I migliori giochi di zombie (e affini) 48

La passione per gli zombie non muore mai nemmeno nei videogiochi: ecco i migliori in circolazione.

SPECIALE di Claudio Camboni —   18/01/2019

Indice

Ci sono poche cose nella vita che non annoiano mai e resistono di generazione in generazione senza passare di moda: una di questa è certamente la passione per gli zombie. Ciclicamente, in base a eventi particolari o "prodotti" di forte richiamo, ecco che la mania per i non-morti ritorna più forte. Qualche anno fa, dopo l'uscita della prima stagione di The Walking Dead, masse isteriche, cani e gatti, nonni e ragazzini, insomma un po' mezzo mondo erano in fibrillazione per le nuove avventure "zombesche" della televisione. Oggi stiamo aspettando una nuova trepidante saga a base di camminanti, ma stavolta su console: parliamo di Days Gone, esclusiva PS4 in uscita la prossima primavera. E la febbre torna a salire. Per festeggiare l'evento, vogliamo ripercorrere la lunga storia dei videogiochi attraverso alcuni titoli cardine del genere, dividendoli per genere o particolari meriti: scopriamo quali sono i nostri preferiti, e voi ovviamente dite i vostri!

Migliori titolo action

La storia dei videogiochi è costellata di piccoli e grandi perle, capolavori e ottimi giochi action con zombie attori non protagonisti. Uno di quelli che ci è rimasto nel cuore è sicuramente l'incredibile Resident Evil 4 (potevamo non citare un episodio della saga?). Conosciuto in Giappone come Biohazard 4, rappresenta per il genere survival horror una decisa svolta nel gameplay, qua molto più imperniato sull'azione e l'avventura. Visuale spostata in terza persona e grafica pazzesca per l'epoca (uscì su Gamecube nel 2005 ed è tutt'oggi uno spettacolo visivo). Gli zombie in realtà furono sostituiti con i letali e temibili "Los Ganados", infetti da un parassita che li rendeva anche decisamente più veloci dei non-morti. Vogliamo citare anche un altro gioco action, chiaramente ispirato da Resident Evil 4, che fu il bellissimo The Last of Us per Playstation 3. Ma, come si sa, chi "apre le porte" ha per sempre un gradino d'onore tra i migliori di sempre.

Migliore strategico

Non si tratta in realtà di un classico strategico puro al 100%, ma quando si parla di zombie dobbiamo sempre calcolare una venatura action e un mix con elementi survival. In ogni caso, impossibile nominare i migliori senza citare quello da cui tutto ebbe inizio: Zombies Ate My Neighbors era un gioco LucasArts uscito nel 1993 su Super Nintendo come parodia dei classici film horror, con un lato decisamente ironico e scanzonato accostato ad elementi puramente shooter e avventurosi. La visuale isometrica dall'altro gli dona quel gameplay tipicamente anni '90 che ci manca tanto. In Zombies Ate My Neighbors bisognava esplorare, risolvere enigmi, trovare porte segrete e avanzare attraverso quasi cinquanta livelli. In tempi più ravvicinati, invece, doveroso citare il primo State of Decay per Xbox, titolo nel quale la pianificazione e la strategia sono fondamentali per il proseguimento dell'avventura.

Migliore arcade

Chi non ha mai sparato un colpo su The House of Dead di SEGA, in sala giochi, alzi una mano! Era il lontano 1997, ormai più di venti anni fa, quando in sala giochi uscì il primo capitolo di questa amatissima serie giapponese. Si trattava di un gioco da affrontare armati di Light Gun, la pistola da sala giochi di SEGA dotata di sei colpi da ricaricare. The House of Dead ha avuto molti seguiti e porting su console, come quello per Sega Saturn e Dreamcast. Inoltre, la saga è stata arricchita da svariati spin off come gli spassosi Typing of the Dead, capitoli da affrontare con una tastiera al posto della classica arma e tanta velocità di scrittura. Pur essendo uno shooter "puro" possedeva una trama non banale e abbastanza complessa, che si dipanava attraverso molte cut-scenes ad alto tasso adrenalinico e un finale di stampo hollywoodiano.

Miglior survival

Nato come costola di Arma II, DayZparte come mod e acquisisce sempre più importanza tra i fan tanto da portare ad una versione completa e stand alone. Il gioco è un open world online dove i giocatori si trovano a collaborare o combattere tra loro, ovviamente con l'intento di sopravvivere alle orde zombie sparse per il mondo. DayZ è un gioco in continua evoluzione, quindi anche dopo aver raggiunto la versione 1.0 continua e continuerà a crescere nei mesi e negli anni a venire.

Miglior gioco mobile

Potremmo banalmente parlare di uno dei nostri giochi portatili preferiti: Walking Dead: No Man's Land che si riallaccia alle gesta della serie senza prenderne i protagonisti, nonostante in copertina faccia bella mostra Daryl. In assoluto però, il gioco che pensiamo abbia spopolato nel mondo cellulare è senza ombra di dubbio il cult Plants vs Zombie, nonostante sia uscito leggermente prima su PC e successivamente su praticamente ogni piattaforma esistente. Si tratta di un classico tower defense con solidi elementi strategici, dove livello dopo livello dobbiamo affrontare orde di zombie sempre più agguerriti e affamati. E' sicuramente uno dei videogiochi che può vantare il maggior numero di tipologie di zombie: se ne contano ben 38 nel primo capitolo.

Migliore grafica

Sulle console di nuova generazione e PC stanno scorrendo potentissimi molti giochi zombie dalla grafica veramente esagerata. Potremmo citare il buon Dying Light e il suo open world creato in modo veramente minuzioso, oppure Dead Rising 4 e le sue centinaia di non-morti contemporaneamente visualizzati su schermo. Vogliamo però rendere omaggio a un titolo che si segnala anche per innovazione tecnologica, soprattutto nella sua versione VR per Playstation 4: parliamo ovviamente del terrorizzante Resident Evil 7 , un gioco che ha nuovamente riscritto il genere ed ha saputo portare numerose novità sia nel gameplay che nel comparto grafico. Assolutamente da giocare, magari con un bel visore.

Miglior multiplayer online

Negli ultimi anni abbiamo potuto giocare a innumerevoli giochi in multiplayer online. Dalle versioni Zombie di Call of Duty a DayZ, il gameplay di ognuno di questi giochi ha fatto storia a sé. C'è però un titolo che ha saputo dare, secondo noi, qualcosa in più proprio dal punto di vista della giocabilità e delle novità apportate al genere. Vogliamo citare quindi Left 4 Dead , piccolo grande capolavoro uscito sulle precedenti console e PC ormai dieci anni fa. In Left 4 Dead si alternavano sessioni di classica campagna online con altri tre amici a partite in versus fino a otto giocatori, dove 4 infetti dovevano fermare la fuga di 4 umani. C'era poi l'appassionante modalità sopravvivenza dove si doveva resistere a orde di zombie sempre più massicce senza ovviamente lasciarci le penne.

#Editoriali

I nostri speciali e approfondimenti più interessanti o che dibattono degli argomenti del momento, li trovate in questo tag.