Walmart pensa al cloud gaming, Project Storm rivelato dalle carte di Epic Games

Walmart sta lavorando dal 2019 a un servizio di cloud gaming, Project Storm: lo hanno rivelato alcuni documenti del processo di Epic Games.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   04/05/2021
6

Walmart, la celebre catena americana, si prepara a lanciare un servizio di cloud gaming attualmente chiamato Project Storm: lo rivelano alcuni documenti emersi nell'ambito del processo di Epic Games.

Finita al centro di alcune polemiche un paio di anni fa per aver smesso di pubblicizzare videogiochi violenti continuando però a vendere armi, Walmart sembrerebbe dunque intenzionata a entrare nel mondo del game streaming.

"Ho provato una demo del cloud di Walmart su di un dispositivo Android, con un controller Xbox, e l'esperienza mi è sembrata uguale a giocare su di una PS4, superiore al gaming su mobile", ha scritto Mark Rein, co-fondatore di Epic Games, in una mail di aprile 2019 diventata di dominio pubblico.

Walmart, uno schema relativo alla piattaforma di cloud gaming.
Walmart, uno schema relativo alla piattaforma di cloud gaming.
Walmart, una bozza dell'interfaccia per la piattaforma cloud.
Walmart, una bozza dell'interfaccia per la piattaforma cloud.

Nello stesso periodo Rein ha condiviso la foto di un adattatore con il resto dei dirigenti di Epic Games, mostrando come Walmart volesse vendere il dispositivo nei propri store per consentire di collegare uno smartphone a un controller. "Venderanno questa clip per una cifra davvero bassa, qualcosa tipo 2 dollari", ha scritto.

Lo schema che vedete qui sopra dovrebbe essere in pratica il pitch utilizzato dalla catena americana per presentare la propria piattaforma ai vari publisher. Parliamo dunque di un sistema che gira su Windows ma supporta launcher di terze parti come Steam, Uplay, Origin, Epic Games Store, Battle.net e Bethesda Launcher.

Non è tuttavia chiaro come stiano le cose adesso, nel senso che il servizio sarebbe dovuto entrare in fase beta nel luglio del 2019, ma non se n'è ancora saputo nulla, probabilmente per via della pandemia. Di certo sulla carta le potenzialità ci sono, con la tecnologia LiquidSky potenziata dal cloud di IBM e GPU NVIDIA a svolgere il lavoro.