Activision: i report sui licenziamenti sono falsi secondo la società

Activision Blizzard afferma che i report sui licenziamenti degli sviluppatori di Toys For Bob sono falsi. Ecco la dichiarazione completa.

NOTIZIA di Nicola Armondi   —   01/05/2021
13

Negli ultimi giorni erano circolate alcune voci secondo le quali vari sviluppatori di Toys for Bob - team che si è occupato di Crash Bandicoot 4 e Spyro: Reignited Trilogy - erano stati licenziati. I rimanenti, invece, erano stati dirottati verso Call of Duty, che necessiterebbe del massimo supporto di tutti i team interni di Activision. Ora, la compagnia afferma che i report sono falsi.

Come potete vedere nel tweet qui sotto, il profilo Twitter Call of Duty News riporta una dichiarazione di Activision, la quale afferma che: "I report dei licenziamenti presso Toys for Bob sono scorretti. Non c'è stata alcuna riduzione del personale recentemente presso lo studio. Il team di sviluppo sta operando nella propria interezza e ci sono varie posizioni per lavori a tempo pieno disponibili. Lo studio non vede l'ora di continuare a supportare Crash Bandicoot 4 It's About Time e, recentemente, ha offerto supporto di sviluppo aggiuntivo a Call of Duty Warzone."

Secondo quanto dichiarato, quindi, il team non ha subito alcun tipo di licenziamento, almeno non "recentemente". Sono invece vere le affermazioni che volevano Toys for Bob al lavoro su Call of Duty. Lo sparatutto di Activision è sempre più grande, tra capitoli premium e free to play: è comprensibile che la società voglia dare il massimo supporto all'IP, visto anche il successo, utilizzando i propri team.

Pare infatti che tutti i team di sviluppo di Activision Blizzard siano al lavoro sulla serie.