Apple: l'abbandono di Jony Ive è colpa di Tim Cook e del management? 3

Spuntano alcune testimonianze e prove sulle possibili cause dell'abbandono di Apple da parte del suo storico designer principale, Jony Ive.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   01/07/2019

Aggiornamento: Modificato il testo originale per quanto riguarda la riduzione la reazione del mercato all'uscita di Ive.


L'uscita di scena di Jony Ive da Apple potrebbe avere delle cause e dei colpevoli precisi, secondo quanto sta emergendo da testimonianze e ricostruzioni su questi ultimi anni presso la compagnia di Cupertino, ed essere derivata da un progressivo deterioramento dei rapporti con Tim Cook e il management in generale.

L'abbandono di Jony Ive è un evento di grande importanza per Apple, tanto che il mercato ha subito reagito con un calo nelle valutazioni delle azioni della compagnia subito dopo la notizia, ma potrebbe non essere stato un processo così improvviso come è sembrato dall'esterno. Come riportato da The Verge, che cita un approfondimento del Wall Street Journal, sembra infatti che i rapporti tra Jony Ive e i vertici Apple si fossero deteriorati già da tempo e che Ive si fosse allontanato progressivamente dalla compagnia, con frequenti assenze soprattutto dopo la presentazione di Apple Watch nel 2015. Questa situazione ha gettato il team principale dedicato al design nello sconforto e nella preoccupazione, causando peraltro la fuoriuscita di diversi altri membri chiave della divisione.

In generale, tra le cause della situazione ci sarebbe una mancanza di entusiasmo di Jony Ive, dovuta al fatto che Tim Cook ha progressivamente dimostrato sempre meno interesse nel processo di sviluppo dei prodotti, tanto da aver dato l'impressione, a volte, che il CEO di Apple vedesse i prodotti per la prima volta durante le presentazioni ufficiali. La board dei manager di Apple sarebbe stata inoltre riempita in questi ultimi anni da persone che non hanno nulla a che fare con la produzione e progettazione tecnologica, altra cosa che avrebbe creato screzi con Ive, in un generale disinteresse per la progettazione e il design da parte dei manager.

Pare inoltre che ci siano state delle tensioni tra il designer e alcuni leader di Apple su come posizionare Apple Watch, tra l'idea di un accessorio elegante e un elemento complementare a iPhone, portando a un compromesso tra le due posizioni. Inoltre, gli accordi economici particolarmente positivi strappati da Ive ad Apple per continuare la collaborazione dall'esterno attraverso la nuova compagnia LoveFrom sono stati ovviamente un bell'incentivo per uscire.

#Apple

Apple