Bethesda voleva essere comprata da Microsoft già tre anni fa, dice Michael Pachter

L'analista Michael Pachter ha rivelato un divertente retroscena, dicendo che Bethesda voleva essere comprata da Microsoft già tre anni fa: ecco come sono andate le cose.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   27/03/2021
70

Bethesda voleva essere comprata da Microsoft già tre anni fa, stando a quanto riferito dall'analista Michael Pachter in un suo intervento nel podcast video di SIFTD Games.

Sappiamo che l'annuncio dell'acquisizione di Bethesda da parte di Microsoft è stato dato lo scorso settembre e che l'operazione è stata completata ufficialmente pochi giorni fa, ma a quanto pare il publisher coltivava già da tempo l'ambizione di entrare a far parte della famiglia di Xbox.

"Mi trovavo a parlare con alcune persone di Bethesda a un evento, tre anni fa, e mi hanno chiesto 'pensi che Electronic Arts potrebbe comprarci?', al che ho risposto 'sì, potrebbero'. Quindi mi hanno chiesto 'pensi che Microsoft potrebbe comprarci?' e ho risposto 'credo che sarebbe un'ipotesi molto migliore'", ha raccontato Pachter.

"Quindi mi hanno detto 'lo pensiamo anche noi! Senti, andresti a dire a Phil Spencer di comprarci?', e io sono letteralmente andato da Phil a dirgli che c'erano questi ragazzi di Bethesda che volevano parlargli, volevano che comprasse l'azienda."

"Ero lì che lo dicevo ridendo, ma poi è successo davvero. Me ne prendo il merito!", ha aggiunto scherzosamente l'analista. "Bethesda mi ha chiesto di farlo perché volevano davvero far parte di Microsoft. E la ragione è che Phil è una persona straordinaria, tratta bene i suoi sviluppatori."

"Matt Booty, che gestisce gli studi, be', non c'è un uomo più gentile di lui sulla faccia della terra. Credo sia risaputo che Microsoft tratta bene i propri dipendenti ed è per questo che tutti vogliono lavorare lì."

Potete vedere la parte in cui Pachter parla di questi retroscena a partire dal minuto 5:45 del video qui in calce.