StarCraft 2: l'italiano Reynor è il campione del mondo degli Intel Extreme Masters

L'italiano Reynor è diventato il campione del mondo degli Intel Extreme Masters di StarCraft 2.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   01/03/2021
21
StarCraft 2: Reynor, il campione del mondo italiano
StarCraft 2: Reynor, il campione del mondo italiano

Riccardo Romiti, meglio noto all'interno della community internazionale come Reynor, è diventato il campione del mondo del StarCraft 2 Masters Championship degli Intel Extreme Masters Katowice. Con questo torneo si chiude il circuito di StarCraft 2 del 2020 organizzato da ESL.

Reynor ha dovuto superare un nutrito gruppo di avversari, i migliori giocatori del mondo, per assicurarsi la vittoria nel torneo di StarCraft 2 e diventare il campione del mondo. Ha sconfitto Stats, Dark e Maru. Ha ottenuto la vittoria in tutti i playoff e si è poi scontato con Zest dove ha dominato con un punteggio finale di 4-2.

La vittoria di Reynor segna la seconda volta in cui un giocatore non coreano diventa campione del mondo in StarCraft 2. La prima volta è successo nel 2018 quando il finlandese Joona "Serral" Sotala ha vinto il WCS organizzato alla BlizzCon.

Non è una sorpresa che Reynor abbia ottenuto la vittoria finale e sia diventato il campione del mondo di StarCraft 2 per il torneo 2020/2021. Negli ultimi anni il giocatore si è dimostrato molto abile: lo scorso anno ha infatti raggiunto la finale contro Dark, perdendo però 4-1. Sottolineiamo inoltre che il campione ha solo 18 anni e ha già raggiunto un primato notevole: è inoltre il primo italiano a vincere questo torneo, fatto che rimarrà nella storia.

Il prossimo anno riuscirà Reynor a raggiungere per la terza volta la finale e ottenere la seconda vittoria? Sarebbe di certo un grande orgoglio per la community italiana. Facciamo i nostro complimenti a Riccardo e a tutti i suoi sostenitori per questo raggiungimento. Reynor ha commentato la vittoria tramite Twitter, come potete vedere in calce.

Rimanendo in tema StarCraft 2, si è scoperto che un premio in Bitcoin avrebbe reso milionari i perdenti di un torneo del 2011.