Super Smash Bros. Ultimate: gli eroi Nintendo si preparano alla più grande reunion  65

Con un roster immenso, Super Smash Bros. Ultimate punta a essere il miglior capitolo della serie Nintendo e il più grande crossover nella storia dei videogiochi

PROVATO di Vincenzo Lettera   —   13/06/2018
Scarica il Video

È ancora presto per dire se Super Smash Bros. Ultimate sarà il miglior capitolo dell'intera saga di picchiaduro Nintendo, ma indubbiamente punta a essere il più completo. Il principale annuncio fatto durante la presentazione del gioco all'E3 2018 riguarda infatti il roster dei combattenti, che includerà ogni singolo personaggio mai apparso nella ventennale storia della serie, dagli immancabili Mario, Link e Samus a quelli arrivati tramite DLC, come Bayonetta, Ryu e Cloud, ognuno con tutte le varianti e i costumi visti finora. A questi si aggiungono new entry come gli Inkling e Daisy, ma la sorpresa più grande per i fan storici è stata l'aggiunta di Ridley, da anni richiesto a gran voce al punto da diventare un meme ricorrente nella community di appassionati. Allo stand che Nintendo ha allestito alla fiera di Los Angeles abbiamo potuto spendere un po' di tempo col gioco, provando una manciata di personaggi nel tentativo di cogliere alcune delle novità di questo nuovo Super Smash Bros.

Il più grande crossover di sempre

Lo diciamo subito: la sensazione è che Super Smash Bros. Ultimate non sia né un capitolo del tutto nuovo, né un semplice porting arricchito di Super Smash Bros. per Wii U, bensì una via di mezzo, un po' com'è stato per Splatoon 2. Il feeling iniziale è molto simile all'episodio precedente, ma nell'arco di pochi match cominciano a emergere alcune delle rifiniture e dei cambiamenti che Nintendo ha introdotto in termini di gameplay e ritmo di gioco. Tante piccole idee sono finalizzate a rendere le fasi conclusive degli scontri più serrate e concitate, aggiungendo un po' di pepe tanto alle partite con gli amici quanto ai tornei. Durante un sudden match, ad esempio, la telecamera si stringe pian piano sui combattenti, riducendo l'area di gioco e rendendo più facile scaraventare fuori dalla mappa l'avversario. Inoltre, meno giocatori ci sono su schermo e più i danni vengono amplificati, alterando completamente il ritmo di ogni sfida in base al numero di partecipanti. Nel provare i nuovi personaggi, abbiamo notato con sorpresa quanto Ridley sia agile e imprevedibile nonostante le sue dimensioni, mentre i suoi attacchi potenti hanno un raggio d'azione parecchio ampio. La sua rapidità nei movimenti colpisce ancora di più se si considera che Sakurai non aveva mai inserito Ridley nei capitoli passati perché pensava sarebbe stato troppo lento e noioso da giocare.

Discorso diverso per gli Inkling: è possibile scegliere tra un gran numero di varianti, inclusi alcuni costumi tratti da Splatoon 2, ma sono personaggi piuttosto atipici, che richiedono qualche match prima di capire come usarli in maniera efficace. Nintendo non si è limitata soltanto a ripescare i personaggi apparsi dai vecchi episodi, ma - chi più chi meno - tutti sono stati rimaneggiati, ottenendo ora nuove abilità, armi e tecniche speciali. Con un cast così numeroso, è però fondamentale che il team di sviluppo si preoccupi di curare il bilanciamento del gioco, cosa che non ha fatto granché bene dopo l'introduzione di personaggi aggiuntivi come Cloud e Bayonetta, che al loro arrivo hanno completamente stravolto gli equilibri del roster e monopolizzato le tier-list. In particolare i timori sono su Bayonetta che, nonostante sia stata leggermente ridimensionata per evitare che tornei e server online si popolino solo di streghe in latex, resta ancora un personaggio controverso ed eccessivamente potente, tant'è che proprio durante il torneo di Smash Bros. Ultimate organizzato da Nintendo all'E3 2018, il messicano MkLeo ha abusato delle combo di Bayonetta per schiacciare il Ridley di Plup. La speranza è che - con una performance così evidente sul palco di Nintendo - Sakurai e il suo team decidano di tornare al lavoro per assicurarsi che, quando il gioco uscirà a dicembre, il roster sarà quanto più bilanciato possibile.

Scarica il Video

Ultimate ha il potenziale per diventare il miglior capitolo di Super Smash Bros. mai realizzato, ma la prova all'E3 2018 è stata solo un assaggio di quello che ci aspetta a dicembre. Nintendo dovrà approfittare del prossimo semestre per rifinire l'esperienza, bilanciare il roster e correggere diversi bug, ma oltre all'immenso cast di personaggi speriamo di vedere ulteriori contenuti, modalità extra e magari qualche altro personaggio inedito.

CERTEZZE

  • Il capitolo di Smash col roster più ricco
  • Piccoli cambiamenti al gameplay e al ritmo di gioco

DUBBI

  • Bilanciare un roster così ampio sarà un'enorme sfida
  • Modalità ed extra ancora da scoprire