Mario Strikers: Battle League Football e le sue modalità online

Mario Strikers: Battle League Football è ottimo in solitaria ed eccezionale in locale, tuttavia c'è molto di più: andiamo alla scoperta delle modalità online.

SPECIALE di Diego Trovarelli   —   02/07/2022
17

È sugli scaffali dei negozi ormai da qualche settimana, si sa, eppure l'onda lunga di divertimento che Mario Strikers: Battle League Football porta con sé non accusa la minima flessione, anzi.

Merito dell'immediatezza delle partite in solitaria (magari in modalità portatile) e della sana follia generata dalle sfide in multiplayer locale, certo. Ciononostante il vero spessore dell'ultima fatica di Next Level Games sembra risiedere altrove, in un punto in grado di risucchiare il giocatore in ore e ore d'intrattenimento e profondità: il comparto online.

Si tratta senza dubbio di una delle punte di diamante più luminose della produzione, capace com'è di aggiungere ciccia succulenta al pacchetto ovviamente grazie ai match di esibizione e soprattutto al nuovissimo Club Striker. Vale quindi la pena di andare alla scoperta delle modalità online di Mario Strikers: Battle League Football, che consentono al più recente rampollo della famiglia Strikers di offrire agli utenti una profondità mai raggiunta prima nella serie.

Match online

Le partite di esibizione online sono un passaggio fondamentale per acquisire esperienza in Mario Strikers: Battle League Football
Le partite di esibizione online sono un passaggio fondamentale per acquisire esperienza in Mario Strikers: Battle League Football

Le partite online sono il terreno perfetto per mettere alla prova l'esperienza accumulata giocando in singolo e in multiplayer locale. Dopo aver spolpato Mario Strikers: Battle League Football in solitaria ed essere diventati un imbattibile schiacciasassi con i nostri amici, è infatti il momento di allargare il proprio raggio d'azione cimentandosi con qualcosa di più competitivo.

I match di esibizione online si rivelano un ottimo banco di prova per testare le nostre abilità calcistiche e impedire al nostro approccio di diventare stagnante. Affrontando avversari sempre nuovi e sconosciuti, saremo infatti spinti a mettere in pratica soluzioni sempre diverse che riescano a prendere d'infilata i nostri rivali.

Una modalità, questa, che in generale sa fare la fortuna di ogni titolo sportivo, e che con Battle League Football non fa eccezione, anzi. Se pensate di aver acquisito in single player (o in famiglia) un metodo di gioco ormai collaudato e affidabile, occhio, perché probabilmente la vostra strategia si sta solo appiattendo. Ragion per cui, le sfide online rappresentano un modo per migliorare ulteriormente e misurarsi contro avversari che vi costringeranno a rimboccarvi le maniche. Cercare nuove tattiche difensive e strade alternative per arrivare al gol è fondamentale in un titolo dotato di un gameplay molto più stratificato di quello si creda, e i match che ci mettono di fronte a rivali di cui non conosciamo i punti deboli si dimostrano un ottimo esame da sostenere.

A questo proposito, è importante sottolineare come in Battle League Football non si faccia più differenza tra le lobby aperte a tutti e quelle private; un cambio di rotta che ora consente di sfidare degli sconosciuti in coppia con un utente della propria lista amici. Un ottimo passo avanti, non c'è che dire, che rende l'esperienza online ancora più completa e accattivante.

Club Striker

Nella modalità Club Striker di Mario Striker: Battle League Football potremo gestire e personalizzare il nostro team
Nella modalità Club Striker di Mario Striker: Battle League Football potremo gestire e personalizzare il nostro team

Come detto, le partite di esibizione online sono uno strumento utilissimo sia per accrescere la propria bravura sia per arricchire le vostre ore di volo in compagnia del metallo di Mario e soci. Ciononostante è il Club Striker a rappresentare il cuore e l'anima del pacchetto proposto da Battle League Football. Si tratta di una sostanziosa modalità online che regala la possibilità di fondare da zero una squadra, che poi si renderà disponibile anche all'utilizzo offline. Squadra che sarà personalizzabile in elementi come il nome, lo stadio, la divisa e i colori sociali e della quale potranno far parte i nostri amici o gli sconosciuti che decideranno di aderire.

"Ok, abbiamo creato il nostro club, tutto bellissimo, ma cosa c'è di speciale?" direte voi, ed è qui che entra in scena lo spirito di squadra del titolo Nintendo. Innanzitutto, a differenza delle semplici partite online in cui è consentito utilizzare l'equipaggiamento ottenuto offline, nel Club Striker ci si adatta ai nostri compagni di squadra, potendo utilizzare soltanto i personaggi che fanno parte del team. Ciascun membro porta in dote il proprio personaggio preferito e provvede a giocare online per far guadagnare punti alla propria compagine. Ma saremo il Real Madrid che punta alla Champions League, o la Salernitana che mira alla salvezza? Vorremmo fare giusto qualche partitella senza pensieri o per noi vincere è l'unica cosa che conta? Ecco, nel Club Striker saremo quello che vorremo.

Già, perché in Battle League Football anche gli obiettivi di squadra andranno settati all'inizio della nostra avventura, in modo da diventare una sorta di manifesto sociale. Giocare per divertirsi; per migliorare; per vincere... ogni team può decidere lo spirito con cui affrontare la stagione, in un meccanismo che ci fa sentire un po' giocatore e un po' presidente, un po' amministratore delegato e un po' quello che aggiunge i suoi 5 euro alla colletta per pagare l'affitto del campo da calcetto.

In Mario Strikers: Battle League Football la collaborazione è basilare, specie nel Club Striker
In Mario Strikers: Battle League Football la collaborazione è basilare, specie nel Club Striker

Stagioni, dicevamo: esatto, perché il sistema è organizzato appunto in season della durata di una settimana, inframmezzate da una sosta di altrettanti giorni. A decidere le nostre sorti nel campionato a cinque squadre in cui saremo inseriti saranno gli spietati numeri della classifica, che provvederanno a promuovere o condannare alla retrocessione la nostra banda.

Un meccanismo, quello del Club Striker, che stimola il giocatore a mettersi a disposizione lottando per un obiettivo, remando a favore del bene comune accettando di anteporre la maglia all'individualismo. Siamo al cospetto di una modalità la cui presenza è decisiva per quanto riguarda l'identità multiplayer della produzione, capace com'è di sprigionare tutte le potenzialità cooperativo-competitive del titolo targato Next Level Games e di regalare decine di ore di sano divertimento.

E al termine della stagione? Be' le pause sono sì importanti per ricaricare le batterie, ma offrono anche una ghiotta occasione per disputare match amichevoli utili per ottenere materiali e risorse con cui arricchire il nostro club. Risorse che serviranno a migliorare il team o semplicemente a rinfrescarne l'immagine attraverso tutta una serie di elementi cosmetici.

Far trionfare il nostro club con un ipertiro proprio allo scadere è una goduria in Mario Strikers: Battle League Football
Far trionfare il nostro club con un ipertiro proprio allo scadere è una goduria in Mario Strikers: Battle League Football

In definitiva, Club Striker si dimostra un'opzione che potenzia al massimo l'essenza multigiocatore di Mario Strikers Battle League Football, spingendola verso vette mai raggiunte finora dalla serie. Condividere un obiettivo comune e gioire per un risultato raggiunto in extremis (magari con un ipertiro proprio sul fischio finale) rappresenta quel quid in più che impreziosisce una produzione già di per sé ottima e che finora mancava al brand. Una lacuna colmata egregiamente.

E voi? Vi siete già immersi nello stratificato mondo online di Battle League Football? Fatecelo sapere nei commenti.