Xbox Live Gold: Microsoft vuole farvi passare al Game Pass per Ahmad

Secondo Daniel Ahmad di Niko Partners, con l'aumento di prezzo dell'Xbox Live Gold, Microsoft ha provato a far passare gli utenti Xbox al Game Pass.

NOTIZIA di Luca Forte —   24/01/2021
103

In una lunghissima analisi proposta su Twitter Daniel Ahmad, Senior analyst di Niko Partners e commentatore molto attento di tutto quello che succede nell'industria dei videogiochi, ha provato a spiegare cosa ha cercato di fare Microsoft col recente raddoppio del prezzo dell'Xbox Live Gold. Secondo lui il colosso di Redmond ha provato a cercato un modo per invogliare gli utenti Gold a passare al Game Pass.

Qualche giorno fa, infatti, Microsoft nel giro di poche ore ha raddoppiato il prezzo del Live Gold, per poi tornare sui suoi passi e anzi annunciare lo "sblocco" dei free-to-play. Una mossa che a molti è sembrata piuttosto goffa, ma che Ahmad giustifica con la necessità da parte di Microsoft di ampliare il bacino di utenza per l'Xbox Game Pass. Da tempo, infatti, è questo il prodotto chiave della strategia di Phil Spencer e di Xbox, ma per funzionare ha bisogno di raggiungere una scala sufficiente.

Scala da raggiungere arrivando su PC e Mobile (in quest'ottica arriva anche l'espansione di Xbox Game Pass su iOS), ma che ovviamente non può prescindere dallo zoccolo duro dei giocatori console.

Peccato che molti di questi preferiscano ancora il caro e vecchio Live Gold, una cosa che non va più a genio a Microsoft. Per questo motivo il colosso di Redmond pensava che raddoppiando il costo dell'abbonamento Xbox Live da 12 mesi parte di giocatori avrebbero optato per il Game Pass, mentre gli altri avrebbero semplicemente generato più introiti.

Il cambio repentino di idea dimostra, però, come Microsoft sia molto attenta alle esigenze dei suoi fan e non vuole ripetere la debacle di Xbox One. Mentre l'aver liberato i F2P dall'abbonamento Live Gold era una cosa in lavorazione da tempo, che è stata detta prima del tempo per placare ulteriormente le polemiche. Il focus di Microsoft sarà però sempre più sul Game Pass.

Un discorso che ha una sua logica: quello che non è logico è il raddoppiare il prezzo dell'abbonamento e non semplicemente aumentarlo in modo progressivo fino al raggiungimento del posizionamento desiderato.