Activision Blizzard denunciata da New York City a causa di Bobby Kotick e l’accordo con Microsoft

New York City ha intentato una causa ad Activision Blizzard, prendendo di mira principalmente Bobby Kotick, reo di aver compromesso il valore della compagnia.

NOTIZIA di Stefano Paglia   —   04/05/2022
75

New York City ha intentato una causa legale ad Activision Blizzard, prendendo di mira principalmente il CEO Bobby Kotick, accusato di aver compromesso il valore dell'azienda e di aver concluso rapidamente la trattativa per l'acquisizione di Microsoft per sottrarsi dalle responsabilità per gli illeciti commessi all'interno della compagnia.

Come riportata da Axios, la causa è stata registrata presso il Delaware il 26 aprile dal New York City Employees' Retirement System e dai gruppi dei fondi pensione per insegnanti, polizia e vigili del fuoco della città. Tali enti possiedono azioni Activision e ritengono che le azioni del CEO danneggino il valore dell'azienda.

La causa è stata registrata presso la Court of Chancery del Delaware e consentirebbe di fare pressioni sulle società per accedere ai libri contabili e smascherare potenziali illeciti. Nello specifico viene chiesto ad Activision Blizzard di fornire un lungo elenco di documenti, incluso materiale relativo all'accordo con Microsoft, le informazioni sui cinque possibili acquirenti citati in precedenza dalla compagnia e altro ancora.

Apprendiamo inoltre che sono state fatte pressioni al riguardo già durante lo scorso autunno, per scoprire cosa sapeva Bobby Kotick sui casi di molestie e discriminazioni. Come indicato nella denuncia l'accesso ai libri contabili inoltre era un pretesto per citare in giudizio Kotick e i membri del consiglio di amministrazione di Activision Blizzard, rei di aver diminuito il valore della compagnia con la loro condotta.

Activision Blizzard
Activision Blizzard

"Data la responsabilità personale di Kotick e la responsabilità per il posto di lavoro compromesso di Activision, avrebbe dovuto essere chiaro al consiglio di amministrazione che non era idoneo a negoziare una vendita della società", afferma la causa. "Ma non lo era."

I documenti della causa inoltre affermano che l'accordo con Microsoft, tutt'ora in attesa di approvazione da parte delle autorità di regolamentazione, consente a "Kotick e i suoi colleghi del Cda di sfuggire alle responsabilità per le loro eclatanti violazioni del dovere fiduciario" e che l'acquisto delle azioni a 95 dollari di Microsoft sottovaluta il reale valore della società.

Questa è solo l'ennesima causa legale che Activision Blizzard si trova ad affrontare sin dalla scorsa estate, quando è stata accusata ufficialmente di aver permesso il verificarsi di molestie e discriminazioni di genere all'interno del luogo di lavoro. Lo stesso Bobby Kotick è stato accusato di aver molestato un'impiegata.