Layers of Fear 2: la video recensione 0

Layers of Fear 2 esplora il tema dell'arte cinematografica, catapultandoci in ambientazioni oscure e inquietanti: ecco la nostra video recensione.

VIDEO di Raffaele Staccini   —   27/05/2019

Quando manca solo un giorno all'uscita nei negozi, arriva la nostra video recensione di Layers of Fear 2, il nuovo thriller psicologico dei ragazzi di Bloober Team. Un titolo che arriva a tre anni di distanza dal primo capitolo, con un cambio importante di ambientazione e qualche novità.

Layers of Fear 2 punta tutto sulla sceneggiatura, su una scenografia quasi a diorami e su effetti sonori studiati alla perfezione. Se nel primo capitolo il giocatore vestiva i panni di un pittore sull'orlo della follia, in questo caso il punto di vista è quello di un famoso attore imbarcatosi sul transatlantico Icarus per girare un kolossal hollywoodiano nel bel mezzo dell'oceano. Dal punto di vista del gameplay vero e proprio, però, non ci sono cambiamenti sostanziali e all'atto pratico l'attività principale rimane quella di aprire le porte. Per rendere un po' più movimentata l'esplorazione e innalzate il livello di suspense, gli sviluppatori hanno inserito degli escamotage tecnici, come il cambio di ambientazione dopo la scoperta di una porta chiusa. Il comparto grafico è migliorato, anche grazie all'utilizzo di Unreal Engine 4 al posto di Unity, e gli ambienti sono più ricchi di dettagli, anche se sempre poco interattivi.

Come evidenziato in modo dettagliato da Luca Olivato nella recensione di Layers of Fear 2, il gioco si limita insomma a cambiare location e ad aggiungere qualche tocco di interattività in più al primo capitolo. Il risultato è gradevole, ma si tratta di un prodotto che rimane destinato ad una nicchia ben precisa di mercato e al di fuori della portata di cerca qualcosa di più profondo. La data di uscita è invece fissata al 28 maggio 2019 su PC, PlayStation 4 e Xbox One.