Xiaomi 11T, la recensione dello smartphone Android di fascia media ottimo per foto e autonomia

L'ultimo nato in casa Xiaomi è un dispositivo che punta ad aggredire la fascia medio/alta forte di un allestimento di tutto rispetto: ecco la nostra recensione di Xiaomi 11T.

RECENSIONE di Fabio Palmisano —   07/10/2021
23

Come i più attenti avranno probabilmente notato, c'è qualcosa di diverso in questa recensione di Xiaomi 11T: parliamo infatti del primo smartphone del colosso cinese che abbandona il classico prefisso "Mi" che anticipava la numerazione del modello, una scelta adottata dall'azienda per distinguere maggiormente i suoi smartphone più performanti dalla più modesta gamma Redmi e che sposta l'accento sulla valorizzazione del brand. In madrepatria in realtà è sempre stato così, mentre per il pubblico europeo si tratta di un cambiamento che parte proprio da Xiaomi 11T, anche se certamente non è l'unico motivo di interesse nei confronti di questo nuovo dispositivo.

Xiaomi 11T e la sua confezione
Xiaomi 11T e la sua confezione

Si tratta infatti di uno smartphone che condensa quella che è sempre stata la filosofia di Xiaomi: aggredire il mercato con device capaci di rivaleggiare con terminali di primissima fascia ma a un prezzo più basso, che nel caso di Xiaomi 11T si attesta su 549,90 o 599,90 Euro (ma lo street price è già calato) a seconda del taglio di memoria scelto. C'è da dire che, se messo a confronto con la versione Pro che lo ha accompagnato al lancio, Xiaomi 11T effettivamente non possiede la ricarica ultra rapida a 120W che di fatto era l'unica innovazione capace di fare davvero la differenza: tuttavia la sostanza rimane per un prodotto che, come vedremo, può dimostrarsi un prospetto interessante per un ampio ventaglio di utenti.

Caratteristiche hardware

La home di Xiaomi 11T
La home di Xiaomi 11T

Una delle principali differenze tra il qui presente Xiaomi 11T e il modello Pro sta nella tipologia del processore: laddove la versione più costosa monta uno Snapdragon 888, in questa troviamo un MediaTek Dimensity 1200-Ultra. Si tratta evidentemente di una seconda scelta più economica, altrimenti l'azienda cinese non avrebbe fatto distinzioni, ma che non deve far pensare a Xiaomi 11T come a un prodotto di fascia più bassa in termini di prestazioni. Parliamo infatti di un SoC che, al di là di un nome meno roboante, è pur sempre un octa core con processo produttivo a 6 nanometri, quindi non proprio l'ultimo arrivato sulla piazza. 8 GB di RAM completano il quadro di un'offerta hardware di tutto rispetto, e anche sul fronte della connettività non manca nulla, con supporto alle reti 5G, Wi-Fi 6, Bluetooth 5.2 e chip NFC per i pagamenti.

Scheda tecnica Xiaomi 11T

Xiaomi 11T Pro 5G - Smartphone 8+128GB, Display AMOLED 6.67'' a 120Hz, Snapdragon 888, Fotocamera professionale da 108MP, Batteria da 5000mAh, Meteorite Gray (Versione Italia + 2 Anni di Garanzia)
Offerta Amazon
Offerta Amazon
Xiaomi 11T Pro 5G - Smartphone 8+128GB, Display AMOLED 6.67'' a 120Hz, Snapdragon 888, Fotocamera professionale da 108M...

€ 649,9

Vedi
Offerta

  • Dimensioni: 164,1 x 76,9 x 8,8 mm
  • Peso: 203 grammi
  • Display: AMOLED da 6,67" FHD+ con refresh rate a 120Hz
  • Soc: MediaTek Dimensity 1200-Ultra
  • RAM: 8 GB RAM LPDDR4X
  • Fotocamere:
    Principale 108 MP, apertura f/1.75 e stabilizzazione ottica
    Grandangolare 8 MP con 120 gradi di campo visivo
    Macro 5 MP
  • Fotocamera frontale: 16 MP
  • Connettività Wi-Fi: 802.11aX
  • Bluetooth: 5.2
  • Sensori: Sensore di prossimità, Sensore di luce ambientale, Accelerometro, Giroscopio, Bussola elettronica, Motore lineare, Blaster IR, Barometro, Sensore di temperatura del colore
  • Colori: Celestial Blue | Meteorite Gray | Moonlight White
  • Batteria: 5000 mAh
  • Memoria e prezzo:
    8 GB RAM + 128 GB | 549,90€
    8 GB RAM + 256 GB | 599,90€

Design

Il retro di Xiaomi 11T con effetto satinato
Il retro di Xiaomi 11T con effetto satinato

Xiaomi 11T è tante cose, ma di sicuro non è uno smartphone che ruba l'occhio. Il design non offre praticamente nulla di nuovo rispetto a quanto visto in tanti (troppi) smartphone della casa cinese, e dimensioni e peso importanti, pari a 164,1 x 76,9 x 8,8 mm per 203 grammi, lo fanno entrare di diritto nella poco invidiabile categoria dei "padelloni". Non è quindi un telefono comodo da tenere in tasca né da utilizzare con una sola mano, ma perlomeno Xiaomi 11T prosegue nel solco della tradizione anche e soprattutto per gli aspetti positivi che solitamente l'azienda riserva ai suoi dispositivi.

I materiali sono dunque indubbiamente di buona fattura, dal policarbonato della cover posteriore al metallo della cornice fino al Gorilla Glass Victus che protegge lo schermo, e l'assemblaggio è come al solito ben realizzato. La fotocamera anteriore è inserita nel solito punch hole centrale, mentre il modulo posteriore è stato suddiviso in due porzioni per farlo risultare così meno sporgente. Il tasto di accensione sul lato destro integra il sensore per le impronte digitali, mentre l'alloggiamento per le SIM offre spazio per due schede Nano ma non per l'espansione di memoria tramite microSD.

Gli altoparlanti stereo si trovano sui due lati corti del dispositivo, mentre non c'è il jack audio per le cuffie, una feature oramai abbandonata dalla gran parte dei produttori. Mancherebbe ufficialmente anche la certificazione IP per la protezione ad acqua e polvere, anche se lo smartphone non sembra avere problemi a tollerare qualche goccia di pioggia.

Display

Lo schermo di Xiaomi 11T è di ottima qualità
Lo schermo di Xiaomi 11T è di ottima qualità

Uno dei punti di forza di Xiaomi 11T è sicuramente rappresentato dall'ottimo display AMOLED da 6,67 pollici, rapporto d'aspetto 20:9 e risoluzione di 1080 x 2400. Si tratta di un pannello che garantisce neri profondi e colori brillanti, abbastanza luminoso da risultare ben leggibile in qualunque situazione (800 nit il valore di picco dichiarato da Xiaomi) e che lascia leggermente a desiderare solamente sotto il profilo di un trattamento antiriflesso non proprio impeccabile.

Veloce e reattivo grazie a un touch sampling che arriva a 480 Hz, lo schermo di Xiaomi 11T gode anche di una funzione di refresh rate dinamico che gli consente di raggiungere il valore massimo di 120 Hz a seconda del contenuto che viene visualizzato, dimostrando dunque anche quella fluidità che oramai è divenuta quasi uno standard obbligato per i prodotti di fascia alta. Per chi preferisse salvaguardare un po' l'autonomia e mantenere un valore fisso, è comunque consentito bloccare la frequenza di aggiornamento a 60 Hz da un'apposita voce nel menu delle impostazioni.

Presente infine la funzionalità always on, personalizzabile quel tanto che basta per renderla adatta ai gusti di tutti e tarare il suo impatto sulla batteria in base all'utilizzo che se ne vuole fare.

Fotocamere

La modalità foto di Xiaomi 11T
La modalità foto di Xiaomi 11T

Il comparto fotografico di Xiaomi 11T è ben assortito e, pur non raggiungendo particolari vette di eccellenza, offre soluzioni capaci di soddisfare un po' tutte le esigenze. Il modulo posteriore è composto da tre fotocamere: una principale da 108 megapixel, lente a 7 elementi con apertura f/1.75 e stabilizzazione ottica, una grandangolare da 8 megapixel e 120 gradi di campo visivo e infine una macro da 5 megapixel. Proprio quest'ultima è la meno interessante del pacchetto, non tanto per demeriti propri (anche se non parliamo certamente di un obiettivo miracoloso) quanto piuttosto per l'effettiva scarsa utilità nel quotidiano. Di tutt'altro tenore il giudizio sulla principale che, specialmente in condizioni di luce ottimale, è in grado di regalare scatti davvero convincenti, con una messa a fuoco precisa, colori vividi e una corretta applicazione dell'HDR.

In generale è evidente come Xiaomi abbia lavorato molto sull'intelligenza artificiale applicata alla fotografia, aspetto che emerge anche nella buona modalità notturna che, in cambio di un tempo di esposizione leggermente più lungo, dà vita a immagini definite e prive di grossi artefatti. Molto valida anche la grandangolare, che di giorno offre una resa paragonabile alla principale e che di sera può sfruttare anch'essa un'opzione apposita dalla discreta efficacia. La fotocamera inserita nel punch hole frontale conta infine su un sensore da 16 megapixel più che sufficiente per ogni esigenza di selfie e affini, completa di filtri di vario tipo e, anche in questo caso, di una modalità notturna sicuramente apprezzabile.

Uno scatto con la principale di Xiaomi 11T
Uno scatto con la principale di Xiaomi 11T
Uno scatto con la grandangolare di Xiaomi 11T
Uno scatto con la grandangolare di Xiaomi 11T
Uno scatto con lo zoom 2X di Xiaomi 11T
Uno scatto con lo zoom 2X di Xiaomi 11T
Uno scatto con la modalità ritratto di Xiaomi 11T
Uno scatto con la modalità ritratto di Xiaomi 11T
Uno scatto con la macro di Xiaomi 11T
Uno scatto con la macro di Xiaomi 11T

Video

Il modulo fotografico posteriore di Xiaomi 11T
Il modulo fotografico posteriore di Xiaomi 11T

Se il comparto fotografico è sostanzialmente indistinguibile da quello del fratello maggiore Xiaomi 11T Pro, sul fronte video le differenze tecniche tra i due modelli si fanno notare decisamente di più. Considerando che su Pro è possibile raggiungere addirittura una risoluzione di 8K a 30 FPS, qui bisogna "accontentarsi" di una qualità massima di 4K a 30 FPS, con i 60 FPS raggiungibili scendendo a 1080p e dovendo rinunciare sia all'HDR sia alla stabilizzazione ottica, quest'ultima attivabile solo fermandosi a 30 fotogrammi al secondo. Tanti compromessi, insomma, per una componente video che fa il compitino senza infamia e senza lode, con la magra consolazione di una serie di effetti e filtri in stile cinematografico che possono aggiungere un po' di pepe alle proprie riprese.

Batteria

Il monitoraggio della batteria di Xiaomi 11T
Il monitoraggio della batteria di Xiaomi 11T

In termini di autonomia, Xiaomi 11T si poggia su una capiente batteria da 5000 mAh che garantisce la proverbiale giornata di utilizzo intenso, una durata che logicamente aumenta in maniera inversamente proporzionale allo sfruttamento dello smartphone. Sebbene si possa notare qualche difficoltà in più a fronte di richieste energetiche particolarmente intense, l'autonomia risulta del tutto adeguata, spalleggiata in ogni caso dalla possibilità di ricaricare rapidamente (40 minuti circa per riempire il serbatoio da zero) con l'alimentatore da 67W incluso nella confezione. Anche in questo caso, però, Xiaomi 11T è costretto a guardare con invidia alla versione Pro, che può contare su un caricabatterie da 120W capace di dimezzare i comunque già ottimi tempi di ricarica di questo smartphone. Manca invece in entrambi i modelli la ricarica wireless, una lacuna che su queste fasce di prezzo si fa sentire.

Prestazioni

Xiaomi 11T
Xiaomi 11T

I benchmark eseguiti con Xiaomi 11T mettono in luce un dispositivo che riesce ad ottenere dei buoni risultati globali, anche se al di sotto di quelli riscontrabili con alcuni smartphone Android della stessa fascia. Com'era lecito attendersi, c'è un certo divario anche con il modello Pro motivato dal fatto che, come abbiamo detto in precedenza, monta un differente processore. Si tratta in ogni caso di performance assolutamente apprezzabili che fanno di Xiaomi 11T uno smartphone capace di destreggiarsi bene in qualunque ambito, magari senza assolute vette di eccellenza ma nemmeno grandi punti deboli. Un buon risultato per il MediaTek Dimensity 1200-Ultra insomma, e un altro punto messo a segno dalla compagnia taiwanese che negli ultimi tempi si sta scrollando di dosso l'antipatico luogo comune che agli occhi di molti la fa vedere come produttrice di SoC di serie B.

Esperienza d’uso

La MIUI di Xiaomi  11T si conferma un'ottima interfaccia utente
La MIUI di Xiaomi 11T si conferma un'ottima interfaccia utente

L'esperienza d'uso con Xiaomi 11T beneficia anzitutto dell'interfaccia utente MIUI 12.5.4 che oramai ha raggiunto una piena maturità, confermandosi anche qui come una delle migliori interpretazioni in assoluto di Android 11. Pur non essendoci novità stravolgenti rispetto al software già visto nei precedenti modelli della casa, bisogna sottolineare come tutto funzioni in maniera fluida e senza intoppi, mantenendo le ampie possibilità di personalizzazione tipiche della UI di Xiaomi ma senza tante di quelle "cinesate" che erano solite appesantirla.

Nel nostro test il dispositivo ha saputo gestire agevolmente anche carichi di lavoro abbastanza importanti senza dare segni di affaticamento, confermando come con un utilizzo standard Xiaomi 11T non abbia nulla da invidiare in termini di puro comfort a smartphone ben più pregiati e costosi. Xiaomi 11T segna poi un passo importante da parte dell'azienda in termini di supporto software: nelle intenzioni del produttore dovrebbero infatti essere garantite 3 major release di aggiornamenti del sistema operativo e ben 4 anni di patch di sicurezza, un impegno notevole che se confermato andrebbe a mettere una bella pezza a una delle maggiori criticità da sempre imputate a buona parte degli smartphone di provenienza cinese.

Tra gli aspetti che invece convincono meno del terminale rientra senza dubbio l'ergonomia: come abbiamo avuto modo di dire in precedenza, Xiaomi 11T non è certamente un telefono compatto e leggero, quindi se si considera l'acquisto bisogna tenere in mente che non si tratta di uno di quei telefoni pratici da usare anche con una sola mano né tantomeno un modello adatto a tutte le tasche, nel senso letterale del termine. Anche la posizione del tasto di accensione e relativo sensore di impronte digitali non è tra le più comode che ci sia capitato di provare su un dispositivo Android, e il sensore di prossimità (da sempre oggetto di critiche da parte degli utenti Xiaomi) è stato probabilmente migliorato ma non risulta ancora impeccabile nel suo funzionamento.

Streaming video

Lo schermo di Xiaomi 11T va benissimo per film o serie TV
Lo schermo di Xiaomi 11T va benissimo per film o serie TV

Se da uno smartphone si cerca anche un dispositivo grazie al quale godersi film e serie tv tramite servizi in streaming come Netflix, Prime Video o Disney+, Xiaomi 11T ha sicuramente tutto ciò che serve per assolvere alla perfezione allo scopo. Delle virtù dello schermo abbiamo già detto nel paragrafo apposito, ma qui possiamo aggiungere che il supporto ai formati HDR10 e Dolby Vision garantisce una qualità di visione ottima, che beneficia delle dimensioni generose del display. Una nota di merito anche per l'impianto audio: gli altoparlanti stereo si fregiano della certificazione Dolby Atmos e sviluppano un suono davvero convincente. Nulla che li faccia preferire a un buon set di auricolari, ma comunque la sonorità è assolutamente apprezzabile.

Videogiochi

Call of Duty mobile in azione su Xiaomi 11T
Call of Duty mobile in azione su Xiaomi 11T

Pur non essendo concepito come uno smartphone espressamente da gaming, Xiaomi 11T fa la sua figura anche con pesi massimi del calibro di Call of Duty Mobile, PUBG, Genshin Impact o Asphalt 9. Il MediaTek Dimensity 1200-Ultra non sarà un mostro di potenza capace di far girare i titoli più complessi al massimo del dettaglio e della fluidità, ma dove non arriva la forza bruta ci pensano i 120 Hz di frequenza di aggiornamento dello schermo e il validissimo impianto audio stereo a rendere appaganti le sessioni di gaming con lo smartphone di casa Xiaomi. Fa inoltre un suo ritorno un grande classico del produttore cinese (e non solo), ovvero la modalità Turbo Videogiochi grazie alla quale accedere a tutta la propria raccolta di titoli, ottimizzare le prestazioni del dispositivo e impostare le proprie preferenze circa le notifiche.

Commento

Prezzo 549,90 € / 599,90 €

Multiplayer.it

8.0

Xiaomi 11T è un validissimo smartphone che prosegue con successo quella che è oramai la mission conclamata del produttore cinese, ovvero offrire prodotti con un rapporto qualità/prezzo tra i migliori nell'affollatissimo panorama Android. Grazie a una scheda tecnica di tutto rispetto, un display ottimo, un comparto fotografico adatto a tutte le esigenze e una batteria capiente, Xiaomi 11T è un dispositivo che fa tutto bene e compensa una certa mancanza di acuti con la fondamentale assenza di grossi limiti o compromessi. Resta la sensazione che il modello Pro, con un SoC più performante e la ricarica ultra rapida, sia un'opzione d'acquisto migliore per chi volesse essere più al passo coi tempi, ma per tutti gli altri Xiaomi 11T è un prodotto con il quale è difficile sbagliare.

PRO

  • Display grande e di ottima qualità
  • Scheda tecnica completa e valida autonomia
  • Fotocamere di buon livello
CONTRO
  • Design e dimensioni non proprio attraenti
  • Non eccelle in nessun ambito particolare
  • Più modesto rispetto alla versione Pro