoli incentrati sui mech che abbiamo giocato negli ultimi anni e che non possiamo fare a meno di consigliare a tutti gli appassionati di questo tropo fantascientifico che non invecchia mai, che ha definito l'infanzia di molti di noi e che continua ad affascinare generazioni dopo generazione...

Into the Breach

Parlando di Pacific Rim, sarebbe stato impossibile cominciare con un gioco diverso da Into the Breach, il capolavoro dei Subset Games. Si tratta di uno strategico intuitivo che si impara facilmente a giocare, in cui le battaglie si svolgono in mappe minute ma ogni errore si paga carissimo, poiché nulla è lasciato al caso nonostante la formula procedurale. La storia è molto particolare: dovremo viaggiare nel tempo, passando da una linea temporale all'altra, per sconfiggere i Vek, una specie aliena che ricorda gli insetti di Starship Troopers. A nostra disposizione avremo vari mech con cui potremo comporre una squadra, sfruttando abilità e sinergie, ma anche le mappe stesse, che cambieranno riflettendo le condizioni della battaglia. Grazie a un ingegnoso sistema di imprese e di ricompense, e alle numerose possibilità che offrono le varie missioni, Into the Breach riesce a tenere i giocatori incollati alla poltrona, soprattutto quelli che apprezzano la grafica squisitamente retrò.

Daemon X Machina

Preceduto da una demo sottotono, Daemon x Machina ha rischiato di soccombere sotto il peso del pregiudizio, ma fortunatamente Marvelous ha aggiustato il tiro e lanciato il titolo in condizioni decisamente migliori, come spiegato nella nostra recensione. Il gioco è così entrato nella libreria di Switch con personalità e strategia, iniettando steroidi action in quello che alla fine rimane un arcade mech con tanti numeri da studiare e con i quali divertirsi. Se è vero che l'interfaccia dei menù poteva essere meno macchinosa e caotica, la personalizzazione del mech regala soddisfazioni, così come accelerare durante gli inseguimenti, mentre si dà fuoco alle polveri e si combatte all'arma bianca. Il nostro scopo sarà personalizzare un mech da combattimento, chiamato Arsenal, con le armi e l'equipaggiamento depredato negli scontri con le intelligenze artificiali che hanno dichiarato guerra agli esseri umani, costringendoli a nascondersi e a lottare per riprendersi il pianeta.

Titanfall 2

La serie di Respawn Entertainment ha vissuto una seconda giovinezza con un titolo che costruisce sulle solide basi dell'originale un sequel migliore in tutto e per tutto, a cominciare dalla campagna single player divertentissima che racconta le disavventure del protagonista Jack Cooper e del suo Titan, BT-7274, con un level design ispiratissimo. Il cuore di Titanfall 2 resta comunque la modalità multigiocatore: non volendo snaturare più di tanto una formula riuscitissima, i ragazzi di Respawn hanno optato per delle modifiche marginali ma significative, unite a un generale allargamento del ventaglio di opzioni a disposizione dei giocatori. I Titan, i mech intorno a cui ruota tutto il gameplay, si dividono in sei classi, ognuna dotata di capacità uniche e poderose Abilità Core caricabili: Titanfall 2 si divide tra spettacolari e mobilissimi scontri nei panni dei piloti e fasi più tattiche e lente a bordo dei Titani, grazie a una varietà impressionante di soluzioni da sperimentare nelle tante modalità di gioco.

Super Robot Wars T

La serie Super Robot Taisen risale addirittura al 1991 e per tanti anni è rimasta confinata al solo mercato nipponico: negli ultimi tempi, però, Bandai Namco ha cominciato a tradurre in un inglese maldestro ma comprensibile le uscite più recenti, e così tanti fan hanno potuto finalmente capire che cosa si dicevano i personaggi appartenenti agli anime più disparati mentre si incontravano o scontravano sui campi di battaglia a scacchiera. Super Robot Wars è infatti una serie strategica a turni che ricorda Fire Emblem sotto diversi aspetti: il giocatore controlla una squadra composta dai mech e dai super robot più famosi dell'animazione nipponica e quando questi attaccano, lo fanno in versione super deformed, attraverso lunghe cinematiche animate meravigliosamente. Gundam, Getter Robot, Mazinger, Gunbuster... Super Robot Wars T incrocia tantissime serie in un'avventura lunghissima che metterà alla prova la pazienza e l'ingegno degli appassionati del genere.

Gundam Battle Operation 2

Da poco pubblicato anche nel nostro paese - stiamo lavorando alla recensione, restate sintonizzati! - Gundam Battle Operation 2 è un titolo free to play ispirato all'universo del famosissimo mobile suit creato da Yoshiyuki Tomino quasi quarant'anni fa. Sì, avete letto bene: free to play, significa che potete accendere la vostra PlayStation 4 e scaricarlo gratuitamente dal PlayStation Store. Il gioco è infatti un titolo d'azione in cui si compete in squadre da sei giocatori con l'obiettivo di conquistare le mappe e sconfiggere gli avversari in frenetici combattimenti che mischiano attacchi a distanza e scontri ravvicinati. Ovviamente possiamo costruire e potenziare il nostro personalissimo mobile suit, e inoltre è possibile ottenere i modelli di Gundam più famosi tramite una sorta di lotteria in cui possiamo spendere le valute guadagnate giocando. Naturalmente non si tratta di un titolo particolarmente ambizioso, ma i fan della serie e dei mech in generale si divertiranno a pilotare questi robot giganteschi e a combattere da soli o in compagnia.