Ubisoft gTV: talk-show, docu-serie, spettacoli comici e non solo a tema videogiochi

gTV arriva anche in lingua inglese: è un canale di Ubisoft nel quale si parla dell'industria videoludica con talk-show, docu-serie e spettacoli comici.

VIDEO di Nicola Armondi   —   14/04/2021
7

Ubisoft ha annunciato che domani sarà lanciata la versione inglese di gTV, canale dedito alla celebrazione della cultura videoludica. I contenuti saranno disponibili su YouTube, Facebook, Instagram, Twitter e Twitch. Potete vedere un trailer di lancio qui sopra.

gTV esiste già in versione francese e ora Ubisoft ne realizza una versione UK. Il publisher ha affermato che saranno rilasciati una serie di programmi originali dedicati al mondo dello sviluppo, ai creatori, ai giocatori e ai grandi eventi dell'industria videoludica. Ogni settimana ci saranno contenuti originali, da documentari a talk-show fino a programmi in diretta.

gTV non è un canale dedicato unicamente a Ubisoft: tratterà infatti l'intera industria. Tra i primi programmi vi sarà un talk-show condotto da Jay-Ann Lopez, con ospiti come Ellie Gibson, Nicola Adams, Rufus Hound e Pete Donaldson. Ci sarà poi anche "Versus", guidato dal conduttore eSport Frankie Ward: vedremo star di Twitch e YouTube competere l'una contro l'altra.

gTV di Ubisoft
gTV di Ubisoft

CafeXP, invece, è un show comico condotto dall'attore e commediante Babatunde Aleshe. Avremo poi "Fragments", una docu-serie eSport, e aRTY, una serie basata sul lavoro di artisti ispirati dal mondo videoludico. gTV di Ubisoft è quindi pronto a proporre molteplici tipi di contenuti che potranno soddisfare tipi diversi di spettatori.

"Molti di noi in Ubisoft sono giocatori orgogliosi di essere parte della cultura videoludica. Il nostro intento con gTV è di onorare questa forma di intrattenimento, condividendo storie legate ai nostri giochi, ma anche di tutti quelli che hanno lasciato un segno su di noi come videogiocatori." Queste le parole di Geoffroy Sardin, EMEA VP of sales and marketing presso Ubisoft.

Vi segnaliamo inoltre che Ubisoft spegne i server di vari Rainbow Six, Assassin's Creed e altri giochi passati.