Migliori smartphone di fascia media (aprile 2021)

I migliori smartphone di fascia media tra 300 e 600 euro, nella nostra lista di aprile 2021.

RUBRICA di Andrea Palmisano   —   01/04/2021
21

I migliori smartphone di fascia media nella nostra guida aggiornata ad aprile 2021 tengono conto dei prodotti disponibili sul mercato nella forbice tra 300 e 600€: in questa categoria si trovano forse alcuni dei device più interessanti dell'intero mercato, visto che viene garantito un rapporto qualità/prezzo tale da offrire caratteristiche tecniche notevoli che permettono di avere grandi soddisfazioni praticamente in ogni ambito di utilizzo.

Xiaomi Mi 10T Pro

Xiaomi è uno dei player più importanti della scena Android e nel suo amplissimo catalogo che si aggiorna continuamente in questo momento uno degli smartphone più interessanti nella fascia di prezzo presa in esame è lo Xiaomi Mi 10T Pro. Lo Snapdragon 865 montato è già un biglietto da visita importante, con prestazioni al vertice e la relativa garanzia di una longevità del device, che senza dubbio si manterrà ben utilizzabile e veloce anche nei prossimi mesi. Ci sono poi 8 GB di memoria RAM LPDDR5 e 128 o 256GB di di spazio di archiviazione con memorie UFS 3.1, e anche in questo caso stiamo quindi parlando praticamente del meglio presente sul mercato. Il display da 6,67 pollici IPS con refresh dinamico a 144Hz veramente di ottima qualità: certo non si tratta di un AMOLED, e questo forse può far storcere il naso a queste cifre e tenendo conto che tale tecnologia di sta diffondendo anche su smartphone più economici, eppure è indubbio che la soluzione adottata da Xiaomi fa rimpiangere ben poco l'alternativa più prestigiosa. Da segnalare la fotocamera frontale da 20 MP collocata in un piccolo punchole nell'angolo alto a sinistra: una soluzione intelligente che mantiene la continuità dello schermo nella zona più soggetta all'attenzione dell'utente. L'impianto fotografico principale è invece composto da un triplo sensore 108+13+5 MP con grandangolare e macro. La camera principale è senza dubbio quella capace di offrire le prestazioni migliori, con ottimi scatti e una convincente applicazione dell'HDR. Inoltre il comportamento è convincente anche in condizioni di scarsa luminosità. Le altre due camere sono invece funzionali, ma riescono a scattare bene solo con una luce sufficiente. Molto bene la batteria da 5000 mAh con ricarica rapida da 33W che offre una durata ampiamente oltre la giornata anche con utilizzo intenso. Sono supportate le connessioni 5G. Lo street price già sensibilmente ritoccato lo colloca poi ampiamente sotto i 500€, rendendolo una delle scelte migliori in questa fascia.

Xiaomi Mit 10T Pro

Samsung S20 FE

Salendo un po' di livello e di prezzo la proposta più interessante di Samsung (e più in generale tra le più interessanti dell'intero mercato attuale) è senza dubbio il Galaxy S20 FE, soprattutto nella versione 5G che da è finalmente acquistabile a meno di 600€ grazie alle varie offerte dei rivenditori. Si tratta della variante "Fan Edition" della famiglia S20, una bizzarra etichetta che definisce quella che probabilmente è la miglior versione di questo smartphone di Samsung: d'altra parte la scheda tecnica è di assoluto rispetto, grazie ad uno Snapdragon 865 che è veramente una bomba e garantisce una potenza tale da permettere di affrontare qualsiasi situazione praticamente col braccio fuori dal finestrino. Completano il quadro la GPU Adreno 650 e 6GB di RAM. Bellissimo lo schermo Super Amoled, d'altra parte dalla casa coreana è lecito non attendersi nulla di meno: un pannello da 6.5" con refresh variabile a 120Hz e risoluzione 2400x1080 luminosissimo, definito e molto piacevole da usare, che di fatto non presenta difetti rilevanti. Il punch hole in alto è poi davvero piccolo, quasi trascurabile. Forse giusto la scocca in policarbonato anziché vetro potrebbe lasciare un dubbio in qualche potenziale acquirente, visto il feeling oggettivamente meno pregiato. Si tratta di una scelta che però consente di ridurre il peso complessivo, che si ferma a 190 grammi. Dal punto di vista fotografico troviamo invece un sensore principale Sony da 12MP, con un grandangolare anch'esso da 12 e il teleobiettivo da 8: soprattutto quando lavorano i primi due i risultati sono ottimi, sia in condizioni di luce che in notturna. Molto bene anche i video a 4k e 60fps, ben stabilizzati e luminosi, così come adeguata è la frontale da 32MP. Più che soddisfacente l'autonomia, grazie alla batteria da 4500 mAh.

Samsung S20 Fe

OnePlus Nord

C'era parecchia curiosità in merito al nuovo smartphone di OnePlus, che nelle intenzioni del produttore avrebbe dovuto riportare all'interno della fascia di prezzo più economica un brand che nel corso degli anni ha invece visto crescere le cifre dei suoi "flagship killer" anno dopo anno. E infatti OnePlus Nord ha un listino che recita 399€ per la versione 8/128GB, ovvero medio gamma. L'azienda cinese ha però saputo dosare con attenzione le dosi dando vita a un terminale che accetta veramente pochi compromessi, a partire dall'ottimo display Amoled da 6,44" e refresh a 90Hz. Il processore è l'affidabilissimo Snapdragon 765G affiancato dalla GPU Adreno 620, una combinazione che di fatto rende lo smartphone capace di affrontare ogni situazione senza nessun tipo di tentennamento, sia che si tratti di applicazioni che di videogiochi. Convincente il comparto fotografico, soprattutto per quanto riguarda il sensore principale da 48MP, mentre grandangolo e macro si rivelano meno soddisfacenti. Molto buona la Oxygen OS, tra le migliori e più sobrie personalizzazioni di Android sulla piazza. Da segnalare il supporto al 5G e alla ricarica rapida a 30W, mentre manca la ricarica wireless. Nel complesso quindi siamo di fronte senza dubbio ad uno dei migliori esponenti all'interno di questa fascia di prezzo, che conferma nuovamente le qualità di un brand apprezzato non a caso da un gran numero di utenti.

Oneplus Nord

OnePlus 8T

Un gradino più in alto dell'ottimo OnePlus Nord troviamo l'OnePlus 8T, versione riveduta e corretta di quell'OnePlus 8 uscito a inizio anno che aveva lasciato qualche dubbio in merito soprattutto alla fascia di prezzo in cui era collocato. Al contrario l'8T appare uno smartphone decisamente più equilibrato, che appena sotto ai 600€ di listino propone una scheda tecnica di assoluto valore, che ruota attorno allo Snapdragon 865 accompagnato da RAM da 8 o 12GB a seconda della versione. Le prestazioni sono eccezionali, con una rapidità nell'esecuzione di qualsiasi compito assolutamente al top: è evidente che dietro c'è un lavoro di ottimizzazione notevole, tale da garantire una certa longevità allo smartphone per parecchi mesi a venire. In tal senso si fa apprezzare la presenza del modulo 5G. Ottima la qualità costruttiva, che trasmette la sensazione di prodotto premium. Il display OLED da 6.55" a 120Hz di ottima qualità restituisce dimensioni sì grandi, ma non enormi: questo, assieme al peso contenuto di 188 grammi rende l'OnePlus 8T un device tutto sommato maneggevole e non eccessivamente ingombrante. Convincente anche la componente fotografica, in passato non proprio la punta di diamante della casa cinese: stavolta il modulo con 4 obiettivi se la cava bene in quasi tutte le situazioni, spiccando in condizioni di buona luminosità ma riuscendo a portare a casa buoni risultati anche negli scatti notturni. Molto bene la personalizzazione di Android 11 con OxygenOS, pulita e pienamente soddisfacente. L'autonomia è garantita dalla buona batteria da 4500 mAh che non dovrebbe mai rischiare di lasciare a piedi durante la giornata, ma il vero vantaggio è dato dal supporto alla carica rapida a 65W, veramente una scheggia in grado di caricare completamente da 0 a 100% in circa 40 minuti.

Oneplus 8T 6

Realme X50 5G

Malgrado quanto possa suggerire una scelta di nome non del tutto sensata, il Realme X50 non è semplicemente una versione "ridotta" dell'X50 Pro, ma piuttosto uno smartphone sensibilmente differente anche per quanto riguarda le dimensioni. Lo schermo ad esempio sale a 6.57 pollici ed è un semplice LCD IPS Full HD+, comunque capace di farsi apprezzare anche in condizioni di luce diretta. Da segnalare i 120Hz, che garantiscono un'elevata fluidità andando leggermente a discapito dell'autonomia. Il SoC è un affidabilissimo Snapdragon 765G che consente di non avere problemi in nessuna situazione d'uso, videogiochi compresi. Da segnalare la presenza del modulo 5G che di fatto pone questo Realme X50, a braccetto con lo Xiaomi Mi 10 Lite, nella posizione di essere lo smartphone più economico sulla piazza dotato di tale caratteristica. Un elemento magari oggi non essenziale vista la scarsa diffusione della rete 5G in Italia, ma interessante per chi intende acquistare un telefono da tenere per alcuni mesi. Ottimo anche il supporto alla ricarica rapida da 30W. Discreta la componente fotografica, comunque più che valida all'interno di questa fascia di prezzo, e ottima la personalizzazione della Realme UI ovviamente basata su Android 10. Il listino che parte da 369,90€ per la versione 6/128GB, destinato a calare nello street price delle prossime settimane, è sicuramente corretto per uno smartphone equilibrato e senza evidenti difetti.

Realme X50 9