Call of Duty Warzone: DMR 14 nuovamente depotenziato, è la volta buona?

Raven Software ha nuovamente depotenziato l'arma DMR 14 di Call of Duty Warzone, dopo aver fallito il primo tentativo di neft. Ecco i dettagli.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   14/01/2021
16

Raven Software ha nuovamente depotenziato l'arma DMR 14 di Call of Duty Warzone. Come i fan del battle royale sapranno, il fucile è stato al centro delle critiche dei giocatori per qualche tempo, a causa della sua eccessiva potenza che rendeva la maggior parte dell'arsenale del gioco inutile. Il team di sviluppo aveva in realtà già provato a "nerfare" il DMR 14, ma il risultato non aveva affatto convinto i giocatori.

Il DMR 14 di Call of Duty Warzone, ora, dispone di una penetrazione del proiettile di livello Fucile d'assalto e non più Fucile da cecchino. La distanza oltre la quale il danno inizia a calare è stata diminuita, il rinculo è aumentato e il danno alla testa è stato diminuito dopo 750 unità di distanza. La riduzione del rinculo verticale del Front Grip è stata rimossa, mentre la riduzione del rinculo orizzontale è stata incrementata del 30%. Il Field Agent Foregrip passa dal 35% al 25% di riduzione del rinculo verticale, mentre passa dal 35% al 30% di riduzione del rinculo orizzontale.

Raven ha però modificato anche altre armi di Call of Duty Warzone. Il Type 63 ha ora una penetrazione del proiettile simile a quella di un fucile d'assalto e la distanza dalla quale la riduzione del danno cala è stata diminuita. Nel caso del Diamatti, invece, il danno massimo è stato diminuito da 45 a 40; usando il set Akimbo, inoltre, il moltiplicatore di danno è stato impostato a 1. Infine, è stato risolto anche il glitch che permetteva di ottenere un numero infinito di Stim.

Se le novità non sono abbastanza interessanti per voi, sappiate che Call of Duty Warzone è giocabile anche con un flauto dolce, come dimostrato da uno streamer.