Marvel, i film su Netflix 2

Ricapitoliamo: quali sono i film Marvel attualmente disponibili nel catalogo della famosa piattaforma di distribuzione digitale?

SPECIALE di Christian Colli   —   17/03/2019

Indice

Ora che al cinema è arrivato Captain Marvel e mancano poche settimane ad Avengers: Endgame, è un ottimo momento per ripassare il Marvel Cinematic Universe e arrivare preparati alla fine di questa nuova fase. In questo senso, Netflix ci viene incontro proponendoci alcuni film e serie televisive nella sua sconfinata offerta. In questo speciale, in particolare, ci concentreremo sui film, ma è importante ricordare che il catalogo di Netflix è fluido e cambia ogni mese: per esempio, fino a qualche settimana avreste trovato anche Doctor Strange e L'incredibile Hulk, mentre poco tempo fa è stato aggiunto Guardiani della Galassia Vol. 2. Questo speciale, quindi, tratterà i film in catalogo a marzo 2019, cioè nel lasso di tempo che separa le uscite di Captain Marvel e Avengers: Endgame. È utile per fare un ripasso veloce, insomma, e a seguire parleremo dei film in ordine di visione. Probabilmente lo sapete già, ma vi ricordiamo che i film nel Marvel Cinematic Universe sono tutti collegati tra loro, perciò guardandoli in un certo ordine apprezzerete meglio alcune sfumature della trama.

Iron Man

Anno: 2008, fase 1.
Tutto comincia da qui: il film di Jon Favreau ha dato inizio al Marvel Cinematic Universe e a un disegno che forse, undici anni fa, non corrispondeva a quello che è diventato oggi, ma il produttore Kevin Feige già all'epoca aveva le idee abbastanza chiare. Iron Man, infatti, inaugura anche la moda dello "stinger", la scenetta dopo i titoli di coda che anticipa i film successivi. La pellicola di Favreau è una storia di origini e ancora oggi è considerata una delle migliori nel Marvel Cinematic Universe grazie a una struttura avvincente e al carisma di Robert Downey Jr., l'attore che interpreta Tony Stark. Scienziato geniale ma anche venditore di armi senza scrupoli, Tony cambia completamente filosofia dopo essere stato rapito e tenuto in ostaggio dagli stessi criminali che usano le sue armi. Tornato in America, costruisce un'armatura sofisticatissima e decide di usarla per fare giustizia, mentre i piani alti della sua società multimiliardaria ordiscono un complotto per farlo fuori. Tony può però contare sulla sua assistente Pepper, sulla fida guardia del corpo Happy - che peraltro è interpretata proprio dal regista, Favreau - e sul suo migliore amico, il generale James Rhodes. Nella scena dopo i titoli di coda fa la sua prima apparizione Samuel L. Jackson nei panni di Nick Fury.

Iron Man 2

Anno: 2010, fase 1.
Iron Man 2 è probabilmente il film più debole della trilogia incentrata su Tony Stark, ma resta comunque una pellicola fondamentale perché introduce un personaggio importantissimo: Natasha Romanoff, cioè la Vedova Nera interpretata da Scarlett Johansson. In Iron Man 2 cambia anche James Rhodes in tutti i sensi: non solo a interpretarlo è Don Cheadle, che da questo momento in poi sostituisce Terrence Howard in tutti i film a seguire, ma Rhodes comincia anche indossare l'armatura di War Machine. Anche lo SHIELD diventa sempre più presente grazie alle figure di Nick Fury e dell'agente Coulson, mentre Tony fa i conti col reattore ARC che ha installato nel petto per sopravvivere alla bomba che lo ha quasi ucciso nel primo film. Iron Man 2 è un film stravagante ma inconsistente, forse anche per colpa di un villain poco carismatico, e cioè l'Ivan Vanko di Mickey Rourke, un personaggio a metà tra il Whiplash e la Dinamo Cremisi dei fumetti, solo molto meno minaccioso. Nella scena dopo i titoli di coda, l'agente Coulson trova un misterioso martello in Nuovo Messico.

Thor

Anno: 2011, fase 1.
Kenneth Branagh dirige il primo film dedicato a Thor, il dio del tuono asgardiano che nei fumetti ha avuto una storia lunghissima e complicata. Nel film, Thor è il figlio di Odino, ma anche un guerriero belligerante e spocchioso che dovrebbe ereditare il trono di Asgard, un mondo in cui si intrecciano scienza e magia. Odino punisce Thor e lo esilia sulla Terra senza il suo potente martello Mjolnir: indebolito e solo, Thor dovrà affidarsi a un trio di scienziati strampalati per impedire che suo fratello Loki, in realtà figlio del re dei giganti di ghiaccio in guerra da millenni con gli asgardiani, salga al trono e rovini tutto per vendetta e per capriccio. Thor è quasi un film fantasy che può contare su attori del calibro di Anthony Hopkins, Idris Elba, Stellan Skarsgård e Natalie Portman, tuttavia ha rivelato anche il talento di Tom Hiddleston, l'attore che interpreta Loki e che è diventato quasi subito un fan favorite grazie al suo carisma. In Thor fa inoltre la sua prima apparizione Clint Barton, ovvero Occhio di Falco, e nella scenetta dopo i titoli di coda compare per la prima volta il Tesseract... che oggi sappiamo essere una delle gemme dell'infinito.

Captain America: Il primo vendicatore

Anno: 2011, fase 1.
Un'altra storia di origini, questa volta incentrata sul fondamentale personaggio di Capitan America, leader indiscusso dei Vendicatori e icona Marvel a pieno diritto. A interpretarlo è Chris Evans, un giovane attore che fino a poco tempo fa era stato tristemente famoso per aver recitato in qualche commedia e nei due Fantastici Quattro di Fox come la Torcia Umana. In Captain America, però, Evans interpreta uno Steve Rogers perfetto e il film, ambientato negli anni '40, ci racconta come il ragazzo sia diventato un eroe di guerra dopo essersi sottoposto a un esperimento che lo ha trasformato in un super soldato. Inizialmente deriso dai suoi stessi commilitoni, Cap dimostrerà tutto il suo valore ed ispirerà l'intera nazione combattendo contro il diabolico Teschio Rosso e l'HYDRA, la divisione scientifica nazista che diventerà una spina nel fianco del Marvel Cinematic Universe. Nel film compaiono per la prima volta il padre di Tony Stark e l'agente Carter cui ABC dedicherà una serie televisiva in due stagioni. Nella scena dopo i titoli di coda, Captain America - creduto morto - si risveglia nel presente e incontra Nick Fury.

The Avengers

Anno: 2012, fase 1.
Diretto dal papà di Buffy l'ammazzavampiri, Joss Whedon, The Avengers sancisce la conclusione della cosiddetta "fase 1", riunendo i personaggi presentati nei film precedenti in una squadra disfunzionale che dovrà affrontare una vera e propria invasione aliena. Loki riesce a impossessarsi del Tesseract e minaccia di usarlo per conquistare il pianeta e soddisfare un misterioso mandante, così Nick Fury recluta Capitan America, Iron Man, Thor e Hulk nel progetto Avengers. All'inizio i vari eroi - cui si aggiungono la Vedova Nera e Occhio di falco - non vanno per niente d'accordo e rischiano anzi di mandare tutto all'aria, ma il sacrificio di un amico in comune li spingerà a unire le forze per salvare New York dall'attacco dei Chitauri in una delle battaglie più esaltanti che un fan dei fumetti Marvel possa ricordare. The Avengers non è solo un esperimento riuscito, ma anche il primo film "crossover" che rivela le potenzialità del progetto cinematografico di Kevin Feige. Nella scena dopo i titoli di coda, scopriamo che il mandante di Loki è nientepopodimeno che Thanos in persona.

Iron Man 3

Anno: 2013, fase 2.
L'ultima avventura solitaria di Iron Man, diretta questa volta da Shane Black, esplora le conseguenze della battaglia finale di The Avengers in cui Tony Stark per poco non ci è rimasto secco. Afflitto da un disordine da stress post traumatico che lo rende più instabile ed eccentrico del solito, Tony deve fare i conti con la sua complicata relazione con Pepper Pots e col Mandarino, un terrorista che sembrerebbe averlo preso di mira e che nasconde parecchi segreti. Tony si ritroverà senza armatura a dover fare affidamento solo sul suo ingegno, braccato da soldati superumani che vogliono fargli la pelle, mentre nel governo si sta consumando un complotto addirittura ai danni del presidente. Insieme a War Machine - anzi, Iron Patriot in questo film! - Iron Man dovrà salvare Pepper, il presidente degli Stati Uniti e decidere se continuare a costruire armature su armature oppure voltare pagina e iniziare una nuova vita. Nella scena dopo i titoli di coda, rivediamo Mark Ruffalo nei panni di Hulk - aveva sostituito Edward Norton a partire da The Avengers - ma si tratta di una sequenza poco significativa, seppur divertente.

Thor: The Dark World

Anno: 2013, fase 2.
La pellicola di Alan Taylor è sfortunatamente diventata un vero e proprio meme, poiché è considerato generalmente il peggior film nel Marvel Cinematic Universe. Le ragioni sono diverse: la trama è incoerente, il villain poco carismatico, le scene d'azione prive di mordente, ma sopratutto c'è molta più chimica tra Chris Hemsworth e Tom Hiddleston che tra Hemsworth e la Portman, nonostante il film giri tutto intorno alla storia d'amore tra Thor e Jane Foster. Quest'ultima trova l'Ether sulla Terra, una specie di forma di energia fluida che attira l'attenzione degli Elfi Oscuri, una specie sconfitta e bandita dagli asgardiani molto tempo prima. Thor deve quindi salvare Jane, poi Asgard e quindi la Terra dalle brame di Malekith, il re degli Elfi Oscuri, e per farlo dovrà chiedere aiuto proprio a suo fratello Loki, prigioniero dopo gli eventi di The Avengers. A questo punto del Marvel Cinematic Universe ancora non sappiamo che l'Ether è una gemma dell'infinito, ma lo scopriamo nella scenetta dopo i titoli di coda, quando Lady Sif la consegna al Collezionista, il personaggio interpretato da Benicio del Toro che rivedremo in Guardiani della Galassia.

Captain America: The Winter Soldier

Anno: 2014, fase 2.
Il primo film girato dai fratelli Anthony e Joe Russo è considerato ancora oggi uno dei migliori - se non il migliore - nell'intero Marvel Cinematic Universe. I due registi raccontano una storia avvincente, piena di ritmo, colpi di scena e intrighi degni di una thriller spionistico che peraltro ha cambiato profondamente il mondo in cui si svolgono questi film. Un attentato ai piani alti dello SHIELD mette Capitan America in una posizione difficile: considerato un traditore e un ricercato, dovrà scoprire chi ha architettato un complotto che affonda le radici nel suo passato e nel lungo conflitto tra lo SHIELD e l'HYDRA nazista. La verità sarà sconvolgente e costringerà i nostri eroi a schierarsi, anche perché sulle tracce di Cap c'è il Soldato d'Inverno, un killer spietato e inarrestabile. Captain America: The Winter Soldier introduce per la prima volta il personaggio di Sam Wilson, cioè Falcon, che diventerà un prezioso alleato di Captain America ed entrerà ufficialmente nei Vendicatori da lì a poco. Nella scena dopo i titoli di coda, compaiono per la prima volta i gemelli Wanda e Pietro Maximoff, i futuri Scarlet e Quicksilver.

Guardiani della Galassia

Anno: 2014, fase 2.
Col film scritto e diretto da James Gunn, il Marvel Cinematic Universe compie un balzo letteralmente cosmico, abbandonando la Terra nei primi minuti per poi svolgersi tutto nello spazio. La storia segue le disavventure di una banda di fuorilegge che si ritrova a dover unire le forze per sopravvivere e impedire che Thanos metta le mani su un prezioso manufatto che poi sarebbe una gemma dell'infinito. Peter Quill è un pirata spaziale che è stato rapito sulla Terra quando era bambino; Gamora è la figliastra di Thanos che vuole rovesciare il padre; Drax è un alieno squilibrato in cerca di vendetta dopo che Thanos ha sterminato la sua famiglia; Rocket è un esperimento genetico che somiglia tanto a un procione col pallino dell'ingegneria e viaggia sempre in compagnia di Groot, una sorta di albero senziente. Con questi presupposti, Guardiani della Galassia è un film divertente e bizzarro che praticamente getta le basi del Marvel Cinematic Universe per come lo conosciamo oggi: oltre a rivelare le intenzioni di Thanos, introduce Nebula e i Kree, alzando la posta dei film a seguire. Nella scena dopo i titoli di coda fa la sua comparsa Howard il papero... ma questa è un'altra storia.

Guardiani della Galassia Vol. 2

Anno: 2017, fase 3.
Il Marvel Cinematic Universe a questo punto salta praticamente un'intera fase, passando direttamente alla seconda avventura dei Guardiani con un film molto più introspettivo che esplora la vera natura di Star-Lord, in realtà umano solo per metà visto che suo padre è addirittura un Celestiale, Ego. Gunn indaga sul significato del concetto di famiglia usando proprio la più improbabile di tutte e strappando qualche lacrimuccia con un finale commovente, nonostante il film sia pieno di gag e momenti esilaranti. I Guardiani si ritrovano divisi senza sapere di essere in un pericolo mortale, mentre la squadra guadagna un nuovo membro, l'aliena Mantis, e un'alleata d'eccezione, Nebula. Guardiani della Galassia Vol. 2 ha infatti l'importante compito di rinforzare i legami tra Star-Lord e Gamora e poi tra Gamora e Nebula, svolta narrativa studiata probabilmente a tavolino per rendere ancora più sconvolgente un colpo di scena in Avengers: Infinity War. Durante i titoli di coda ci sono diverse scene, ma la più importante è quella in cui la leader del Sovereign annuncia di aver creato un'entità per vendicarsi dei Guardiani: Adam.

#Editoriali

I nostri speciali e approfondimenti più interessanti o che dibattono degli argomenti del momento, li trovate in questo tag.