I migliori smartphone economici (gennaio 2021)

I migliori smartphone economici dai 100 ai 300 euro, nella guida aggiornata a gennaio 2021.

RUBRICA di Andrea Palmisano   —   01/01/2021
49

La guida ai migliori smartphone economici per gennaio 2021 di Multiplayer.it offre un elenco delle nostre proposte all'interno di una delle fasce di prezzo più competitive dell'intero mercato. Ormai sotto i 300€ si trovano infatti un numero esorbitante di prodotti di alta qualità, capaci di soddisfare pienamente le necessità di buona parte degli utenti. Perché mai come in questo momento non è necessario spendere grandi cifre per comprare un ottimo smartphone.

Xiaomi Redmi Note 9 Pro

Il brand Redmi di Xiaomi ha saputo imporsi nel corso degli anni grazie all'ottimo rapporto qualità/prezzo. Sebbene la stella si sia leggermente offuscata negli ultimi tempi a causa della fortissima concorrenza e di una modesta carica innovatrice dell'intero mercato, il nuovo Redmi Note 9 Pro si conferma uno smartphone solidissimo, che con un listino che parte da 269€ conferma come sia possibile oramai ottenere molto spendendo poco. Certo non è lo smartphone da scegliere se si è attenti alle dimensioni, visti i 76.68 x 165.75 x 8.8 mm per 209 grammi: non siamo in zona "padellone" ma poco ci manca. Il peso è generato in larga parte dalla generosa batteria da 5000 mAh, che consente di puntare senza troppe rinunce ai due giorni di uso. L'ottimo Snapdragon 720G è una scelta che lascia ben poco spazio alle critiche, visto che oramai anche i processori di fascia medio/bassa hanno una potenza di calcolo tale da riuscire a rispondere con reattività alle richieste più comuni dell'utenza. Lo schermo è un 6.67" LCD IPS, quindi nulla di strabiliante ma perfettamente in grado di mantenere la testa alta anche in condizioni di luce diretta. Adeguata alla fascia di prezzo la componente fotografica. Insomma Redmi Note 9 Pro non si può certamente definire uno smartphone rivoluzionario o in grado di sorprendere, ma allo stesso tempo costituisce la classica scelta da fare ad occhi chiusi se si cerca un telefono entro i 300€.

Redmi Note 9 Pro 6

POCO X3 NFC

POCO è uno dei tanti brand appartenenti alla galassia Xiaomi, che ha saputo farsi apprezzare dalle nostre parti - nonostante il nome non molto attraente per gli italiani - soprattutto grazie al Pocophone F1. L'ultimo modello arrivato sul mercato è il POCO X3 NFC, uno smartphone che punta alla fascia bassa del mercato grazie a un prezzo di listino che, a seconda della configurazione, balla tra 230 e 270€. Come però da diverso tempo i produttori cinesi ci hanno insegnato, oramai non è necessario spendere grandi cifre per comprare device perfettamente in grado di assolvere alla maggior parte delle necessità dell'utente medio senza dover scendere a compromessi particolari. È proprio questo il caso del POCO X3 NFC, uno smartphone non certo dalle dimensioni contenute visti i 6,67" di schermo. Quest'ultimo è, prevedibilmente, un LCD IPS, che però sa farsi apprezzare sia per il buon livello di luminosità e saturazione che per il refresh a 120 Hz. Sotto il cofano si trova uno Snapdragon 732G octa core da 2,3 GHz accompagnato da una GPU Adreno 618 e 6GB di RAM: tutt'altro che una scheda tecnica modesta quindi, che riesce a dire la sua perfettamente anche lato gaming, con la gradita aggiunta degli speaker stereo. Notevole poi l'elemento della connettività, che garantisce tutti gli standard più diffusi compreso l'NFC, e la generosa batteria da 5160 mAh che evita qualsiasi problema di autonomia anche mettendo il telefono sotto torchio. Insomma, si tratta sicuramente di una delle proposte più convincenti all'interno di questa fascia di prezzo.

Poco X3 Nfc 4

Samsung Galaxy M31

Impossibile non considerare Samsung in questa lista, visto che il produttore coreano è storicamente uno dei marchi più apprezzati dagli utenti Android ed inoltre possiede un catalogo di prodotti estremamente variegato, che tocca praticamente tutte le fasce di prezzo. All'interno di quella che teniamo in considerazione in questo articolo ci sentiamo di proporre il Galaxy M31 come soluzione ottimale vista la buona scheda tecnica che è in grado di offrire, garantendo così un equilibrio ideale per buona parte di quell'utenza che non ha esigenze particolari. Uno dei punti nevralgici è senza dubbio l'autonomia, e in tal senso la generosissima batteria da 6000 mAh può essere una garanzia assoluta di arrivare a fine giornata e di spingersi anche ai due giorni con un uso meno intensivo. Non ci sono quindi problemi a sfruttare l'ampio display AMOLED FHD+ da 6,4", che dona allo smartphone una spiccata attitudine multimediale. Anche la componente fotografica non è affatto male anche se, come inevitabile in questa fascia di prezzo, i risultati migliori si ottengono in condizioni di buona luminosità della scena. Discrete le prestazioni grazie al SoC Exynos 9611 e ai 6GB di RAM, ma non aspettatevi miracoli in condizioni di pesante stress: si tratta comunque di una configurazione "media", adattissima all'uso delle più comuni attività ma che inizia a mostrare il fiato corto con impegni più gravosi o coi videogiochi di una certa complessità. Piuttosto banale il design: il Galaxy M31 è certamente uno smartphone che si acquista per la sostanza, non per attirare gli sguardi degli amici o dei passanti. Da segnalare la possibilità di espandere la memoria di archiviazione oltre i 64GB iniziali, l'alloggiamento dual SIM e la connettività completa. Insomma, a 280€ circa si tratta di una delle scelte migliori attualmente sul mercato.

Samsung Galaxy M31

Realme 7

Se i soldi a disposizione sono pochini, diciamo meno di 200€, allora una scelta interessante potrebbe essere il nuovo Realme 7, che si pone come successore dell'apprezzato Realme 6. Forse rispetto a quest'ultimo il rapporto qualità/prezzo rispetto alla situazione del mercato è meno brillante, ma la proposta della casa cinese rimane particolarmente apprezzabile, anche grazie ad una personalizzazione di Android molto intelligente, leggera e fedele al materiale originale. Realme 7 è un device di dimensioni generose grazie allo schermo FHD+ da 6.5" a 90Hz, che si fa apprezzare pur non potendo garantire le prestazioni degli OLED. La batteria da 5000 mAh è decisamente capiente e ampiamente sufficiente per concludere la giornata, mentre la ricarica rapida da 30W consente di recuperare autonomia in pochi minuti (il 50% in mezz'ora scarsa). La componente fotografica è funzionale, con 4 obiettivi e sensore principale da 48MP: non aspettatevi miracoli soprattutto con poca luce, ma per le necessità di un'utenza non troppo esigente è più che sufficiente. Il processore Helio G95 non sorprende né in positivo né in negativo, consentendo senza patemi di soddisfare un po' tutte le necessità più comuni. Molto piacevole invece il design, che pur senza inventare nulla dimostra come i Realme siano generalmente dei device sempre gradevoli da vedere: qua abbiamo un notch a punch hole molto poco invadente, un retro molto sobrio ed elegante e un sensore di impronte affogato nel tasto di accensione che si rivela davvero molto pratico, oltre che estremamente veloce e preciso. Insomma, per 179€ di listino il Realme 7 è un prodotto da tenere perlomeno in considerazione.

Realme 7 Pro 1

POCO M3

I produttori cinesi non di rado tentano di diversificare la propria offerta tramite sub brand: è in caso di Xiaomi che con POCO sta facendo un ottimo lavoro, lanciando sul mercato smartphone con caratteristiche ben delineate e interessanti. Con il POCO M3 si va verso il fondo della fascia di spesa, ovvero in quella zona in cui il rischio grosso è di trovarsi con device con troppi compromessi nella scheda tecnica per poter risultare come acquisti consigliabili. In questo caso POCO ha voluto ribaltare questa convinzione, e l'M3 è a tutti gli effetti uno dei migliori smartphone che potete comprare oggi con meno di 160€. Il rapporto qualità prezzo è infatti eccellente grazie a una scheda tecnica che ruota attorno allo Snapdragon 662, uno degli ultimi arrivati nella fascia media con GPU Adreno 610 e 4GB di RAM: una combinazione in grado di rispondere alle necessità della maggior parte dell'utenza senza mostrare il fianco a rallentamenti di sorta e senza richiedere compromessi. Ovvio che non sia la scelta ideale per i videogiochi più complessi graficamente, ma con gli altri non ci sono grossi problemi. Notevole anche il display IPS LCD da 6.5" FullHD+ che si fa apprezzare restituendo buoni colori e una luminosità soddisfacente, peccando un po' sull'angolo di visuale. Da segnalare la batteria da 6000 mAh, che si traduce in 2 giorni pieni di uso medio-intenso. Il sistema operativo è Android 10 con Miui 12. I punti deboli sono principalmente legati al reparto fotografico, appena sufficiente, alla mancanza di NFC e ai materiali plastici un po' cheap. Ma se vi serve un muletto o dovete regalare uno smartphone a una persona non troppo esigente, a queste cifre (e magari con qualche sconto sul prezzo di listino) è complicato trovare di meglio.

Poco M3