Google Pixel 6 Pro: il comparto fotografico svelato da nuove dettagliate indiscrezioni

Nuovi dettagli sul comparto fotografico dello smartphone Google Pixel 6 Pro, a quanto pare ottenuti di prima mano dal fortunato possessore di un sample del prossimo top di gamma Google

NOTIZIA di Mattia Armani   —   24/09/2021
12

Come anticipato qualche giorno fa, i ragazzi di xda-developers sono in contatto con il possibile possessore di uno dei sample pre-serie dello smartphone Google Pixel 6 Pro che stanno circolando da un paio di settimane e dal quale sarebbero state carpite le prime informazioni su ricarica rapida e nuovi sfondi. In queste ore l'anonimo è tornato ancora una volta a parlare nel dettaglio del comparto fotografico del prossimo top di gamma Google, aggiungendo particolari sulle fotocamere e sulle applicazioni ad esse collegate. I nuovi dettagli, da confermare ma credibili, si aggiungono alle informazioni già note sulle specifiche che includeranno il nuovo SoC proprietario Google Tensor, pensato per fare leva sull'intelligenza artificiale.

Secondo quanto riportato dalla fonte anonima, il comparto fotografico del Google Pixel 6 Pro sarebbe composto da fotocamera principale da 50 MP con grandangolo e sensore Samsung ISOCELL GN1, lo stesso che dovrebbe essere sul Google Pixel 6 liscio, al pari della fotocamera secondaria da 12 MP ultra-grandangolo da 0,5x con sensore Sony IMX386. In aggiunta, però, il Google Pixel 6 Pro dovrebbe avere fotocamera secondaria 48 MP con zoom 4X e sensore Sony IMX586 che promette, assieme al resto del comparto fotografico, meraviglie. Per quanto riguarda invece la fotocamera anteriore si parla di una fotocamera da 12 MP con sensore Sony IMBX 663 dotata anche in questo caso di ultra-grandangolo con zoom 0,7x. Quella principale sarebbe invece capace di registrazione video 4K a 60fps, con limite per lo zoom 7x, ma scegliere l'impostazione 4K a 30 fps, alla portata delle altre fotocamere, permetterebbe al sistema di cambiare fotocamera al volo durante la registrazione, garantendo uno zoom massimo di 20x.

Le diverse colorazioni dei Google Pixel e Pixel 6 Pro
Le diverse colorazioni dei Google Pixel e Pixel 6 Pro

Le indiscrezioni includono diverse applicazioni che potremmo ritrovarci sul Google Pixel 6 Pro destinato ad arrivare sul mercato. Per il momento le funzionalità dei vari software sarebbero state identificate analizzando i nomi in codice e quindi potrebbero rivelarsi differenti e non essere ancora disponibili al lancio e arrivare successivamente. In ogni caso si parla di bilanciamento manuale del bianco (nome in codice Chameleon), della possibilità di sfruttare l'IA per cancellare in modo intelligente elementi dalle foto (nome in codice Swiss), dell'atteso supporto per i microfoni esterni Bluetooth (nome in codice Sapphire), di una funzione in grado di scegliere lo scatto migliore tra una salva di scatti usando anche qui l'IA (nome in codice Nima Aesthetic), di una modalità più evoluta per migliorare l'illuminazione dei ritratti (nome in codice Gouda) e della nuova funzionalità Baby mode che terrebbe conto dell'eventuale presenza di bambini negli scatti automatici. Il tutto condito da luce del timer intermittente per gli autoscatti a tempo, motion blur in post produzione e miglioramento della funzionalità Frequent Faces già vista sui Google Pixel precedenti. Di seguito le specifiche tecniche confermate del Google Pixel 6 Pro:

Google Pixel 6 Pro

  • SoC: Google Tensor
  • Schermo: 6,7 pollici con bordi leggermente curvi
  • Risoluzione: QHD+
  • Frequenza d'aggiornamento: 120 Hz
  • Cornice: alluminio lucido
  • Fotocamere: grandangolare da 50 MP, ultra-grandangolare da 12 MP, lente telephoto 4x da 48 MP
  • Modem 5G:
  • Colorazioni: nero, argento e oro