Ubisoft: dipendenti insoddisfatti per la gestione dei comportamenti scorretti interni all'azienda

Un nuovo report di Kotaku ci svela che i dipendenti di Ubisoft non sono felici per la gestione dei comportamenti scorretti interni all'azienda.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   22/10/2021
48

Un nuovo report di Kotaku segnala le storie di nove dipendenti di Ubisoft (attuali o passati) che hanno affermato che la compagnia francese non gestisce nel modo corretto le segnalazioni di comportamenti scorretti interni all'azienda.

Uno dei report afferma che Ubisoft ha introdotto vari sistema di segnalazione anonimi, ma questi non portano ad alcun tipo di reazione da parte dell'azienda. Un'altra persona afferma di aver ripetutamente chiamato e inviato email a una società esterna che Ubisoft ha assunto per revisionare le critiche dei dipendenti per ottenere delle risposte, solo per scoprire dopo settimane che tale società non avrebbe eseguito investigazioni a riguardo, senza però ricevere una spiegazione chiara sul motivo.

Un altro dipendente di Ubisoft ha cercato di segnalare il proprio caso tramite vari canali di comunicazione, ma ha ricevuto come risposta solo un "investigheremo": alla fine, però, non ha ricevuto alcun tipo di aggiornamento sul suo caso.

Un collage di giochi di Ubisoft
Un collage di giochi di Ubisoft

Un dipendente ha detto: "Ho improvvisamente iniziato a notare che la risposta che alcuni veterani di Ubisoft mi hanno dato quando ho cercato di spingerli a farsi avanti [su questioni simili] era sempre una variazione di, 'La stessa cosa succede ogni pochi anni, ho segnalato un numero X di cose, con testimoni e prove e o non è stato fatto nulla o la persona X è stata promossa o spostata'. È triste, e se è un modo intenzionale di seppellire queste cose, sta funzionando".

Indipendentemente dall'insoddisfazione dei dipendenti con i sistemi di segnalazione che Ubisoft ha istituito, la società francese ha detto ad alcuni di loro che non tollererà commenti pubblici sui problemi interni. Il report di Kotaku cita una e-mail inviata al personale dal direttore di Ubisoft Montreal, Christophe Derennes, che ha ottenuto il ruolo dopo che il CEO Yannis Mallat ha lasciato la società sulla scia degli scandali dello scorso anno.

"Come sapete, le vostre esperienze e le informazioni a cui avete accesso mentre lavorate in studio sono privilegiate e non possono essere condivise al di fuori dello studio", ha scritto Derennes. "Ovviamente, questo non impedisce ai giornalisti di cercare di contattarvi. Se ciò accade, vi chiediamo di inoltrare la richiesta al nostro responsabile delle relazioni con i media. È la cosa giusta da fare, ma è anche un impegno che avete preso in base al codice di condotta, alla politica anti-leak e al vostro contratto di lavoro".

Parlando di giochi Ubisoft, ecco un nostro speciale dedicato: i 5 aspetti migliori di Far Cry 6.