ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition: la recensione della mostruosa GPU che non ha rivali

La recensione della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition: una versione overclockata della nuova GPU top di gamma NVIDIA.

RECENSIONE di Mattia Armani   —   27/06/2022
39

Gli ultimi sussulti di vita dell'architettura NVIDIA Ampere sono culminati in un'esplosione di potenza, una nuova Big Ferocious GPU che si spinge ancora più in alto della NVIDIA GeForce RTX 3090. Mette infatti all'opera tutto il silicio del chip GA102, oltre a toccare vette assolute in quanto a frequenze, per alzare ulteriormente l'asticella delle prestazioni delle schede video di classe TITAN di NVIDIA.

Non si tratta infatti, di una scheda pensata principalmente per il gaming, cosa evidente da prezzi che vanno a superare la soglia dei 2000€, ciononostante in questa recensione della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition ci siamo concentrati sull'aspetto che più preme a quegli utenti enthusiast che non si fanno troppi problemi a spendere cifre enormi per avere il top assoluto.

Caratteristiche hardware

La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition
La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition

La NVIDIA GeForce RTX 3090 Ti spinge al massimo il chip GA102 mettendo al lavoro tutti i 10752 CUDA core, 336 Tensor core e 84 RT core che lo compongono. Rappresenta, insomma, il top del top dell'architettura Ampere, anche se l'incremento in termini di unità di calcolo rispetto alla RTX 3090 è esiguo.

C'è qualcosa che aumenta in modo sensibile e si tratta delle frequenze, incluse quelle della memoria che resta di tipo GDDR6 da 24 GB ma passa da una velocità di 19.5 Gbps a 21 Gbps. Un buon margine, quindi, come per la GPU che, nel caso dei modelli Founders Edition passa da 1395 MHz a 1560 MHz di Base Clock e sale da 1695 MHz a 1860 MHz in Boost Clock, toccando ovviamente vette più alte con modelli custom come la ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition.

La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition include un adattatore da 3 connettori a 8-pin da collegare al connettore a 16-pin da 600 W
La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition include un adattatore da 3 connettori a 8-pin da collegare al connettore a 16-pin da 600 W

La scheda ASUS, infatti, arriva a 1920 MHz in modalità gaming e tocca 1950 MHz in modalità OC, raggiungendo frequenze effettive spesso superiori a 2000 MHz grazie al tuning integrato nel software NVIDIA. Sprigiona quindi qualcosa in più, in termini di potenza di calcolo, rispetto al modello realizzato direttamente da NVIDIA che, stando a quanto dichiarato, arriva a 40 shader TFLOP di potenza di calcolo per gli shader, superando dell'11% la GeForce RTX 3090 liscia.

Inoltre, come anticipato, la nuova GPU ammiraglia di NVIDIA può contare anche su più Tensor core e più RT core, anche se parliamo di numeri esigui. L'accesso a tutti gli 84 streaming processor del chip GA102 si traduce infatti in appena 8 Tensor core e 2 RT core in più rispetto alla GeForce RTX 3090, insufficienti per cambiare le carte in tavola. Ma si tratta comunque di qualcosa in più per una scheda pensata per chi vuole il massimo a prescindere da qualsivoglia considerazione sulla convenienza. D'altronde parliamo di un prezzo maggiorato del 33% a fronte di un incremento dichiarato nella potenza di rendering dell'11%. Un lusso, insomma.

La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition dispone di ben 5 uscite video
La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition dispone di ben 5 uscite video

Traducendo in cifre si parte da un prezzo consigliato di 1999,99 dollari contro i 1499,99 dollari della GeForce RTX 3090, almeno parlando dei modelli base. Le versioni custom di fascia media e alta infatti, costano inevitabilmente di più, con la ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition che dovrebbe avere un prezzo consigliato di 2200 euro e che si trova nella grande distribuzione a circa 2400€. Ma ci sono anche modelli di alto livello a 2100 euro, con rialzi minimi rispetto alla Founders Edition dovuti presumibilmente alla combinazione tra normalizzazione del mercato delle GPU e bassa richiesta per un modello meno conveniente dei precedenti, decisamente costoso in senso assoluto e presumibilmente destinato a una longevità non eccezionale vista la vicinanza con le ormai imminenti NVIDIA GeForce RTX 4000.

Per il momento, comunque, parliamo della GPU di punta della serie Ampere, un oggetto di lusso che nella versione ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition promette anche un'affidabilità elevata grazie a condensatori di livello militare, armatura in metallo e cuscinetti per le ventole a doppia sfera. Conta inoltre 5 uscite video, selettore per il BIOS della modalità silenziosa e connettore a 16-pin (PCIe 5.0 12+4 pin) con adattatore per tre connettori PCIe da 8-pin, necessari per una scheda da oltre 450 W di consumo.

Scheda tecnica ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition

  • Chip: Ampere GA102-350-A1 a 8 nanometri
  • Transistor: 28.3 miliardi
  • Compute unit: 84 SM
  • CUDA core: 10752 (40 shader TFLOP per il modello FE)
  • RT core: 84 (18 RT TFLOP per il modello FE)
  • Tensor core: 336 (73 Tensor TFLOP per il modello FE)
  • Frequenza GPU: gaming 1920 MHz, OC mode 1950 MHz
  • Interfaccia: PCIe 4.0
  • Memoria: 24 GB GDDR6 21 Gbps con bus a 384-bit (1008 GB/s)
  • Porte:
    • 3x displayPort 1.4a
    • 2x HDMI 2.1
    • Connettore SLI
  • Total board power: 450 W (Founders Edition)
  • Alimentatore consigliato: 1000 W
  • Alimentazione ausiliaria: connettore da 16-pin (adattatore per 3 connettori PCIe da 8-pin)
  • Dimensioni: 325.9 x 140.2 x 62.8 mm
  • Peso: 1.7 Kg
  • Prezzo consigliato: 2200€

Design

Sul bordo superiore della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition troviamo anche il selettore per la modalità silenziosa e NVLink SLI
Sul bordo superiore della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition troviamo anche il selettore per la modalità silenziosa e NVLink SLI

Il design della scheda, che vanta un'armatura in metallo a differenza di altri modelli di fascia alta, è quello dei modelli di punta del brand ASUS TUF, con l'alternanza di nero e grigio metallizzato che in alcuni punti è caratterizzato da un effetto spazzolato e in altri da fregi che richiamano lo stile futuristico della serie. Si presenta, in sostanza, come una componente sobria, con tre ventole perfettamente allineate, anche se non manca di un vezzo, un tassello rialzato sulla parte superiore con il logo della serie in mezzo, ovviamente illuminato RGB.

Tutto già visto, comunque, ma in questo caso è di dimensioni ancora maggiori rispetto all'analogo modello della serie GeForce RTX 3080. Le dimensioni aumentano infatti di circa 2.6 centimetri in lunghezza, 1.3 centimetri in spessore e di oltre un centimetro in altezza, arrivando rispettivamente a 32,59, 14,02 e 6,28 centimetri.

La lussuosa armatura in metallo della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition si traduce in un peso di 1.7 kilogrammi
La lussuosa armatura in metallo della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition si traduce in un peso di 1.7 kilogrammi

Parliamo, insomma, di una scheda da 3.2 slot di spessore che si erge come un muro nel mezzo della scheda madre. Una scheda titanica, per quanto non la più imponente delle GeForce RTX 3090 Ti vista la presenza di modelli da oltre 7 centimetri di altezza, che ha bisogno di spazio per respirare, cosa che risulta evidente dal voluminoso sistema di raffreddamento.

Prestazioni

La nuova GPU NVIDIA punta sulle frequenze e lo stesso vale per il modello ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition che, come da copione, si spinge fino a 1950 MHz in modalità OC. Ma non è certo il tetto massimo per una scheda dalla dissipazione massiccia che, lasciando il controllo delle frequenze al sistema, viaggia tra i 1980 MHz e i 2040 MHz, a seconda di gioco e risoluzione.

In ogni caso parliamo di frequenze elevate per l'architettura Ampere che, assieme alla manciata di CUDA core in più, si traducono in incrementi nei benchmark sintetici che vanno dall'8% al 12% circa rispetto ai punteggi di una GeForce RTX 3090 di fascia paragonabile. Sono invece inferiori quelli in ray tracing puro, ma visto l'incremento di appena 2 RT core non ne siamo rimasti sorpresi. Passando ai giochi, come sempre provati con preset grafico più alto e ray tracing al massimo laddove disponibile, la scheda ASUS garantisce prevedibilmente framerate altissimi in 1080p, molto alti in 1440p e decisamente solidi in 4K, in questo caso con l'aiuto anche dell'AMD Ryzen 7 5800X3D, il nuovo campione da gaming AMD che grazie alla nuova 3D V-Cache si è liberato di alcuni limiti dei processori Zen 3.

Il DLSS, quando disponibile, abbassa la risoluzione di rendering e questo significa che in alcuni casi la presenza della CPU risulta particolarmente evidente in 1080p per influenzare in modo sensibile i punteggi anche in 1440p, cosa evidente dal punteggio altissimo di Control in 1440p, e 4K. Tra l'altro sia con Control che con God of War abbiamo toccato il limite del framerate, in 1080p, sfiorando spesso i 240 FPS nel primo caso e i 160 FPS nel secondo. Ma le medie si sono rivelate sufficientemente vicine ai numeri reali di una scheda che arriva a superare la GeForce RTX 3080 anche tra il 7% e il 10% in rendering 4K nativo, laddove con la sorella condivide i vantaggi dell'equipaggiare un gran quantitativo di memoria. I 24 GB di memoria guardano chiaramente agli impieghi professionali di una scheda del genere, ma si fanno notare alle alte risoluzioni, a partire dal gaming in 4K laddove la scheda ASUS arriva a superare anche del 17% una NVIDIA GeForce RTX 3080 Ti. Non abbastanza per giustificare in ottica gaming un esborso decisamente superiore, ma abbastanza per giocare in Ultra HD a God of War con 108 FPS di media.

Con altri titoli ci siamo dovuti accontentare di numeri inferiori, ma parliamo comunque di circa 90 FPS per gran parte dei giochi che abbiamo testato e parliamo di oltre 60 FPS anche con titoli pesanti come Assassin's Creed Valhalla, privo di DLSS, e Watch Dogs Legion, con ray tracing al massimo. Entrambi girano infatti a 70 FPS di media in Ultra HD con il massimo del dettaglio, con picchi minimi sempre al di sopra dei 30 FPS. Si scende invece a 55 FPS con Cyberpunk 2077, anche se con un framerate stabile visto il picco minimo di 49 FPS, e considerato l'utilizzo esteso del ray tracing che nei nostri test è spinto fino all'ancora più impegnativa impostazione folle. Tra l'altro è possibile ottenere qualcosa in più da un modello che non manca di margini di overclock nonostante le frequenze spinte già di fabbrica. Non abbiamo avuto problemi, infatti, a portare verso l'alto la GPU di 100 MHz e la memoria a 21.5 Gbps, oltre ad aumentare di 5% il margine dei consumi per evitare problemi di stabilità, riuscendo a far girare la scheda a 2145 MHz di picco che ci hanno restituito qualche frame in più, anche se non in tutti i casi.

Facendo girare Gears 5 in 1080p, infatti, non abbiamo rilevato incrementi, avendo già presumibilmente toccato i limiti del processore AMD, ma non abbiamo avuto grandi soddisfazioni nemmeno in 1440p e 4K ottenendo un solo frame in più che corrisponde all0 0.7% nel primo caso e all'1.1% nel secondo. Le cose, però, sono migliorate con gli altri titoli, con guadagni fino al 4.2% in Assassin's Creed Valhalla senza grandi alterazioni nella temperatura, segno che è possibile guadagnare ancora qualcosa lavorando su frequenze e consumi.

Considerazioni

La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition è una scheda massiccia
La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition è una scheda massiccia

Una scheda come la ASUS 3090 Ti è una soluzione a tutto tondo e con pochi punti deboli, come vedremo anche per quanto riguarda il raffreddamento, che permette persino di giocare in 8K con un framerate vicino ai 30 FPS con un titolo non certo leggero come Assassin's Creed Valhalla. L'ambito di riferimento, però, resta quello business. Il guadagno in 4K sulla 3080 Ti è rilevante, ma non così tanto da giustificare una spesa da soluzione professionale per una configurazione da gioco.

Ed è problematica anche la collocazione nel segmento business, visto l'aumento esiguo di CUDA core e l'uscita a fine generazione, con il rischio che in poco tempo una scheda da sogno si svaluti in modo drammatico. Difficile quindi che valga la candela, a meno di non volere il massimo a tutti i costi, in barba a qualsivoglia altra considerazione. Questo, almeno, parlando di prestazioni complessive.

Guardando alla potenza bruta, infatti, tra le opzioni papabili per chi punta alla vetta c'è anche la AMD Radeon RX 6950 XT, la più potente nel puro rendering e resa più interessante anche dal migliorato upscaler FSR 2.0, ma tra la maggiore dotazione in termini di hardware per il ray tracing e il supporto ormai decisamente ampio per il DLSS, forte di un guadagno prestazionale maggiore, la GeForce RTX 3090 Ti rappresenta il top, almeno per ora. La sua uscita, infatti, dista pochi mesi da una nuova generazione che potrebbe addirittura debuttare ad agosto, con la RTX 4090 che promette un salto imperioso in termini di potenza bruta.

Temperature, rumorosità e consumi

La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition è una scheda sobria, ma non rinuncia a un pizzico di illuminazione RGB
La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition è una scheda sobria, ma non rinuncia a un pizzico di illuminazione RGB

La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition monta una versione spinta della GPU Ampere più potente e questo si traduce in 48 gradi di temperatura media nel desktop, picchi fino a 58 gradi aprendo video o applicazioni e backplate caldo. Ma parliamo della modalità 0 dB, con la ventilazione ferma e la rumorosità nulla. Superati i 60 gradi, infatti, entrano in gioco le ventole e funzionano decisamente bene.

L'enorme GPU si ferma a 70 gradi con Metro Exodus e 69 gradi in Cyberpunk 2077 in 4K, che non sono pochi, ma non sono nemmeno molti per una soluzione di questo tipo che sotto stress si aggira intorno ai 73 gradi. Il radiatore, però, si fa decisamente caldo ed espelle un flusso d'aria importante, tale da creare qualche problema in un case di dimensioni contenute e da infastidire chi si trova nei pressi del PC in estate.

La modalità silenziosa della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition è decisamente efficace
La modalità silenziosa della ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition è decisamente efficace

Ma, lo abbiamo già detto, si tratta di un modello spinto di una scheda video che porta al massimo l'architettura Ampere. Non è pensata, quindi, per postazioni sacrificate o per PC silenziosi, con le ventole che si aggirano intorno ai 45 decibel in modalità prestazioni per sfiorare i 48 decibel in overclock. Si tratta comunque di una rumorosità ovattata, oltre che inferiore a quella di diversi laptop da gioco, che può essere ridotta ricorrendo alla Quiet Mode. La modalità silenziosa, va detto, riduce le frequenze di picco, ma la perdita prestazionale in gioco è minima mentre la rumorosità cala drasticamente, scendendo fino ad appena 38 decibel.

Abbassando la rumorosità, però, ci siamo trovati di fronte a un pizzico di coil whine, per fortuna evidente solo in alcuni titoli ma comunque fastidioso. Vi ricordiamo che si tratta di un problema che può affliggere singoli modelli. Non va quindi a inficiare una dissipazione che risulta senza dubbio efficace, almeno tenendo conto della tipologia di GPU. D'altronde si tratta di una soluzione da oltre circa 460 W di consumo che è capace di superare i 400 W di consumo anche in gioco e ha bisogno di un alimentatore piuttosto potente. La scheda tecnica, infatti, ne consiglia uno da 1000 W per poter andare sul sicuro.

Commento

Prezzo 2200 €

Multiplayer.it

7.7

La ASUS TUF Gaming GeForce RTX 3090 Ti OC Edition è un modello ben riuscito di una GPU che alza ulteriormente l'asticella delle prestazioni in 4K con tutto al massimo, ray tracing incluso. Ma si tratta anche di una scheda il cui aumento di prezzo è più che proporzionale rispetto all'aumento di prestazioni, perdendo in convenienza anche in ottica creator. Tanto più che arriva a fine generazione, quando Ampere è ormai vicina a lasciare il passo a una nuova linea di GPU NVIDIA che promette un incremento netto nella potenza bruta.

PRO

  • Un vero mostro per creator e utenti enthusiast
  • Alza l'asticella per il gaming in 4K
  • Qualità costruttiva elevata e modalità silenziosa eccellente
CONTRO
  • La prossima generazione è dietro l'angolo
  • Le frequenze spinte comportano un netto incremento nei consumi
  • Il prezzo aumenta ben più delle prestazioni