Cliff Bleszinski suggerisce a chi critica le microtransazioni di non acquistarle 89

Additare EA come un'entità malvagia e distruttrice non serve a nulla

NOTIZIA di Mattia Armani —   04/03/2013

CliffyB non è d'accordo con la pioggia di critiche che hanno investito EA negli ultimi tempi. Un'esplosione di improperi che si è inasprita ulteriormente quando il publisher ha dichiarato di voler implementare microtransazioni in tutti i titoli futuri.

Secondo Bleszinski l'utenza deve capire che si tratta di un mercato e che l'unico modo per far valera la propria opinione è quello di comprare o non comprare qualcosa. Ci sono, ammette il designer, tecniche di vendita spiacevoli, ma arrabbiarsi e poi acquistare comunque non cambierà di una virgola la situazione. Il discorso non fa una piega anche se Bleszinski non fa distinzione tra titoli free to play e titoli completi, tra microtransazioni e DLC.

Molto del dissapore con le nuove tecniche di vendita dei publisher non dipende tanto dai contenuti di Dead Space 3, le cui microtransazioni non vanno a deteriorare il gioco di chi non le compra, quanto dai trascorsi dell'industria che non ci ha fatto mancare DLC apparentemente tagliati dall'esperienza principale e poi venduti a parte, oggetti dal costo di sviluppo minimo venduti a prezzi astronomici e microtransazioni capaci di facilitare il gioco online. Anche in questi casi, ovviamente, non sono le offese che cambiano le cose ma il diritto di critica appare lecito.

Link: CliffyB - Blog personale