HP Omen Vector Wireless Mouse: la recensione di un mouse senza fili da gioco a lunga autonomia

La recensione dell'OMEN Vector Wireless Mouse, un mouse da gioco senza fili con autonomia elevata e ricarica veloce

RECENSIONE di Mattia Armani —   07/06/2021
2

L'incremento costante delle vendite di periferiche da gioco ha portato a un'evoluzione dell'offerta di quasi ogni produttore hardware. Pur cavalcando questo fenomeno, accentuato ulteriormente dalla pandemia, HP non ha rinunciato a classiche linee pensate per l'ambito professionale, ma ha creato anche il brand OMEN proprio per i dispositivi da gaming, ampliando costantemente in varietà e qualità un'offerta che non poteva essere priva di un mouse da gioco wireless a bassa latenza pensato per accontentare i videogiocatori esigenti. Non a caso il prodotto oggetto di questo articolo equipaggia un sensore PixArt PAW3335, switch Omron e una batteria da carica veloce da 180 ore, pezzo forte di un arsenale che abbiamo messo alla prova per la nostra recensione dell'HP Omen Vector Wireless Mouse.

Caratteristiche hardware

Immancabile il logo del bran Omen, con illuminazione RGB
Immancabile il logo del bran Omen, con illuminazione RGB

Il mouse OMEN Vector Wireless monta un sensore PixArt PAW3335 da 16.000 dpi che combina la precisione della nota serie PixArt con un consumo ridotto, necessario per un dispositivo wireless che promette un'autonomia di 180 ore. Parecchie per un mouse da gioco con doppio LED RGB, polling da 1 millisecondo e capacità di registrare il movimento fino alla velocità di 400 pollici per secondo, altra caratteristica importante in ottica gaming. Troviamo inoltre sei tasti programmabili, rotella ad alta precisione e un tasto per cambiare al volo la sensibilità. Ma in questo caso il mouse si distingue dalla concorrenza offrendo ben 8 livelli di dpi preimpostabili.

Torna invece sul classico nel caso dei tasti principali con gli switch Omron da 50 milioni di click, ormai una costante per i mouse da 80€. Ed è un prezzo che l'OMEN Vector Wireless centra quasi perfettamente su Amazon, anche se con un taglio del 20% rispetto a quello di lancio. Risulta quindi in linea con il suo segmento di appartenenza, pur offrendo qualcosa in più nella forma di un alloggiamento magnetico per il dongle wireless, un adattatore da USB-A a USB-C e la ricarica veloce su USB-C, con 30 secondi per un'ora di gioco e 90 minuti per una ricarica completa, che non è per nulla comune sui mouse da gioco a prescindere dalla fascia di prezzo.

I tasti laterali e la superficie in gomma per aumentare la presa
I tasti laterali e la superficie in gomma per aumentare la presa

Scheda tecnica OMEN Vector Wireless Mouse

  • Tipologia: destrorso per palm e claw grip.
  • Sensore: sensore wireless PixArt PAW3335.
  • Switch: Omron 50 milioni di click (tasti principali).
  • Connettività: USB wireless/USB cablato.
  • Sensibilità: da 100 a 16.000 dpi.
  • Accelerazione max: 40G (esterne).
  • Tracking max: Velocità di tracking.
  • Polling: impostazioni per 1,2,4 e 8 millisecondi.
  • Prezzo: 79,99€.

Design

Una rotella spessa, solida e molto precisa
Una rotella spessa, solida e molto precisa

Pur essendo un mouse destrorso, cosa subito evidente vista la piccola ala sulla sinistra che serve per alloggiare il pollice, il Vector Wireless ha una sagoma piuttosto simmetrica nonostante il tasto sinistro leggermente più ampio del destro. Entrambi, comunque, sono prolungamenti del guscio di un mouse paffuto che punta a riempire il palmo garantendo una certa comodità a chi tende a impugnare per intero questa periferica. Vanno invece a beneficio di tutte le tipologie di giocatore le superfici in gomma laterale che garantiscono una buona presa e anche un feeling piacevole al tatto.

La stessa filosofia la troviamo sulla vistosa rotella, resa particolarmente spessa dall'illuminazione RGB che aumenta anche la superficie di contatto, contribuendo a rafforzare l'impressione di avere tra le mani un dispositivo solido e comodo. Ed è importante per dare un'identità a un oggetto che si accontenta di un look piuttosto anonimo, escluso un tastone trapezoidale programmabile centrale che non rientra tra le scelte estetiche più azzeccate del mouse HP. Si parla invece di comfort nel caso della posizione dei tasti laterali che sono piazzati piuttosto in alto e sono scomodi da raggiungere per il pollice di una mano di medie dimensioni. Questa scelta impedisce però di premerli per sbaglio, cosa che capita spesso con alcuni mouse caratterizzati da un'impostazione similare.

Il dongle wireless, alloggiato direttamente nel mouse e tenuto fermo da una calamita
Il dongle wireless, alloggiato direttamente nel mouse e tenuto fermo da una calamita

Tornando all'illuminazione, la seconda fonte di luce RGB corrisponde con il logo OMEN, l'ormai familiare rombo che può essere ovviamente personalizzato, come il LED della rotella, grazie al software Command Center che pur non brillando in quanto a opzioni RGB, offre l'interessante possibilità di vincolare i pattern di illuminazione alle impostazioni dei DPI, rendendo più facile selezionare la sensibilità desiderata.

A livello di design però, la soluzione che più ci ha colpito è la fessura sul retro del mouse pensata per alloggiare il dongle wireless che, tenuto fermo da una calamita, non rischia di essere smarrito. Tra l'altro non va a gravare particolarmente sul peso di un mouse che non è certo ultraleggero, con 110 grammi complessivi, ma non è nemmeno particolarmente elevato considerando la solidità, le dimensioni di 7.45 x 8.14 x 4.2 centimetri e la batteria a lunga durata.

Prestazioni

Look anonimo ma design pensato per il comfort
Look anonimo ma design pensato per il comfort

Anonimo ma comodo da impugnare, l'OMEN Vector Wireless si affida a una rotella solida, spessa e precisa che funziona bene nei giochi e garantisce un feedback tattile piacevole. Stesso discorso per i tasti che sono robusti, ma comunque leggeri e decisamente reattivi, anche in modalità wireless. Ed è qui che si fa sentire il polling da 1 millisecondo di un mouse senza dubbio preciso e versatile. D'altronde può essere usato con o senza cavo ed in questo secondo caso garantisce effettivamente un'autonomia molto elevata. Magari non saranno 180 ore precise, ma siamo da quelle parti così come siamo in linea con le promesse in quanto alle tempistiche della ricarica veloce che in 10 minuti garantisce quasi una giornata di utilizzo.

A quanto sopra si aggiungono la comodità del dongle fissato magneticamente, l'adattatore da USB-A a USB-C e le comode superfici laterali che garantiscono effettivamente un'ottima presa. Ma non tutto è perfetto: per prima cosa l'unico modo di usare il mouse è proprio il dongle integrato, visto che manca la connessione Bluetooth. Inoltre, come anticipato, i tasti laterali sono un po' troppo in alto per essere usati comodamente. Infine è bene segnalare che l'appoggio per il pollice è davvero piccolo e potrebbe dare qualche problema di comfort con una mano di grandi dimensioni.

Il dongle wireless e l'adattatore da USB-A a USB-C
Il dongle wireless e l'adattatore da USB-A a USB-C

Comunque, quando si parla di mouse, l'impugnatura è una questione soggettiva a differenza delle caratteristiche che sono ottime anche nell'ottica del gaming competitivo, senza dubbio alla portata di un mouse che come abbiamo detto, può anche essere usato in modalità cablata, ma risponde decisamente bene anche senza fili. Il tutto restando entro i confini della fascia medio alta in quanto a prezzo. Sia chiaro, 80€ non sono pochi, ma l'autonomia generosa, la versatilità e la comodità ripagano senza alcun dubbio la spesa.

Commento

Prezzo
79,99 €

Multiplayer.it

8.7

L'HP OMEN Vector Wireless è un mouse versatile, robusto e dotato di una batteria capiente che si ricarica molto velocemente. Il design mostra il fianco a qualche critica, inclusa una certa mancanza di ispirazione, ma nel complesso parliamo di un mouse comodo e piacevole da impugnare che vanta caratteristiche e prestazioni effettive da gaming competitivo.

PRO

  • Batteria di lunga durata e veloce da ricaricare
  • Tempo di risposta ottimo
  • Solido e comodo da impugnare
CONTRO
  • La comodità viene meno con i tasti laterali
  • Non punta certo sull'estetica
  • Si può usare solo con il dongle wireless incluso