I migliori smartphone economici (luglio 2021)

I migliori smartphone economici dai 100 ai 300 euro, nella guida aggiornata a luglio 2021.

RUBRICA di Andrea Palmisano —   10/07/2021
50

La guida ai migliori smartphone economici per luglio 2021 di Multiplayer.it offre un elenco delle nostre proposte all'interno di una delle fasce di prezzo più competitive dell'intero mercato. Ormai sotto i 300€ si trovano infatti un numero esorbitante di prodotti di alta qualità, capaci di soddisfare pienamente le necessità di buona parte degli utenti. Perché mai come in questo momento non è necessario spendere grandi cifre per comprare un ottimo smartphone.

POCO X3 NFC

POCO è uno dei tanti brand appartenenti alla galassia Xiaomi, che ha saputo farsi apprezzare dalle nostre parti - nonostante il nome non molto attraente per gli italiani - soprattutto grazie al Pocophone F1. L'ultimo modello arrivato sul mercato è il POCO X3 NFC, uno smartphone che punta alla fascia bassa del mercato grazie a un prezzo di listino che, a seconda della configurazione, balla tra 230 e 270€. Come però da diverso tempo i produttori cinesi ci hanno insegnato, oramai non è necessario spendere grandi cifre per comprare device perfettamente in grado di assolvere alla maggior parte delle necessità dell'utente medio senza dover scendere a compromessi particolari. È proprio questo il caso del POCO X3 NFC, uno smartphone non certo dalle dimensioni contenute visti i 6,67" di schermo. Quest'ultimo è, prevedibilmente, un LCD IPS, che però sa farsi apprezzare sia per il buon livello di luminosità e saturazione che per il refresh a 120 Hz. Sotto il cofano si trova uno Snapdragon 732G octa core da 2,3 GHz accompagnato da una GPU Adreno 618 e 6GB di RAM: tutt'altro che una scheda tecnica modesta quindi, che riesce a dire la sua perfettamente anche lato gaming, con la gradita aggiunta degli speaker stereo. Notevole poi l'elemento della connettività, che garantisce tutti gli standard più diffusi compreso l'NFC, e la generosa batteria da 5160 mAh che evita qualsiasi problema di autonomia anche mettendo il telefono sotto torchio. Insomma, si tratta sicuramente di una delle proposte più convincenti all'interno di questa fascia di prezzo.

Poco X3 Nfc 4

Xiaomi Redmi Note 10 Pro

Impossibile non includere uno (o più) Xiaomi nella lista dei migliori smartphone economici. La linea Redmi del colosso cinese conferma anche quest'anno di essere particolarmente a fuoco, e il Redmi Note 10 Pro è degnissimo successore del telefono che l'anno scorso ha raccolto un enorme successo. È il design a farsi particolarmente apprezzare stavolta grazie alle linee compatte e al ridotto spessore, che lo rendono relativamente maneggevole pur tenendo conto del generoso display da 6,67". Quest'ultimo è poi un ottimo AMOLED a 120Hz con funzione Always On, che all'interno di questa fascia di prezzo è davvero notevole. Stavolta il cuore è costituito dallo Snapdragon 732G, capace di prestazioni più che soddisfacenti anche in ambito gaming. Completa la dotazione un impianto fotografico degnissimo soprattutto per quanto riguarda l'obiettivo principale da 108MP. Adeguata la batteria da 5000 mAh che, assieme al supporto per la ricarica rapida, dovrebbe essere in grado di soddisfare le necessità di chiunque.

Redmi Note10 Pro 1

Realme 8 Pro

Nuovo arrivato in casa Realme, l'8 PRO giunge sul mercato in realtà forse a fin troppo breve distanza dal predecessore, senza stravolgerne i contenuti tecnici. Ciò nonostante le qualità di Realme rimangono intatte, e anche questo smartphone conferma i motivi per cui il brand è stato in grado nel corso di un tempo relativamente breve di guadagnare quote di mercato. Senza troppi vezzi o convenevoli infatti, anche il Realme 8 PRO condensa contenuti tecnici di buon livello per la fascia di prezzo con una affidabilità generale dovuta a una personalizzazione di Android veramente piacevole, tra le migliori in commercio. La scocca in policarbonato ha consentito di mantenere il peso entro i 176 grammi nonostante il display AMOLED da 6,4", molto luminoso e ben calibrato che però non va oltre i 60Hz. Il processore è uno Snapdragon 720G, identico a quello equipaggiato sul 7 Pro: una scelta che conferma da una parte la bontà di un SoC adeguatissimo anche oggi, e dall'altra riduce leggermente l'appeal del prodotto in senso assoluto. Molto convincente invece il comparto fotografico, con il quadruplo sensore posteriore che trova il punto di forza nell'obiettivo principale da 108MP, in grado di scattare ottime foto sia con buona luce che in notturna. E poi dicevamo della Realme UI 2.0, ben ottimizzata e che non lascia spazio a critiche. Adeguata l'autonomia, con la batteria da 4500 mAh.

Realme 8 Pro

POCO M3

I produttori cinesi non di rado tentano di diversificare la propria offerta tramite sub brand: è in caso di Xiaomi che con POCO sta facendo un ottimo lavoro, lanciando sul mercato smartphone con caratteristiche ben delineate e interessanti. Con il POCO M3 si va verso il fondo della fascia di spesa, ovvero in quella zona in cui il rischio grosso è di trovarsi con device con troppi compromessi nella scheda tecnica per poter risultare come acquisti consigliabili. In questo caso POCO ha voluto ribaltare questa convinzione, e l'M3 è a tutti gli effetti uno dei migliori smartphone che potete comprare oggi con meno di 160€. Il rapporto qualità prezzo è infatti eccellente grazie a una scheda tecnica che ruota attorno allo Snapdragon 662, uno degli ultimi arrivati nella fascia media con GPU Adreno 610 e 4GB di RAM: una combinazione in grado di rispondere alle necessità della maggior parte dell'utenza senza mostrare il fianco a rallentamenti di sorta e senza richiedere compromessi. Ovvio che non sia la scelta ideale per i videogiochi più complessi graficamente, ma con gli altri non ci sono grossi problemi. Notevole anche il display IPS LCD da 6.5" FullHD+ che si fa apprezzare restituendo buoni colori e una luminosità soddisfacente, peccando un po' sull'angolo di visuale. Da segnalare la batteria da 6000 mAh, che si traduce in 2 giorni pieni di uso medio-intenso. Il sistema operativo è Android 10 con Miui 12. I punti deboli sono principalmente legati al reparto fotografico, appena sufficiente, alla mancanza di NFC e ai materiali plastici un po' cheap. Ma se vi serve un muletto o dovete regalare uno smartphone a una persona non troppo esigente, a queste cifre (e magari con qualche sconto sul prezzo di listino) è complicato trovare di meglio.

Poco M3

Motorola Moto G 5G

Il primo Moto G di Motorola è stato uno dei più importanti smartphone economici, capace per la prima volta di dimostrare come fosse possibile spendere "poco" per portarsi a casa un prodotto perfettamente in grado di svolgere la maggior parte delle funzioni senza grandi difficoltà. Da allora sono state numerose le revisioni generazionali del best buy del brand di proprietà di Lenovo, e l'ultima ha confermato le qualità di un prodotto solido e affidabile, che sacrifica un po' l'attenzione al design e la compattezza restituendo però tanta sostanza, a partire dallo Snapdragon 750G che è garanzia di prestazioni sempre a livello. A questo si aggiunge una componente fotografica senza dubbio buona e una autonomia molto soddisfacente, che rende il Moto G 5G capace di tenere testa anche agli utilizzi più intensi. Lo schermo è solo un IPS con risoluzione FHD+ a 60Hz, ma ciò nonostante riesce a comportarsi bene in ogni situazione, pur senza raggiungere ovviamente la qualità degli OLED. Eccellente come sempre la personalizzazione minima di Android, che rende l'esperienza d'uso quasi stock. Lo street price ha ridotto rapidamente un listino tarato leggermente troppo in alto, rendendo il prodotto sicuramente molto appetibile in ultima analisi.

Moto G 5G