Atari si riposiziona sui giochi premium per console e PC e abbandona i casinò

Viste le recenti perdite finanziarie per 5 milioni di euro, Atari ha deciso di riposizionarsi sui giochi Premium per console e PC, abbandonando i casinò.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   05/07/2021
30

Atari ha deciso di riposizionarsi sul settore dei videogiochi premium per console e PC e di abbandonare i casinò, dopo aver chiuso il suo ultimo bilancio con perdite annunciate per 5 milioni di euro. Sostanzialmente la divisione gaming tornerà a investire in videogiochi tratti dalle sue proprietà intellettuali. Il cambiamento è stato votato dal consiglio di amministrazione il 1° luglio 2021, dopo una revisione completa delle risorse della società e degli ultimi risultati.

Oltre ai casinò, Atari abbandonerà anche il settore dei free-to-play, un mercato in espansione ma dove è troppo difficile emergere, soprattutto per le realtà medio piccole. Per questo motivo saranno chiusi o venduti ben cinque giochi: RCT Stories, Crystal Castles, Castles & Catapults, Ninja Golf, Atari Combat: Tank Fury. I giochi di successo, quelli che hanno una base utenti sufficiente a giustificarne l'esistenza, non saranno toccati.

Atari VCS non sta facendo parlare molto di sé
Atari VCS non sta facendo parlare molto di sé

I primi giochi premium, non ancora annunciati, sono già in sviluppo e alcuni saranno lanciati già nell'anno fiscale 2021/2022. Comunque sia, l'offerta sarà rafforzata con il tempo. Le risorse per finanziare il settore dei giochi premium saranno trovate proprio uscendo dal business dei casinò. Previsti anche dei titoli per Atari VCS, la nuova console di Atari che sinceramente non sta facendo parlare molto di sé, a parte per il prezzo.