Steam sta migliorando grazie alla concorrenza dell'Epic Games Store, afferma Tim Sweeney? 67

Stando a Tim Sweeney, il capo di Epic Games, Valve sta migliorando Steam e ha deciso di lanciare Half-Life: Alyx anche grazie alla concorrenza dell'Epic Games Store.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   02/12/2019

Stando a un tweet di Tim Sweeney, il capo di Epic Games, Valve sta migliorando Steam e avrebbe deciso di lanciare Half-Life: Alyx anche per via della concorrenza dell'Epic Games Store. Almeno questo è ciò che molti ci hanno voluto leggere. Ma vediamo cosa c'è scritto nel tweet:

Sweeney: "Adesso Valve ha Half-Life: Alyx e molte nuove caratteristiche su Steam. Dal mio punto di vista questo è il momento migliore per i negozi di videogiochi per PC, perché c'è molta competizione e innovazione proveniente da tutte le parti e la competizione sta migliorando tutti quanti."

In effetti il testo di Sweeney è facilmente fraintendibile e subito si sono scatenati i pasdaran di Steam a fargli notare che il client di Valve ha molte più funzioni di EGS e che lo sviluppo di Half-Life: Alyx è iniziato quattro anni e mezzo fa, quando il negozio di Epic Games ancora non esisteva. Insomma, Sweeney secondo loro avrebbe detto la classica balla, esagerando il ruolo avuto dall'Epic Games Store in alcune delle recenti scelte di Valve.

Ora, è scontato che Valve stia andando per la sua strada e non abbia sicuramente deciso di sviluppare Half-Life: Alyx per paura di EGS. Va comunque spezzata una lancia a favore di Sweeney, perché il suo tweet è stato in buona parte decontestualizzato. La discussione in cui è stato scritto andava avanti già da qualche giorno (è iniziata il 17 novembre) e verteva sul cambio di atteggiamento di alcuni publisher grazie all'accresciuta concorrenza che intercorre tra i vari negozi PC, fatto andato a beneficio di tutti. Il punto di partenza era Star Wars Jedi: Fallen Order disponibile su più store contemporaneamente e non più soltanto su Origin di EA. Da lì molti gli hanno obiettato la politica delle esclusive di EGS, affermando che è l'esatto opposto di ciò che va professando, e lui ha invece ribadito che è una cosa buona proprio perché ha favorito l'affermarsi della concorrenza che ha portato a certi risultati.

Insomma, il tweet dello scandalo va letto più come un modo per ribadire il concetto appena spiegato, che per attribuire all'Epic Games Store meriti che evidentemente non ha. Del resto è normalissimo che delle realtà concorrenti modifichino la loro offerta per stare dietro agli avversari o per rispondere ad alcune delle loro mosse, soprattutto quelle particolarmente riuscite.