Monster Hunter Rise, intervista col producer Ryozo Tsujimoto

Abbiamo intervistato il producer Ryozo Tsujimoto e il director Yasunori Ichinose: ecco cosa abbiamo scoperto su Monster Hunter Rise... oltre al fatto che uscirà su PC nel 2022!

INTERVISTA di Christian Colli   —   26/02/2021
10

Monster Hunter Rise sarà il titolo per Switch che dominerà questa prima metà del 2021: in uscita a fine marzo, il nuovo episodio della celebre serie Capcom tornerà su console Nintendo dopo qualche anno di pausa in cui ha militato su PC, PlayStation 4 e Xbox One e arriverà su PC all'inizio del prossimo anno. Per i possessori della console ibrida che hanno giocato solo la conversione di Monster Hunter Generations Ultimate da Nintendo 3DS a Switch qualche tempo fa, questa sarà un'esperienza nuova, più vicina a Monster Hunter World in termini di gameplay. Monster Hunter Rise, però, migliora ancor di più la dinamicità degli scontri grazie all'introduzione del nuovissimo Insetto filo. Ve ne abbiamo parlato a fondo nel nostro recente provato della demo che è stata temporaneamente disponibile su eShop, ma Capcom ci ha dato anche l'opportunità di visionare un paio di cacce vere e proprie e di intervistare il producer Ryozo Tsujimoto e il director Yasunori Ichinose.

Intervista col producer e il director

Yasunori Ichinose e Ryozo Tsujimoto.
Yasunori Ichinose e Ryozo Tsujimoto.

Avete mai pensato di implementare nuovamente il nuoto e il combattimento subacqueo in Monster Hunter Rise?
Ryozo Tsujimoto: Ammettiamo che ogni volta che esce un nuovo gioco della serie, i fan ci chiedono sempre come mai non abbiamo implementato qualche feature comparsa nei titoli precedenti. In realtà non è che vogliamo escluderle, ma preferiamo concentrarci di volta in volta su un nuovo concept che cambi l'esperienza di gioco. In questo caso si tratta dell'Insetto filo, che cambia il modo in cui i giocatori si muovono e si spostano. Mescolare dinamiche così diverse sarebbe stato difficile e sarebbe venuto fuori di tutto un po'. Preferiamo scegliere con attenzione i nostri obiettivi, invece di mettere tutto insieme.

Gli Attacchi filo ci hanno ricordato le Arti da caccia di Monster Hunter Generations Ultimate che non erano presenti in Monster Hunter World: come mai avete deciso di riportarle in gioco proprio adesso?
Ryozo Tsujimoto: È un paragone interessante che ha molto senso. Non volevamo copiarle direttamente da Generations Ultimate: la nostra intenzione era implementare l'Insetto filo in vari modi, combinandolo col sistema di combattimento e non solo con gli spostamenti. A quel punto l'idea degli Attacchi filo è venuta da sé e ci siamo ispirati solo un pochino alle Arti da caccia.

Monster Hunter Rise: l'inedito Tetranadon.
Monster Hunter Rise: l'inedito Tetranadon.

Possiamo aspettarci lo stesso, ottimo supporto che ha ricevuto Monster Hunter World nei due anni successivi all'uscita?
Ryozo Tsujimoto: Abbiamo in mente un supporto grande e duraturo per Monster Hunter Rise, com'è già successo coi titoli passati della serie, ma ovviamente dovremo cambiare qualcosa per il semplice motivo che gira su una console ibrida che non funziona solo sulla TV. Divulgheremo maggiori dettagli in futuro, ma potete sicuramente aspettarvi missioni aggiuntive con ricompense speciali come Stili armatura, armi e così via.

Che tipo di sfide avete affrontato mentre sviluppavate Monster Hunter Rise per Switch?
Ryozo Tsujimoto: Per noi è stata la prima volta che sviluppavamo su Nintendo Switch da zero, quindi abbiamo dovuto imparare a lavorare col nuovo hardware e all'inizio non è stato facile. Tuttavia, avendo usato il RE Engine proprietario di Capcom, ci siamo abituati più in fretta del previsto e alla fine siamo riusciti a portare avanti lo sviluppo molto più serenamente. Con ottimi risultati, aggiungerei.

A questo proposito, c'è niente che avreste voluto implementare e che magari non siete riusciti per questioni di tempo o risorse?
Ryozo Tsujimoto: Sono molto soddisfatto del lavoro compiuto con Monster Hunter Rise, che credo sia proprio il miglior titolo portatile della serie da un punto di vista prettamente tecnico. Forse sarebbe stato bello sfruttare le proprietà uniche di Switch, per esempio il touch screen o il motion control, ma dato che il gioco deve funzionare anche su una normale TV siamo contenti così.

Monster Hunter Rise: anche il Bishaten è un mostro tutto nuovo.
Monster Hunter Rise: anche il Bishaten è un mostro tutto nuovo.

Abbiamo visto l'ultimo trailer del Nintendo Direct in cui avete mostrato la Furia e ci chiedevamo come funzionasse questa nuova meccanica...
Ryozo Tsujimoto: La Furia - Rampage, in inglese - è una feature inedita di Monster Hunter Rise che viene spiegata nella trama del gioco. Praticamente si tratta di una calamità che affligge il villaggio di Kamura: ogni tanto i mostri lo attaccano tutti insieme, e a quel punto tutti gli abitanti, e non solo il cacciatore, uniscono le forze per respingerli. Potete considerarla una missione speciale che serve a delineare meglio il villaggio e il cast dei comprimari, che saranno coinvolti tutti nell'azione. Per vincere non dovrete soltanto combattere i mostri, ma svolgere diversi compiti. Sarà molto divertente.

A questo proposito, gli assedi multigiocatore di Monster Hunter World come il Safi'jiva o la Kulve Taroth erano davvero coinvolgenti: possiamo aspettarci qualcosa di simile in Monster Hunter Rise?
Ryozo Tsujimoto: Abbiamo deciso di escludere gli assedi dai nuovi contenuti per una questione di design: per giocare Monster Hunter Rise non è strettamente necessario collegarsi a Internet, e le missioni multigiocatore possono essere affrontate anche in locale. Per questo motivo non ci saranno contenuti che richiedono più di quattro giocatori: li abbiamo progettati tutti pensando a piccole squadre.

Monster Hunter Rise: Nintendo produrrà un amiibo del Magnamalo.
Monster Hunter Rise: Nintendo produrrà un amiibo del Magnamalo.

Nell'ultimo trailer si parla dei mostri Apex: sono gli stessi che abbiamo cacciato in Monster Hunter 4 Ultimate?
Ryozo Tsujimoto: A dire il vero sono un po' diversi da quelli di Monster Hunter 4, ma sono comunque mostri più forti e letali che possiedono schemi di attacco completamente nuovi. L'Arzuros Apex, per esempio, è molto più impegnativo della sua controparte normale. Alcuni di loro potrebbero persino attaccare il villaggio durante la Furia. Abbiamo pensato che fosse un modo divertente per mettere ulteriormente alla prova i cacciatori.

La domanda da un milione di dollari: ci sarà il Grado Maestro?
Ryozo Tsujimoto: Non abbiamo preparato un Grado Maestro per Monster Hunter Rise, ma ci saranno comunque tante missioni da completare visto che quelle del villaggio sono separate da quelle multigiocatore.

Per finire, dobbiamo proprio chiedervelo: quanto sarà esclusivo Monster Hunter Rise per Switch?
Ryozo Tsujimoto: (ride) In effetti, siamo orgogliosi di annunciare che Monster Hunter Rise arriverà anche su PC all'inizio del 2022. Per adesso non possiamo dirvi altro, ma speriamo che il gioco vi piaccia in qualsiasi formato sceglierete di acquistarlo.

Monster Hunter Rise: il Mizutsune era presente anche nella demo.
Monster Hunter Rise: il Mizutsune era presente anche nella demo.