KFA2 GeForce RTX 2060 Super EX, la recensione del modello 1-Click OC 6

La recensione di un modello di 2060 piuttosto spinto con un buon rapporto qualità/prezzo

RECENSIONE di Mattia Armani —   14/06/2020

Indice

La recensione della KFA2 GeForce RTX 2060 Super EX (1-Click OC) giunge in ritardo sulle altre, ma c'è un buono motivo ed è l'arrivo in Italia dell'offerta GALAX (in Europa KFA2), un partner NVIDIA di lunga data che ci ha regalato alcuni dei modelli più abbordabili e altri decisamente lussuosi delle ultime serie di schede GeForce. In questo caso invece siamo nel mezzo con una scheda che si propone come modello spinto ma non troppo costoso, capace di sommare illuminazione RGB vistosa, backplate di qualità e la comodità dell'overclock con un solo click con un prezzo in linea con quello di modelli meno appariscenti. Non brilla, va detto, in quanto a connettività, ma due ingressi DisplayPort e uno HDMI sono più che sufficienti per le necessità della maggior parte dei giocatori.

Kfa2 Geforce Rtx 2060 Super Ex 1 Click Oc 4

Qualche compromesso, ma non per robustezza e illuminazione

L'armatura della KFA2 GeForce RTX 2060 Super EX (1-Click OC) è in plastica ma include supporti in metallo che assieme al backplate, pur sottile, ci mettono di fronte a una scheda robusta e massiccia. Questo anche in forza di una spessore notevole che vede la pancia della scheda arrivare a sfiorare lo slot PCIe secondario. Ma la larghezza abbondante è funzionale alla circolazione dell'aria, con ampie fessure ai lati che lasciano vedere buona parte dei radiatori nello stile tipico delle GPU pensate per lavorare a frequenze ben più alte di quelle stock. Un qualcosa che risulta evidente anche dall'aggiunta di un connettore ausiliario da 6-pin a quello da 8-pin della versione non EX. Ciononostante la GPU parte dagli stessi 1650MHz della versione FE, ma passa a 1665GHz usando la feature 1-Click OC del software Xtreme Tuner Plus e sale ben oltre lasciando la gestione delle frequenze al sistema che la fa lavorare a 1845 MHZ, ovviamente sotto sforzo, senza che la GPU si faccia particolarmente calda. Si sente però un discreto calore fuoriuscire dal sistema di raffreddamento, cosa che sembra confermare una certa efficacia nella dissipazione.

Kfa2 Geforce Rtx 2060 Super Ex 1 Click Oc 5

A spingere l'aria attraverso il dissipatore sono due ventole da 90 millimetri che, trasparenti, si tingono di luce colorata grazie all'illuminazione RGB programmabile che ritroviamo sul bordo superiore, a evidenziare la scritta "What's your game?". D'altronde parliamo di una scheda che può far girare qualsiasi titoli in 1080p e può dare soddisfazioni in 1440p grazie a una GPU TU106-410-A1 equipaggiata con 2176 CUDA core e affiancata da 8GB di memoria a 14Gbps che offrono qualche garanzia di longevità in più rispetto ai 6 della 2060 liscia. Aumentano inoltre gli RT core, funzionali all'accelerazione del ray tracing, e i tensor core, vitali visti i miglioramenti della tecnologia DLSS 2.0 che con i titoli supportati offre una qualità dell'immagine in upscaling quasi perfetta garantendo finalmente un incremento degli fps effettivo e senza, quasi, compromessi. Certo, i titoli con supporto DLSS sono pochi e quelli con DLSS 2.0 una manciata, ma NVIDIA ha migliorato notevolmente anche la facilità d'implementazione della tecnologia, cosa che dovrebbe incrementare notevolmente il parco titoli capaci di sfruttarla nel corso dei prossimi mesi. Tra l'altro con per l'ormai vicino arrivo delle GeForce 3000 si parla già di una versione 3.0 attivabile con qualsiasi titolo dotato di TAA, anche se per avere i risultati migliori servirà comunque il lavoro dedicato degli sviluppatori.

Kfa2 Geforce Rtx 2060 Super Ex 1 Click Oc 3

Prestazioni, overclock e temperature

Per provare la scheda GALAX abbiamo usato un Ryzen 3 3100 nuovo fiammante che, affiancato da 16GB di memoria Corsair Vengeance RGB Pro spinta a 3200MHz con CL16, è senza dubbio in grado di sostenere adeguatamente una RTX 2060 SUPER. Certo, parliamo di qualche frame in meno rispetto a un Ryzen 3600, ma parliamo anche di un risparmio sensibile per una CPU che in quanto a prestazioni single core può recuperare parecchio grazie agli ampi margini di overclock. In ogni caso anche senza spingere la CPU i nostri benchmark ci hanno messo di fronte a punteggi discreti. Sul nostro sistema la KFA2 GeForce RTX 2060 Super EX (1-Click OC) ha raggiunto quota 8584 punti in 3DMark, toccando come anticipato picchi di 1845MHz, a fronte di circa 60 gradi di temperatura tenuta a bada da ventole decisamente silenziose. E non lo sono certo diventate provando Shadow of the Tomb Raider, ovviamente impostato su qualità massima, che è arrivato a 97fps in 1080p e 67fps in 1440p, mettendoci di fronte a prestazioni eccellenti tenendo conto della configurazione. Tra l'altro attivando il ray tracing abbiamo ottenuto comunque una media di 63fps per un titolo pienamente giocabile in 1080p senza ricorrere al DLSS che nella prima versione resta ancora limitato. Ma è necessario per arrivare a un framerate decente con Metro che attivando il ray tracing scivola fino a 48fps in 1080p. Rinunciando invece alle ombre avanzate arriva 77fps e risulta pienamente giocabile anche in 1440p centrando con precisione i 60fps di media.

Kfa2 Geforce Rtx 2060 Super Ex 1 Click Oc 7

Nel caso di The Witcher 3 parliamo invece di 109fps in 1080p e 74fps in 1440p che diventano 119fps in 1080p e74 in 1440p con Rage 2, ennesima conferma che ci troviamo di fronte a una configurazione che può muoversi senza problemi anche in 1440p e che può persino puntare al 4K in 1080p con il DLSS 2.0. Lo dimostra Mechwarrior 2 che grazie all'ultima versione dell'upscaling hardware di NVIDIA arriva a 55fps in Ultra HD, con il preset grafico più elevato che non tocca il massimo in tutti i parametri ma ci va vicino. Il tutto senza ricorrere alla modalità 1-Click OC che, attivando la relativa voce nel software Xtreme Tuner, spinge le frequenze fino a picchi di 1920Hz, aumentando anche la stabilità del clock. Abbastanza per guadagnare dal 3% al 9% nei benchmark dei giochi, con un picco di 8790 punti in 3DMark Time Spy che vede la scheda GALAX mettersi in pari con i modelli più spinti con temperature di circa 64 e ventole ancora tranquille. Per questo abbiamo osato spingere la scheda fino a 2000MHz, ottenendo un altro paio di fps in 1080p, al costo però di un pizzico di rumore in più per le due ventole che, per mantenere la temperatura tra i 60 e i 65 gradi con una frequenza del genere, iniziano a girare a una discreta velocità. Ma non raggiungono mai livelli di rumorosità elevati, per una scheda che può spingersi ancora più in alto.

Kfa2 Geforce Rtx 2060 Super Ex 1 Click Oc 6
Multiplayer.it

8.5

La KFA2 GeForce RTX 2060 Super EX (1-Click OC) costa qualcosa in più dei modelli base, ma offre anche parecchio considerando che monta una robusta armatura con rinforzi in metallo che protegge anche il generoso sistema di dissipazione, equipaggiato con due ventole RGB decisamente silenziose. Questo anche nella modalità 1-Click OC che vede la scheda GALAX recuperare i modelli più spinti, mantenendo una rumorosità contenuta e margini di overclock notevoli che completano un quadro decisamente positivo. Risulta però spessa e come le altre RTX 2060 SUPER ha perso un po' di terreno sulla 2060 in quanto a convenienza, con la sorella minore che è diventata d'improvviso più interessante grazie a un taglio di prezzo.

PRO

  • Robusta, silenziosa e versatile
  • Prestazioni da modello di fascia alta
  • Illuminazione RGB senza spendere una fortuna
  • Un'ottima RTX 2060 Super a un prezzo non eccessivo

CONTRO

  • Spessore decisamente elevato
  • Le GeForce RTX 3000 sono sempre più vicine
  • La RTX 2060 è diventata più conveniente