Microsoft: Xbox Live e altri account verranno chiusi dopo un periodo di inattività

Il nuovo regolamento sulla gestione degli account Microsoft prevede la chiusura di questi dopo un massimo di due anni di inattività.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   14/07/2019
39

Microsoft ha recentemente modificato la sua politica di gestione degli account inserendo un termine massimo di inattività prima dell'eventuale chiusura di questo.

Secondo il nuovo Microsoft Services Agreement ("MSA"), per quanto riguarda la gestione degli account, l'utente è tenuto a utilizzare i propri account in maniera attiva, mentre la compagnia può decidere di chiudere questi nel caso in cui ciò non avvenga. Gli utenti possono ovviamente chiudere gli account in qualsiasi momento attraverso il pannello di controllo, ma c'è un limite di tempo entro il quale uno o più account devono essere utilizzati per non incappare nella chiusura. Secondo il regolamento, se un account resta inattivo per due anni allora Microsoft è tenuta a chiuderlo. Questo vale per Xbox Live e per l'account Microsoft in generale, dunque da tenere presente sia per gli utenti Xbox One che Windows.

Tra le azioni che vengono considerate valide per l'attività dell'account, oltre ovviamente all'utilizzo dell'account per qualsiasi attività standard attraverso il login su PC e console, ci sono acquisti, sottoscrizioni attive, pubblicazione su Microsoft Store, bilancio dell'account con crediti non spesi e account del gruppo famiglia collegati a un account attivo. In linea di massima, i tempi restano decisamente larghi e la politica di Microsoft è piuttosto logica, ma il limite dei due anni di inattività è comunque una cosa da tenere in considerazione.