Xiaomi Mi 9, la recensione 0

Abbiamo provato lo smartphone Xiaomi Mi 9 che, come da tradizione dell'azienda, mescola al meglio prezzo e performance.

RECENSIONE di Umberto Moioli   —   01/07/2019

Indice

Di tanto in tanto torniamo a parlare di Xiaomi analizzando telefoni appartenenti a fasce di prezzo diverse ma con un elemento spesso in comune: l'ottimo rapporto qualità prezzo. Questo discorso vale per lo Xiaomi Mi 9 di cui state leggendo la recensione ma vale anche per il Read Mi Note 7 che abbiamo potuto provare qualche mese addietro. In questo caso il prezzo di vendita è diverso e così le specifiche, decisamente più spinte, mentre resta la qualità di un'offerta che passa innanzitutto da ottime performance ma in generale da un ottimo equilibrio di tutte le componenti dell'hardware.

Design e costruzione

A livello di design il Mi 9 riprende quanto fatto con il modello precedente, offrendo una linea pulita e precisa, che forse non si distingue dalla massa di altri smartphone in commercio ma allo stesso tempo propone linee sobrie che si adattano ai gusti di un po' tutti. La parte posteriore è curva e offre un buon grip anche a chi, come chi scrive, non ha mani particolarmente grandi. La costruzione mescola vetro e metallo, per un effetto e una solidità che non lascia nulla di che lamentarsi. Soprattutto considerando che è un dispositivo acquistabile oramai per poco più di 300 euro. Volendo trovare due difetti citiamo di sicuro l'assenza del jack 3.5mm, con la sola presenza della USB-C e l'eventuale necessità di avere un convertitore per le cuffiette, mentre il comparto fotocamere su cui torneremo dopo è posto di lato e sporge parecchio, rendendolo non molto comodo quando ad esempio si preme sullo schermo con il telefono appoggiato su una superficie piana, tipo un tavolo. A livello di hardware la dotazione ruota attorno al volocissimo Snapdragon 855 montato su telefoni anche più costosi, come il One Plus 7 e in certi paesi il Samsung Galaxy S10. La ram è di 6 GB mentre la memoria interna, non espandibile, è di 128GB o 256GB. Non manca il supporto a GPS, NFC, Wi-Fi, LTE, Bluetooth 5.0; manca invece la certificazione che ne dimostra l'impermeabilità. Le dimensioni di 157.5 x 74.67 x 7.61mm e il peso di 173 grammi ne fanno un dispositivo di medie dimensioni e peso, che ospita uno schermo Amoled da 6.39 pollici e risoluzione di 2340x1080: il risultato è molto buono, con colori brillanti e un buonissimo angolo di visione, forse non spettacolare quanto quello del Samsung Galaxy S10 ma assolutamente valido tanto per navigare e usare le app di messaggistica, quanto per vedere filmati e giocare. Meno eccezionale la batteria da 3300 mAh che porta a sera senza grossi problemi nel caso di un uso normale ma, nei giorni caratterizzati da un uso molto intenso, suggerisce di portarsi dietro un battery bank giusto per essere sicuri di non restare a piedi.

Fotocamera

Il comparto fotografico posteriore è caratterizzato da un sensore a 48 megapixel ƒ/1.8, uno 12 megapixel (zoom 2x) ƒ/2.2 e un grandangolare a 16 megapixel ƒ/2.2. Un pacchetto che permette di avere una versatilità davvero molto alta, in grado di dare soddisfazioni sia nelle situazioni in cui si desiderano fotografare particolari e scene ravvicinate, sia quando si intende catturare un panorama. L'intelligenza artificiale (o come vogliamo chiamarla) aiuta in determinate situazioni a tirar fuori degli scatti migliori di quanto riusciremmo a fare da soli, ma non è mai troppo invasiva. Piuttosto la modalità di scatto notturna non lascia a bocca aperta e resta il punto debole di un comparto fotografico comunque molto valido, sia tenendo conto del prezzo di vendita, sia in senso assoluto. Buoni i video, fino in 4K, anche se forse la modalità stabilizzata sarebbe potuta essere migliori. Buona anche la fotocamera frontale da 20 megapixel che occupa lo spazio ricavato dal piccolo notch a goccia che comunque non disturba mai la fruizione dello schermo.

Prestazioni

Il software sotto il cofano dello Mi 9 è ovviamente Android 9 Pie ma l'utente utilizza l'interfaccia customizzata MIUI di Xiaomi. Il risultato è molto veloce e reattivo, magari non al livello del One Plus 7, che pure monta lo stesso system on chip, ma nel complesso davvero buono. Meno esaltante l'estetica dell'interfaccia che ha ancora alcuni piccoli difetti, come una certa incoerenza tra le icone delle app Xiaomi, tonde, e quelle delle terza parti più squadrate.

Lo Snapdragon 855 lo abbiamo già testato in ambito gaming e anche qui giocando titoli come PUBG, Fortnitee Asphalt 9 ci siamo trovati al cospetto di un'esperienza di gioco fluida e molto soddisfacente. La qualità degli speaker e una certa tendenza a riscaldarsi non lo rendono adatto allo scopo come altri dispositivi dedicati, però se il vostro obiettivo principale non è quello di giocare con il vostro telefono, potete stare sereni.

Multiplayer.it

8.8

Lo Xiaomi Mi 9 è un dispositivo molto valido: mescola un hardware di tutto rispetto con un buon comparto fotografico e software. Lo Snapdragon 855 offre perfomance ottime che vengono valorizzate, con i giochi ma non solo, da uno schermo dalla resa soddisfacente sotto tutti i punti di vista. Buono anche il design e nel complesso il comparto fotografico, soprattutto in relazione a un prezzo oramai davvero concorrenziale. Non è perfetto ma chi cerca uno smartphone a tutto tondo e non vuole svenarsi, non deve guardare oltre.

PRO

  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • Lo Snapdragon 855 garantisce prestazioni validissime
  • Fotocamera decisamente buona...

CONTRO

  • ...ma chi vuole il top deve spendere di più
  • Alcuni difetti minori

#Android

Android