Warren Spector vede nel successo di The Legend of Zelda: Breath of the Wild una specie di certificazione del valore di titoli come il suo Deus Ex

Ovviamente The Legend of Zelda: Breath of the Wild gli è piaciuto tantissimo

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   23/01/2018
75

Warren Spector è indubbiamente una delle firme più illustri dell'industria videoludica occidentale. A lui e a chi ha lavorato con lui dobbiamo diversi capolavori, tra i quali è impossibile non citare Deus Ex (ma anche Ultima Underworld, System Shock e altri ancora). Intervistato da PCGamesN, Spector si è detto contento del fatto che l'industria mainstream stia sempre più utilizzando concetti introdotti all'epoca di Thief e Deus Ex.

In particolare, il successo di un gioco come The Legend of Zelda: Breath of the Wild, che ha abbandonato i canoni della serie puntando tutto sul gameplay emergente, sarebbe anche la validazione di quanto di buono fatto da lui e da altri negli anni passati. Insomma, secondo Spector titoli simili hanno un pubblico potenziale molto più vasto di prima. La speranza, ovviamente, è che ciò possa rendere più appetibili Underworld Ascendant e System Shock 3, titoli cui sta lavorando con Otherside Entertainment che si propongono proprio come eredi di questa tradizione.