Call of Duty: Warzone, il crossplay ha diversi problemi, secondo i giocatori 86

Il crossplay di Call of Duty: Warzone non sarebbe perfetto, soprattutto da Xbox One: ecco le lamentele e le proposte dei giocatori.

NOTIZIA di Simone Pettine   —   06/07/2020

Call of Duty: Warzone, l'ultimo Battle Royale di rilievo ad essere approdato sul mercato, avrà parecchi difetti, ma anche altrettanti pregi. Per esempio, di buono ha il crossplay: una feature richiesta dai giocatori praticamente per qualsiasi titolo online. Non fosse per alcune rimostranze, mosse soprattutto nell'ultimo periodo.

I giocatori, difatti, non sembrano essere contenti di come funziona il crossplay di Call of Duty: Warzone, il quale presenterebbe diversi problemi; su tutti l'impossibilità di essere liberamente attivato o disattivato da Xbox One. Sì, esatto, solo da Xbox One. Ora, normalmente questa funzionalità permette a giocatori da PlayStation 4, Xbox One e infine PC di condividere le proprie partite, tutti all'interno della stessa lobby e della stessa mappa di gioco. Ma non tutti vogliono essere costretti a doverle condividere per forza.

Il problema si è fatto ancora più spinoso per la presenza dei cheater su PC, oltre a coloro che utilizzano il controller (sempre da PC) per ottenere vantaggi grazie alla mira assistita (una vecchia storia che continua a far discutere anche su Fortnite Battaglia Reale).

"I giocatori da Xbox dovrebbero poter scegliere di disattivare il crossplay su Call of Duty: Warzone" ha dichiarato Zrappzxx su Reddit, "perché diamine non è possibile? Non mi darebbe fastidio un crossplay console-console (...) ma da PlayStation è tutto più semplice, dato che possono disattivarlo. Da noi quando arriverà questa opzione?" Difficile dargli torto, Call of Duty: Warzone da PC e PlayStation 4 presenta una bella opzione per disattivare il crossplay, assente su Xbox. Se aggiungiamo gli altri problemi citati, è chiaro comprendere come mai la situazione stia diventando insostenibile.

I giocatori hanno anche suggerito ad Activision una possibile soluzione: quella di basarsi sul sistema di input, come avviene su Fortnite. Dare cioè la possibilità a Call of Duty: Warzone di comprendere chi stia utilizzando mouse e tastiera e chi il controller, abbinando di conseguenza i giocatori in base alle stesse periferiche. Che cosa ne dite, potrebbe funzionare?