Prove libere 30

Grazie ad una prima versione giocabile disponibile per pochi intimi, abbiamo finalmente potuto fare qualche giro di prova con il nuovo, promettente titolo di Kunos Simulazioni

PROVATO di Valerio De Vittorio —   22/03/2013

Gli amanti delle simulazioni su quattro ruote attendevano quest'anno con trepidazione. Sono infatti diversi i titoli in corso di sviluppo davvero interessanti, tra cui citiamo rFactor 2 e Project Cars e ovviamente l'oggetto della nostra anteprima, Assetto Corsa. Quest'ultimo, sviluppato dagli italiani Kunos Simulazioni, sta riuscendo a farsi notare in mezzo agli altri pesi massimi grazie ad immagini e promesse interessanti.

Tra licenze, collaborazioni ed apertura alle modifiche dell'utenza praticamente totale, Assetto Corsa avrà molto da dimostrare. Un primo assaggio dell'operato dello studio di sviluppo romano ci viene finalmente concesso grazie ad una versione demo definita technology preview, limitata nei contenuti ma già utile per fare qualche primo giro di pista e sperimentare il motore di gioco. Non ve lo nascondiamo, questo antipasto ci ha già fatto venire l'acquolina in bocca.

Contenuti minimi...

La technology preview è disponibile per gli tutti gli acquirenti del precedente lavoro di Kunos Simulazioni, netkar Pro, e comprende un'unica macchina, la Lotus Elise SC, da far correre in modalità pratica o Hotlap sul circuito di Magione. Lo scopo di una demo di questo tipo è da un lato avvicinare gli amanti delle simulazioni al titolo e dall'altro garantire agli sviluppatori importanti feedback. Proprio come fatto da altri team infatti, Kunos Simulazioni, giunti ad uno step avanzato di sviluppo, sono finalmente pronti per aprire il proprio titolo ai fan, perché questi vivisezionino ogni aspetto dell'engine di gioco e propongano utili migliorie e scovino bug od imperfezioni.

Non vi sono limiti di tempo, così l'utente può passare ore a sperimentare il motore fisico, il modello di guida ed il comparto tecnico. Per una versione più completa invece, bisognerà attendere ancora qualche mese, quando verrà rilasciata una preview aperta al pubblico, completa delle feature più importanti e probabilmente dotata anche di contenuti ben più corposi. Nonostante l'offerta ridotta all'osso, si fa notare da subito il menu particolarmente elegante e allo stesso tempo piuttosto immediato da utilizzare. Le opzioni permettono di personalizzare i controlli, che già supportano diversi volanti ed il pad Xbox 360, proponendo calibrazioni dettagliate di ogni input, e alcune impostazioni grafiche che garantiscono una buona scalabilità del titolo. Il nostro test è stato effettuato con il controller Microsoft ed un volante Logitech Driving Force Wireless, perfettamente riconosciuti e personalizzabili fin nei minimi dettagli.

...ma grande personalizzazione

Dopo un approccio iniziale decisamente positivo, ci siamo gettati finalmente in pista, optando per un preset di aiuti di media difficoltà. Ve ne sono tre, ma è comunque possibile personalizzare completamente l'esperienza di guida attivando o meno ogni parametro, che rispecchiano l'offerta tipica, come controllo di trazione, cambio automatico o manuale e così via. Le sensazioni volante alla mano sono decisamente ottime, con una simulazione della fisica curata e soprattutto una buona risposta del mezzo alle sollecitazioni.

La Lotus Elise è una brutta bestia da domare, con una trazione posteriore che spinge il mezzo in sovrasterzo con facilità. Presa un po' di fiducia e disattivato ogni assistenza della CPU, tenere in pista la quattroruote è una sfida allo stesso tempo impegnativa ed appagante. La frenata va calibrata con precisione, per evitare di allargare troppo la curva e cercare di restare in traiettoria. Ma è ancora più delicata la fase di uscita, dove è richiesta una certa abilità da parte del pilota virtuale (oltreché un volante di buona qualità) per poter sprigionare i cavalli della Lotus senza incappare in facili testacoda. È difficile sbilanciarsi sulla bontà del modello di guida vista la mancanza di altri mezzi, ma il feeling restituito al volante della Elise è senza dubbio ottimo. Se l'engine prodotto da Kunos Simulazioni saprà adattarsi con precisione e fedeltà ad ogni mezzo inserito, Assetto Corsa potrebbe rappresentare un validissimo concorrente nel panorama delle simulazioni.

Tecnicamente

Un altro aspetto importante nella riuscita di un prodotto come Assetto Corsa è senza dubbio quello estetico, in particolar modo per quanto riguarda la resa di mezzi e tracciati che i fan più esigenti pretendono essere fedeli riproduzioni delle controparti reali. I nostri compatrioti si difendono molto bene fortunatamente, grazie all'ottimo motore grafico realizzato da zero. La Lotus Elise è modellata con dovizia di particolari, e a dettaglio massimo garantisce un ottimo impatto. Lo stesso vale per gli interni, fedelmente riprodotti anche se il rendering dei materiali è un po' meno realistico rispetto alla scocca. Le animazioni delle mani e del volante sono ben fatte, precise nel rispondere agli input del giocatore.

La resa del tracciato è di uguale livello, grazie anche alla tecnica di scansione laser adottata per riprodurre con precisione millimetrica la planimetria. Buoni i dettagli a bordo pista, con alberi e vari elementi ben fatti, mentre il sistema di illuminazione irraggia con accuratezza la scena. I ragazzi di Kunos Simulazioni hanno lavorato bene anche sul fronte dell'ottimizzazione e della scalabilità, permettendo a configurazioni medie di raggiungere i sessanta frame per secondo. Anche se tale aspetto andrà verificato con altre vetture in pista, in effetti. Da citare poi l'eccellente lavoro fatto nel comparto sonoro, con la resa del motore buona, mentre ci hanno davvero colpito i suoni di contorno, come il picchiettare dello sporco sul fondo della macchina, o delle ruote sui cordoli. Assetto Corsa è ancora in pieno corso di sviluppo, restate con noi per tutti i prossimi aggiornamenti.

Scarica il Video

CERTEZZE

  • Motore di gioco convincente
  • Tecnicamente già valido
  • Feeling di guida eccellente

DUBBI

  • Contenuti da verificare
  • La concorrenza è alquanto agguerrita!