Facebook: ex-dipendente rivela i segreti dell'algoritmo e della disinformazione del social network

Un ex-dipendente di Facebook rivela i segreti dell'algoritmo e della disinformazione del social network.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   04/10/2021
58

60 Minutes di CBS ha pubblicato un'intervista con Frances Haugen, ex-dipendente di Facebook che ha deciso di svelare i segreti dell'algoritmo del social network e i legami con la disinformazione.

Frances Haugen ha 37 anni, è una scienziata dei dati dell'Iowa con una laurea in ingegneria informatica e un master in business ad Harvard. Per 15 anni ha lavorato per aziende come Google e Pinterest. La donna ha affermato: "Immaginate di sapere cosa sta succedendo all'interno di Facebook e di sapere che nessuno all'esterno lo sa. Sapevo come sarebbe stato il mio futuro se avessi continuato a stare dentro Facebook: persona dopo persona dopo persona ha affrontato questo problema dall'interno di Facebook e alla fine si è arresa". Per trovare tutte le informazioni necessarie, ha copiato segretamente decine di migliaia di pagine di ricerche interne di Facebook. Uno dei molti motivi per i quali l'ha fatto è la perdita di un amico, avvenuta a causa di teorie cospirative circolate online.

Uno studio che ha trovato, di quest'anno, dice: "Stimiamo che possiamo intervenire su un numero di situazioni pari fino al 3-5%, per quanto riguarda messaggi odio, e circa 6 decimi dell'1% di V & I [violenza e incitamento] su Facebook, nonostante siamo i migliori al mondo in questo campo".

Uno smartphone con il logo di Facebook
Uno smartphone con il logo di Facebook

La donna spiega anche che era stata assegnata al dipartimento Civic Integrity che ha lavorato sui rischi delle elezioni, compresa la disinformazione. Ma dopo queste ultime elezioni, c'è stata una svolta.

Haugen ha affermato: "Ci hanno detto: 'Stiamo sciogliendo Civic Integrity'. In pratica hanno detto: 'Oh bene, siamo riusciti a superare le elezioni. Non ci sono state rivolte. Ora possiamo sbarazzarci di Civic Integrity'. Avanti veloce di un paio di mesi, abbiamo avuto l'insurrezione. Quando si sono sbarazzati di Civic Integrity, è stato il momento in cui mi sono detta: 'Non mi fido del fatto che siano disposti a investire davvero ciò che deve essere investito per evitare che Facebook sia pericoloso'."

Haugen ha detto che la radice del problema di Facebook è in un cambiamento che ha fatto nel 2018 ai suoi algoritmi, la programmazione che decide cosa vedi sul tuo news feed di Facebook.

Frances Haugen ha affermato: "Hai il tuo telefono. Potresti vedere solo 100 contenuti se ti siedi e scorri per cinque minuti. Ma Facebook ha migliaia di opzioni che potrebbe mostrarti. L'algoritmo sceglie tra queste opzioni in base al tipo di contenuto con il quale hai interagito di più in passato." E ovviamente la disinformazione e l'odio tendono a generare più reazioni e, quindi, spingono le persone a rimanere più tempo su Facebook.

Frances Haugen afferma: "Sì. Facebook ha capito che se cambia l'algoritmo per essere più sicuro, la gente passerà meno tempo sul sito, cliccherà su meno annunci e Facebook farà meno soldi." Haugen dice che Facebook ha capito il pericolo per le elezioni del 2020. Così, ha attivato sistemi di sicurezza per ridurre la disinformazione ma molti di questi cambiamenti erano temporanei. "E non appena le elezioni sono finite, li hanno disattivati di nuovo o hanno cambiato le impostazioni di nuovo a quello che erano prima, per dare priorità alla crescita rispetto alla sicurezza. E questo mi sembra davvero un tradimento della democrazia."

L'intervistatore Scott Pelley ha affermato: "Facebook amplifica essenzialmente il peggio della natura umana." Al che Frances Haugen ha replicato: "È una delle spiacevoli conseguenze, giusto? Nessuno dentro Facebook è malvagio, ma gli incentivi sono disallineati, giusto? Facebook fa più soldi quando si consumano più contenuti. Alla gente piace interagire con cose che suscitano una reazione emotiva. E più rabbia gli viene proposta, più interagiscono e più consumano contenuti".

Dagli stessi documenti proviene il report secondo il quale Instagram fa male alla salute mentale delle ragazze.

Ecco infine la risposta di Facebook alle dichiarazioni di Frances Haugen.