Il 58% degli americani adulti crede nel legame tra videogiochi e violenza 91

Capri espiatori, capri espiatori da tutte le parti!

NOTIZIA di Mattia Armani —   26/02/2013

Secondo un sondaggio di Harris Poll il 58% degli adulti americani è convinto che ci sia un legame tra videogiochi e violenza. Prevedibilmente a influenzare il giudizio interviene anche il bombardamento mediatico che puntualmente sottolinea tutti quei killer che sono anche videogiocatori ma non compie passaggi logici degni dell'intelligenza umana.

Il gioco come sperimentazione della realtà fa parte degli esseri umani evoluti, quelli che possono fare la raccolta differenziata e immaginarsi assassini e che mostrano una capacità di astrazione ben superiore a chi cerca continuamente di incolpare tutto tranne l'uomo di come l'uomo è fatto. La deresponsabilizzazione, insomma, non è un fenomeno esclusivamente italico anche se da noi, colpendo sul versante lavorativo, si traduce in una vera e propria violenza nei confronti delle persone oneste.

Il sondaggio, effettuato su 2.278 adulti americani, ha, ovviamente, una valenza relativa, ma mette in luce alcuni dati interessanti. Il 33% degli intervistati, per esempio, lascia che i figli giochino a tutto quello che desiderano, mentre il 47% non crede che il sistema di rating per fasce d'età sia utile per tenere i giovani lontani dai titoli più adatti a un pubblico maturo.

Fonte: VentureBeat