Acquisizione Activision Blizzard, sul lungo periodo potrebbe rivelarsi un male, per Mark Darrah

L'acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft potrebbe rivelarsi un male sul lungo periodo, secondo l'ex Bioware Mark Darrah.

Acquisizione Activision Blizzard, sul lungo periodo potrebbe rivelarsi un male, per Mark Darrah
NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   27/11/2022
105

Mark Darrah ritiene che l'acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft potrebbe rivelarsi un male per l'industria sul lungo periodo. Darrah è stato Bioware per vent'anni ed è stato il producer del primo Dragon Age. Viene giustamente considerato un veterano dell'industria.

In realtà il suo pensiero è più diretto verso le acquisizioni in generale, ma Activision Blizzard viene presa come esempio. Secondo lui, troppo controllo potrebbe portare a un taglio dei costi e a una riduzione della creatività.

Darrah: "Dico che il consolidamento è probabilmente negativo nel lungo periodo. Microsoft che compra Activision Blizzard potrebbe essere una buona cosa nel breve periodo, perché sembra che culturalmente Activision Blizzard abbia bisogno di qualcuno che vada con un soffiatore per foglie e ripulisca ogni angolo."

"Ma sul lungo periodo i consolidamenti sono generalmente negativi perché quando hai abbastanza controllo, inizi a voler controllare i costi e ciò significa anche abbassare la creatività, riducendo i rischi."

"Quindi, probabilmente sarà negativo sulla lunga distanza, ma potrebbe essere buono nel caso di Activision Blizzard a breve termine."

C'è da dire che in questo caso Microsoft non sta acquisendo uno studio indipendente che ha sempre fatto ciò che ha voluto, ma una realtà industriale che, in quanto tale, ha già soppresso da tempo la creatività a favore del prodotto, com'è naturale che sia. Quindi i rischi sono ridotti, da questo punto di vista.