Il mio nome è Jump, Mr Jump

Un platform che punta dritto all'essenza stessa del genere

RECENSIONE di Fabio Palmisano   —   25/03/2015
11

Non si può certo dire che i platform siano merce rara su iOS: vuoi nella loro forma più classica, vuoi declinati secondo i dettami della corrente endless runner, gli appartenenti a questo genere affollano le pagine dell'App Store, quindi non stupisce più di tanto vedere gli sviluppatori di 1Button uscirsene con un nuovo esponente della categoria. Tuttavia, basta un'occhiata più approfondita per accorgersi che il qui presente Mr Jump non merita assolutamente di essere liquidato come l'ennesimo banale gioco di piattaforme: andiamo a scoprire il perché.

12 sfumature di salto

Mr Jump parte da una struttura semplice che più semplice non si può: lo stilizzato personaggio con la testa quadrata corre da solo, e sta all'utente toccare il touch screen per farlo saltare con il tempismo necessario per consentirgli di evitare gli ostacoli che si presentano lungo il cammino. Maggiore è la durata della pressione del dito sul display, maggiore sarà l'altezza del balzo effettuato dal protagonista: un elemento solo apparentemente banale, ma che unito a un level design davvero indovinato rappresenta di fatto l'arma vincente del titolo 1Button.

Il mio nome è Jump, Mr Jump

Questo perché in Mr Jump il giocatore è chiamato a saltare con precisione millimetrica onde evitare il contatto con un qualunque elemento dello scenario, pena l'immediato game over e il conseguente obbligo di ripartire daccapo. Bastano pochi secondi di gioco per capire che quello di 1Button è un prodotto che va dritto al sodo, senza troppi fronzoli cosmetici o ludici ma che invece punta tutto su un gameplay pulito ed essenziale. Ecco dunque che l'utente deve "solo" impegnarsi a saltare con il gusto tempismo e dosando adeguatamente la potenza per passare da una piattaforma all'altra, con l'obiettivo di raggiungere indenne la fine del livello. E sì, perché Mr Jump non appartiene alla tanto vituperata compagine degli endless runner, ma presenta invece degli stage (12 per la precisione) contraddistinti da percorsi ben definiti e non generati casualmente a ogni partita: una scelta che, se da un lato apre la strada a un sistema di gioco nel quale il raggiungimento del traguardo passa inevitabilmente attraverso la memorizzazione del tragitto, dall'altra ha consentito agli sviluppatori di spingere forte sull'acceleratore del level design. Che infatti è di eccellente fattura, con livelli molto ben realizzati e soprattutto contraddistinti ognuno da un tema dominante: soltanto il primo stage è di classica matrice platform, mentre tutti i successivi offrono modificatori che rendono l'esperienza sempre diversa e mantengono alto il livello di sfida.

Mr Jump porta a compimento nel migliore dei modi un'idea semplice ma vincente

Proprio la notevole difficoltà media è uno degli aspetti più affascinanti di Mr Jump, che riesce a gestire questo importante fattore rendendolo centrale nell'esperienza ludica ma senza permettergli di sfociare nella frustrazione: grazie principalmente a un ritmo di gioco è molto elevato, ricominciare subito lo stage dopo un errore fatale diventa un'azione quasi automatica, tanta è la voglia di andare anche solo un passo oltre al punto in cui si è caduti nella partita precedente (segnalato su schermo da una linea tratteggiata).

Il mio nome è Jump, Mr Jump

Giova anche il fatto che i livelli siano sì estremamente densi di ostacoli ma non troppo lunghi, consentendo a utenti di qualunque grado di abilità di fare progressi e poter ambire a completarli con un po' di dedizione e pazienza. A voler proprio cercare una critica da muovere a un titolo "precisino" come Mr Jump, si può dire che manchi una componente di sfida addizionale per i giocatori più hardcore: il software tiene conto delle statistiche relative al completamento dei livelli (tempo necessario a portarli a termine, numero di tentativi eccetera) e assegna un punteggio utile per comporre una classifica sul Game Center, ma si sarebbe potuto fare qualcosa in più, magari elaborando obiettivi o sfide specifiche per ogni stage. Si tratta comunque di un problema davvero minore per un titolo oltretutto gratuito e che sfrutta soltanto degli annunci pubblicitari (nemmeno troppo invasivi) per sostenersi, lasciando da parte tutti quei biechi stratagemmi che hanno contribuito a rovinare la reputazione dei free-to-play. E anche se non ci troviamo di fronte a un capolavoro di tecnica, Mr Jump rimane tuttavia un prodotto gradevole anche dal punto di vista audiovisivo: la grafica mette in mostra quello stile minimal e colorato che è tipico dei lavori 1Button, mentre per il comparto sonoro degno di nota è il fatto che ogni livello conta su un proprio azzeccato sottofondo musicale a tema.

Commento

Versione testata iPhone (1.0)
Digital Delivery App Store
Prezzo Gratis
Multiplayer.it

8.6

Lettori (2)

7.0

Il tuo voto

Prendendo le distanze dall'imperante moda degli endless runner, Mr Jump si presenta con un'idea tutto sommato semplice, ma la mette in pratica nel miglior modo possibile: il risultato è un titolo fresco, immediato, divertente e contraddistinto anche da un livello di sfida piuttosto impegnativo, che si presenta inoltre con una veste tecnica minimalista ma assolutamente gradevole. Il valore aggiunto è poi la gratuità dell'applicazione, che arriva senza particolari controindicazioni ad esclusione di alcuni annunci pubblicitari poco invadenti.

PRO

  • Immediato, semplice e divertente
  • Ottimo level design
  • Decisamente impegnativo
CONTRO
  • Mancano delle sfide extra per i giocatori hardcore
  • Dodici stage non sono tantissimi
  • Non piacerà a chi ha poca pazienza